Ravello Nasce “Rinascita Ravellese” Di Martino si allea con Di Palma e abbandona il simbolo della “Campana”

0

L’alleanza Di Martino – Di Palma, che era nell’aria da mesi per noi, è diventata ufficiale e sabato si presenterà il nuovo soggetto politico che sfiderà il sindaco uscente Paolo Vuilleumier di “Insieme per Ravello” nella prossima primavera, c’è fermento nella città della musica, la discussione è accesa e la battaglia è pronta . Complimenti dunque a Ravello l’unico paese in Costiera amalfitana dove vi è fermento politico, mentre Praiano, Conca e Cetara , gli altri comuni della Costa d’ Amalfi, si avviano al voto con un grigiore senza precedenti, nel senso che non vi è dibattito ne discussione, ne dalle inesistenti opposizioni, che appariranno forse all’ultimo minuto, ne dai sindaci che, anche se avranno fatto bene, farebbero bene aprire un dibattito e confrontarsi con i cittadini, anche se è sicura la riconferma, sarebbe un bene per la cittadinanza e per la democrazia. A Ravello continua la marcia di Salvatore Di Martino verso le elezioni del prossimo 2016, come anticipato da tempo, vi è stato l’avvicinamento di Ulisse Di Palma, che ha lasciato “Ravello nel Cuore” (che deve decidere se scendere in campo , probabilmente con Nicola Amato ) e il passo successivo è stata la nascita di “Rinascita Ravellese” con Di Martino che lascia il simbolo della Campana che lo portò alla vittoria nel 1985 e alle due tornate successive fino allo scontro con Secondo Amalfitano, con strascichi durissimi,  ma ora lo stesso  potrebbe addirittura appoggiarlo visto i rapporti durissimi con il sindaco in carica Paolo Vuilleumier . I due consiglieri hanno firmato un manifesto congiunto .«Esperienza e Rinnovamento rappresentano un nuovo progetto politico, animato da un forte senso di responsabilità che i cittadini ci chiedono di assumere per una svolta radicale, che possa risollevare Ravello dalla paludosa melma in cui l’ ha impantanata un’ Amministrazione incapace e miope Unire l’esperienza e un forte rinnovamento di idee e persone con nuove energie porterà a lavorare con entusiasmo al progetto di Rinascita Ravellese  Ravello merita un riscatto economico, sociale e culturale. Ravello merita una reale Rinascita recuperando progetti per il paese mai portati a termine, restituendo dignità ad un turismo fatto di servizi e di accoglienza d’eccellenza, riorganizzando la macchina amministrativa oramai senza motore e benzina, riportando interesse ed attenzione presso l’opinione pubblica per grandi iniziative e non fallimentari operazioni di bottega. Una Rinascita che parta dal basso, dal sentire comune di una collettività che si considera orfana di un organo di rappresentanza istituzionale vitale e credibile. Questa è l’esigenza di fondo che oggi accomuna i due capigruppo consiliari di opposizione nella ritrovata speranza di restituire a Ravello una guida amministrativa che sappia coniugare esperienza e profondo rinnovamento e possa urgentemente offrire risposte concrete ai tanti, troppi problemi miseramente lasciati irrisolti o addirittura fronteggiati con scelte tanto maldestre, quanto irresponsabili». Sabato 19 dicembre, alle 18, presso la sala convegni dell’hotel Giordano la presentazione ufficiale del nuovo movimento a cui tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. «E’ l’inizio di un nuovo percorso che, nascendo da posizioni amministrative contrapposte , da esperienze diverse e da storie personali distinte, intende suggerire un cammino di libertà, un cammino di autentica Rinascita Ravellese, ispirata all’unità dei propositi, alla serietà dei progetti e alla forza delle idee. L’alleanza di oggi non rappresenta un accordo sotterraneo ma, un incontro leale di energie umane e professionali, che è forte della legittimazione conseguita sul campo, dopo momenti di comune confronto vissuti dai banchi dell’opposizione ed è reso credibile dalla voglia di riscatto a beneficio di un’intera comunità, dopo anni di buio amministrativo e di torpore civile».

L'alleanza Di Martino – Di Palma, che era nell'aria da mesi per noi, è diventata ufficiale e sabato si presenterà il nuovo soggetto politico che sfiderà il sindaco uscente Paolo Vuilleumier di "Insieme per Ravello" nella prossima primavera, c'è fermento nella città della musica, la discussione è accesa e la battaglia è pronta . Complimenti dunque a Ravello l'unico paese in Costiera amalfitana dove vi è fermento politico, mentre Praiano, Conca e Cetara , gli altri comuni della Costa d' Amalfi, si avviano al voto con un grigiore senza precedenti, nel senso che non vi è dibattito ne discussione, ne dalle inesistenti opposizioni, che appariranno forse all'ultimo minuto, ne dai sindaci che, anche se avranno fatto bene, farebbero bene aprire un dibattito e confrontarsi con i cittadini, anche se è sicura la riconferma, sarebbe un bene per la cittadinanza e per la democrazia. A Ravello continua la marcia di Salvatore Di Martino verso le elezioni del prossimo 2016, come anticipato da tempo, vi è stato l'avvicinamento di Ulisse Di Palma, che ha lasciato "Ravello nel Cuore" (che deve decidere se scendere in campo , probabilmente con Nicola Amato ) e il passo successivo è stata la nascita di "Rinascita Ravellese" con Di Martino che lascia il simbolo della Campana che lo portò alla vittoria nel 1985 e alle due tornate successive fino allo scontro con Secondo Amalfitano, con strascichi durissimi,  ma ora lo stesso  potrebbe addirittura appoggiarlo visto i rapporti durissimi con il sindaco in carica Paolo Vuilleumier . I due consiglieri hanno firmato un manifesto congiunto .«Esperienza e Rinnovamento rappresentano un nuovo progetto politico, animato da un forte senso di responsabilità che i cittadini ci chiedono di assumere per una svolta radicale, che possa risollevare Ravello dalla paludosa melma in cui l' ha impantanata un' Amministrazione incapace e miope Unire l'esperienza e un forte rinnovamento di idee e persone con nuove energie porterà a lavorare con entusiasmo al progetto di Rinascita Ravellese  Ravello merita un riscatto economico, sociale e culturale. Ravello merita una reale Rinascita recuperando progetti per il paese mai portati a termine, restituendo dignità ad un turismo fatto di servizi e di accoglienza d'eccellenza, riorganizzando la macchina amministrativa oramai senza motore e benzina, riportando interesse ed attenzione presso l'opinione pubblica per grandi iniziative e non fallimentari operazioni di bottega. Una Rinascita che parta dal basso, dal sentire comune di una collettività che si considera orfana di un organo di rappresentanza istituzionale vitale e credibile. Questa è l'esigenza di fondo che oggi accomuna i due capigruppo consiliari di opposizione nella ritrovata speranza di restituire a Ravello una guida amministrativa che sappia coniugare esperienza e profondo rinnovamento e possa urgentemente offrire risposte concrete ai tanti, troppi problemi miseramente lasciati irrisolti o addirittura fronteggiati con scelte tanto maldestre, quanto irresponsabili». Sabato 19 dicembre, alle 18, presso la sala convegni dell'hotel Giordano la presentazione ufficiale del nuovo movimento a cui tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. «E' l'inizio di un nuovo percorso che, nascendo da posizioni amministrative contrapposte , da esperienze diverse e da storie personali distinte, intende suggerire un cammino di libertà, un cammino di autentica Rinascita Ravellese, ispirata all'unità dei propositi, alla serietà dei progetti e alla forza delle idee. L'alleanza di oggi non rappresenta un accordo sotterraneo ma, un incontro leale di energie umane e professionali, che è forte della legittimazione conseguita sul campo, dopo momenti di comune confronto vissuti dai banchi dell'opposizione ed è reso credibile dalla voglia di riscatto a beneficio di un'intera comunità, dopo anni di buio amministrativo e di torpore civile».