Ravello Tir si incastra nella notte

0

Ravello Imbocca la strada sbagliata e resta incastrato nei tornanti della Costiera Amalfitana. E’ successo la scorsa notte a un autotrasportatore di nazionalità greca che per raggiungere Tramonti col suo autoarticolato ha pensato bene di risalire dalla Statale 163 Amalfitana attraverso la Provinciale ex 373 Castiglione-Ravello. Dopo aver superato senza non poche difficoltà i primi tornanti, il malcapitato è dovuto arrendersi a Civita, nella curva dell’ex frantoio, quasi al bivio per Pontone, con l’autoarticolato che in fase di manovra si è letteralmente incastrato. L’episodio si è verificato intorno alle 2,30 con l’autista del mezzo pesante, deputato al trasporto di cavi in fibra ottica, resosi conto troppo tardi che sarebbe stato quasi impossibile proseguire la marcia. Ne è scaturito il caos con un blocco della circolazione per le poche auto che transitavano a quell’ora. Sul posto sono giunti i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, i Vigili del Fuoco del distaccamento di Maiori e l’autista esperto Antonio Paolillo che dopo circa due ore di assistenza alle manovre – al limite – è riuscito nell’impresa. Il conducente, prima di riprendere la marcia per Tramonti (è stato arduo anche superare la curva successiva), è stato sanzionato come previsto dal Codice della Strada a e dalle norme vigenti sull’arteria. Non è la prima volta – e non sarà nemmeno l’ultima – che mezzi pesanti si “avventurano” per i tornanti della “Divina” nonostante le rigide regolamentazioni dell’ANAS. Foto: A. Amato , Il Vescovado

Ravello Imbocca la strada sbagliata e resta incastrato nei tornanti della Costiera Amalfitana. E' successo la scorsa notte a un autotrasportatore di nazionalità greca che per raggiungere Tramonti col suo autoarticolato ha pensato bene di risalire dalla Statale 163 Amalfitana attraverso la Provinciale ex 373 Castiglione-Ravello. Dopo aver superato senza non poche difficoltà i primi tornanti, il malcapitato è dovuto arrendersi a Civita, nella curva dell'ex frantoio, quasi al bivio per Pontone, con l'autoarticolato che in fase di manovra si è letteralmente incastrato. L'episodio si è verificato intorno alle 2,30 con l'autista del mezzo pesante, deputato al trasporto di cavi in fibra ottica, resosi conto troppo tardi che sarebbe stato quasi impossibile proseguire la marcia. Ne è scaturito il caos con un blocco della circolazione per le poche auto che transitavano a quell'ora. Sul posto sono giunti i Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile, i Vigili del Fuoco del distaccamento di Maiori e l'autista esperto Antonio Paolillo che dopo circa due ore di assistenza alle manovre – al limite – è riuscito nell'impresa. Il conducente, prima di riprendere la marcia per Tramonti (è stato arduo anche superare la curva successiva), è stato sanzionato come previsto dal Codice della Strada a e dalle norme vigenti sull'arteria. Non è la prima volta – e non sarà nemmeno l'ultima – che mezzi pesanti si "avventurano" per i tornanti della "Divina" nonostante le rigide regolamentazioni dell'ANAS. Foto: A. Amato , Il Vescovado

Lascia una risposta