La Salernitana stecca all’Arechi e ripiomba nel baratro: 1-2 Pro Vercelli

0

Termina con una pesantissima sconfitta della Salernitana all’Arechi il match in notturna contro la Pro Vercelli. Piemontesi che sbancano Salerno evitando il ritorno in classifica dei campani che con una vittoria avrebbero effettuato il sorpasso. Dopo un buon inizio dei granata e un palo colpito da Donnarumma al 10’ la Pro è in vantaggio grazie ad un incursione di Mustacchio che partito sul filo del fuorigioco si beve i centrali granata e deposita in rete. Salernitana incapace di fare gioco bloccata dalla giornata no a centrocampo dei rientranti Pestrin e Sciaudone. Proprio ad inizio ripresa Torrente rileva i due mediani inserendo Milinkovic e Moro e la partita cambia passo con Donnarumma che trova il pari con una bella girata in area. I granata voglio la vittoria e si sbilanciano e i piemontesi ne approfittano e pescano il raddoppio al 32’ ancora con Mustacchio che di testa indisturbato a centro area regala tre punti d’oro agli uomini di Foscarini. Finisce tra i fischi e con il baratro di nuovo ad un passo.

Riflettori dunque su Salerno, per l’anticipo della quindicesima giornata del campionato cadetto. Di fronte, in un Arechi per nulla gremito (complice il gran freddo e anche l’handicap dello sciopero dei mezzi pubblici) Salernitana e Pro Vercelli, divise in classifica da soli due punti (15 punti per i campani, 17 per i piemontesi). I granata sono a caccia della continuità e del terzo risultato utile consecutivo, che regalerebbe un’iniezione di fiducia alla banda Torrente non indifferente, chiamata ad un vero e proprio tour de force da qui a fine anno.

Il mister di Cetara conferma le indicazioni fornite alla vigilia con la coppia Donnaruma-Coda in attacco e Gabionetta rifinitore alle loro spalle libero di inventare. Franco verrà riproposto nel ruolo di centrale difensivo accanto ad Empereur (unico vero centrale disponibile in rosa), mentre Sciaudone e Pestrin vincono i rispettivi ballottaggi con Bovo e Moro e partiranno, pertanto, dal primo minuto completando il terzetto in mediana con Odjer. Corsie esterne con i soliti Colombo e Rossi. Nella Pro Vercelli mister Foscarini adotta un camaleontico 4-3-3 con Marchi terminale offensivo e Di Roberto e Mustacchio sulle corsie esterne. Davanti all’estremo Pigliacelli ci saranno Bani, Legati, Coly e Scaglia.

LA PARTITA

Alle 21 inizia il match con i primi minuti subito concitati: al 5’ i piemontesi con un cross di Germano mettono in difficoltà un incerto Strakosha in uscita che poi si salva su Di Roberto. Sulla ripartenza granata Sciaudone imbecca alla perfezione Donnarumma che batte a botta sicura dalla destra ma colpisce in pieno il palo. La Pro Vercelli replica con una pericolosa incursione di Mustacchio fermata in corner. Ma il ritmo è alto e i capovolgimenti di fronte sono costanti: all’ 8’ flipper in area piemontese con conclusioni da parte di Coda prima e Gabionetta poi fermati in angolo. Dalla bandierina gli ospiti respingono e in contropiede Mustacchio si invola approfittando di un indecisione tra Pestrin e Odjer per presentarsi tutto solo dinanzi a Strakosha e batterlo con freddezza. Decimo minuto e gelo assoluto sull’Arechi.

La Salernitana accusa il colpo e oltre ad un incursione di Coda sino al 25’ scompare praticamente dal campo anzi è la Pro con un colpo di testa di Marchi a sfiorare il raddoppio. Alla mezz’ora schema dal corner granata, mischia in area ospite con la girata di Coda bloccata in due tempi da Pigliacelli. Al 36’ giallo per Sciaudone che diffidato salterà il prossimo match. Troppo leggera l’artiglieria granata per impensierire il bunker vercellese e così termina con gli ospiti in vantaggio il rimo tempo tra i fischi dell’Arechi.

SECONDO TEMPO

Ripresa che comincia con Milinkovic al posto di Sciaudone nei granata. Sembra partire bene la Salernitana ma l’imprecisione sottoporta è costante. La Pro Vercelli al 5’ sfrutta un indecisone di Empereur e un retropassaggio azzardato di Franco che innesca Marchi che salta Strakosha e batte a rete con Rossi che chiude la diagonale e salva sulla linea. Torrente gioca la carta Moro al posto di Pestrin per dare geometria alla mediana, ma è sempre la Pro Vercelli ad essere pericolosa quando spinge. Al 13’ si rivede la Salernitana: Milinkovic lavora un bel pallone a destra e crossa al centro dove Donnarumma trova la girata di testa bloccata abilmente da Paglicelli.

Ma è questione solo di minuti: al 17’ cross di Rossi dalla sinistra sponda di Coda di testa e palla a Donnarumma che controlla e si gira battendo imparabilmente il portiere piemontese. Si riscalda finalmente l’Arechi. Foscarini gioca la carta Ardizzone al posto di Scavone mentre alla mezz’ora Torrente inserisce Troianiello per un fischiatissimo Coda. Dopo due minuti a sorpresa Pro Vercelli nuovamente in vantaggio: cross dalla sinistra di De Roberto per Mustacchio che tutto solo a centro area batte di testa Strakosha. Cala il gelo all’Arechi con i granata che si tuffano in avanti alla ricerca disperata del nuovo pareggio. Foscarini rileva Mustacchio per Rossi e Geramano per Filippini. L’arbitro assegna tre minuti di recupero e il forcing granata produce solo qualche mischia. Termina tra i fischi una brutta partita e una sconfitta per i padroni di casa che ripiombano nelle sabbie mobili della bassa classifica.

SALERNITANA (4-4-2): Strakosha; Colombo, Empereur, Franco, Rossi A.; Sciaudone (1’ st Milinkovic), Pestrin (8’ st Moro), Odjer, Gabionetta; Coda (30’ st Troianiello), Donnarumma. A disp. Terracciano, Pollace, Perrulli, Bovo, Ronchi, Trozzo. All. Torrente.

PRO VERCELLI (4-3-3): Pigliacelli; Bani, Legati, Coly, Scaglia; Germano (44’ st Filippini), Matute, Scavone (24’ st Ardizzone); Mustacchio (37’ Rossi F.), Marchi, Di Roberto. A disp: Melgrati, Berra, Redolfi, Gatto, Beltrame, Beretta. All. Foscarini

ARBITRO: Sig. Daniele Martinelli di Roma 2 (Cangiano/Calò. IV uomo: Nasca)

NOTE. Marcatori: 10’ pt e 32’ st Mustacchio (PV), 18’ st Donnarumma (S). Ammoniti: Sciaudone (S), Odjer (S), Ardizzone (PV), Donnarumma (S), Pigliacelli (PV), Matute (PV). Angoli: 13-4. Recupero: 0’ pt – 4’ st. Spettatori: 9832.
SALERNITANA: Top & Flop della sfida con la Pro Vercelli
28.11.2015 00:00 di Simone Gallo articolo letto 242 volte
© foto di Federico Gaetano
SALERNITANA: Top & Flop della sfida con la Pro Vercelli

Nell’anticipo serale la Salernitana trova sul suo cammino la Pro Vercelli, match valevole per la quindicesima giornata di Serie B. In un clima rigido la gara prende subito una brutta piega per i granata: Mustacchio su una dormita generale della difesa avversaria si trova solo davanti a Strakosha e porta avanti i suoi. La truppa di Torrente gioca decisamente male e non riesce ad imporre il proprio gioco. Nella ripresa ennesima girandola di cambi, ma il solito Donnarumma, partito titolare questa volta, acciuffa il pareggio con una girata in area. Nel miglior momento della Salernitana, gli ospiti trovano nuovamente il vantaggio ancora con Mustacchio, che stavolta colpisce di testa in area. Matura così la sconfitta della Salernitana, caduta in casa contro una Pro Vercelli tutt’altro che irresistibile.

TOP

Alfredo Donnarumma (Salernitana): vero e proprio trascinatore, a segno ormai per la quarta giornata consecutiva, l’attaccante campano sembra tornato il giocatore devastante ammirato l’anno scorso in Lega Pro.

Mattia Mustacchio (Pro Vercelli): abile ad approfittare di una distrazione della difesa granata in occasione del vantaggio, i compagni lo cercano spesso e dai suoi piedi partono la maggior parte delle sortite pericolose, nella ripresa porta nuovamente avanti la propria squadra con un colpo di testa in area.

Mohamed Coly (Pro Vercelli): altra buona prova per il difensore della Pro, è diventato in poco tempo un punto fermo della squadra.

FLOP

Michele Franco (Salernitana): troppo distratto ed impacciato, non è la sua posizione naturale si sa, ma così non si va da nessuna parte.

Daniele Sciaudone (Salernitana): è la brutta copia del centrocampista che ha fatto grandi cose a Bari e Catania, ormai non ha più scusanti.

Massimo Coda (Salernitana): tra le mura amiche non riesce ad ingranare, sarà la troppa pressione di un pubblico esigente come quello dell’Arechi, ma offre un’altra prova ben al di sotto della sufficienza.
fonte salernonotizie.it
articolo inserito dal salernitana club costiera amalfitanaTermina con una pesantissima sconfitta della Salernitana all’Arechi il match in notturna contro la Pro Vercelli. Piemontesi che sbancano Salerno evitando il ritorno in classifica dei campani che con una vittoria avrebbero effettuato il sorpasso. Dopo un buon inizio dei granata e un palo colpito da Donnarumma al 10’ la Pro è in vantaggio grazie ad un incursione di Mustacchio che partito sul filo del fuorigioco si beve i centrali granata e deposita in rete. Salernitana incapace di fare gioco bloccata dalla giornata no a centrocampo dei rientranti Pestrin e Sciaudone. Proprio ad inizio ripresa Torrente rileva i due mediani inserendo Milinkovic e Moro e la partita cambia passo con Donnarumma che trova il pari con una bella girata in area. I granata voglio la vittoria e si sbilanciano e i piemontesi ne approfittano e pescano il raddoppio al 32’ ancora con Mustacchio che di testa indisturbato a centro area regala tre punti d’oro agli uomini di Foscarini. Finisce tra i fischi e con il baratro di nuovo ad un passo.

Riflettori dunque su Salerno, per l’anticipo della quindicesima giornata del campionato cadetto. Di fronte, in un Arechi per nulla gremito (complice il gran freddo e anche l’handicap dello sciopero dei mezzi pubblici) Salernitana e Pro Vercelli, divise in classifica da soli due punti (15 punti per i campani, 17 per i piemontesi). I granata sono a caccia della continuità e del terzo risultato utile consecutivo, che regalerebbe un’iniezione di fiducia alla banda Torrente non indifferente, chiamata ad un vero e proprio tour de force da qui a fine anno.

Il mister di Cetara conferma le indicazioni fornite alla vigilia con la coppia Donnaruma-Coda in attacco e Gabionetta rifinitore alle loro spalle libero di inventare. Franco verrà riproposto nel ruolo di centrale difensivo accanto ad Empereur (unico vero centrale disponibile in rosa), mentre Sciaudone e Pestrin vincono i rispettivi ballottaggi con Bovo e Moro e partiranno, pertanto, dal primo minuto completando il terzetto in mediana con Odjer. Corsie esterne con i soliti Colombo e Rossi. Nella Pro Vercelli mister Foscarini adotta un camaleontico 4-3-3 con Marchi terminale offensivo e Di Roberto e Mustacchio sulle corsie esterne. Davanti all’estremo Pigliacelli ci saranno Bani, Legati, Coly e Scaglia.

LA PARTITA

Alle 21 inizia il match con i primi minuti subito concitati: al 5’ i piemontesi con un cross di Germano mettono in difficoltà un incerto Strakosha in uscita che poi si salva su Di Roberto. Sulla ripartenza granata Sciaudone imbecca alla perfezione Donnarumma che batte a botta sicura dalla destra ma colpisce in pieno il palo. La Pro Vercelli replica con una pericolosa incursione di Mustacchio fermata in corner. Ma il ritmo è alto e i capovolgimenti di fronte sono costanti: all’ 8’ flipper in area piemontese con conclusioni da parte di Coda prima e Gabionetta poi fermati in angolo. Dalla bandierina gli ospiti respingono e in contropiede Mustacchio si invola approfittando di un indecisione tra Pestrin e Odjer per presentarsi tutto solo dinanzi a Strakosha e batterlo con freddezza. Decimo minuto e gelo assoluto sull’Arechi.

La Salernitana accusa il colpo e oltre ad un incursione di Coda sino al 25’ scompare praticamente dal campo anzi è la Pro con un colpo di testa di Marchi a sfiorare il raddoppio. Alla mezz’ora schema dal corner granata, mischia in area ospite con la girata di Coda bloccata in due tempi da Pigliacelli. Al 36’ giallo per Sciaudone che diffidato salterà il prossimo match. Troppo leggera l’artiglieria granata per impensierire il bunker vercellese e così termina con gli ospiti in vantaggio il rimo tempo tra i fischi dell’Arechi.

SECONDO TEMPO

Ripresa che comincia con Milinkovic al posto di Sciaudone nei granata. Sembra partire bene la Salernitana ma l’imprecisione sottoporta è costante. La Pro Vercelli al 5’ sfrutta un indecisone di Empereur e un retropassaggio azzardato di Franco che innesca Marchi che salta Strakosha e batte a rete con Rossi che chiude la diagonale e salva sulla linea. Torrente gioca la carta Moro al posto di Pestrin per dare geometria alla mediana, ma è sempre la Pro Vercelli ad essere pericolosa quando spinge. Al 13’ si rivede la Salernitana: Milinkovic lavora un bel pallone a destra e crossa al centro dove Donnarumma trova la girata di testa bloccata abilmente da Paglicelli.

Ma è questione solo di minuti: al 17’ cross di Rossi dalla sinistra sponda di Coda di testa e palla a Donnarumma che controlla e si gira battendo imparabilmente il portiere piemontese. Si riscalda finalmente l’Arechi. Foscarini gioca la carta Ardizzone al posto di Scavone mentre alla mezz’ora Torrente inserisce Troianiello per un fischiatissimo Coda. Dopo due minuti a sorpresa Pro Vercelli nuovamente in vantaggio: cross dalla sinistra di De Roberto per Mustacchio che tutto solo a centro area batte di testa Strakosha. Cala il gelo all’Arechi con i granata che si tuffano in avanti alla ricerca disperata del nuovo pareggio. Foscarini rileva Mustacchio per Rossi e Geramano per Filippini. L’arbitro assegna tre minuti di recupero e il forcing granata produce solo qualche mischia. Termina tra i fischi una brutta partita e una sconfitta per i padroni di casa che ripiombano nelle sabbie mobili della bassa classifica.

SALERNITANA (4-4-2): Strakosha; Colombo, Empereur, Franco, Rossi A.; Sciaudone (1’ st Milinkovic), Pestrin (8’ st Moro), Odjer, Gabionetta; Coda (30’ st Troianiello), Donnarumma. A disp. Terracciano, Pollace, Perrulli, Bovo, Ronchi, Trozzo. All. Torrente.

PRO VERCELLI (4-3-3): Pigliacelli; Bani, Legati, Coly, Scaglia; Germano (44’ st Filippini), Matute, Scavone (24’ st Ardizzone); Mustacchio (37’ Rossi F.), Marchi, Di Roberto. A disp: Melgrati, Berra, Redolfi, Gatto, Beltrame, Beretta. All. Foscarini

ARBITRO: Sig. Daniele Martinelli di Roma 2 (Cangiano/Calò. IV uomo: Nasca)

NOTE. Marcatori: 10’ pt e 32’ st Mustacchio (PV), 18’ st Donnarumma (S). Ammoniti: Sciaudone (S), Odjer (S), Ardizzone (PV), Donnarumma (S), Pigliacelli (PV), Matute (PV). Angoli: 13-4. Recupero: 0’ pt – 4’ st. Spettatori: 9832.
SALERNITANA: Top & Flop della sfida con la Pro Vercelli
28.11.2015 00:00 di Simone Gallo articolo letto 242 volte
© foto di Federico Gaetano
SALERNITANA: Top & Flop della sfida con la Pro Vercelli

Nell’anticipo serale la Salernitana trova sul suo cammino la Pro Vercelli, match valevole per la quindicesima giornata di Serie B. In un clima rigido la gara prende subito una brutta piega per i granata: Mustacchio su una dormita generale della difesa avversaria si trova solo davanti a Strakosha e porta avanti i suoi. La truppa di Torrente gioca decisamente male e non riesce ad imporre il proprio gioco. Nella ripresa ennesima girandola di cambi, ma il solito Donnarumma, partito titolare questa volta, acciuffa il pareggio con una girata in area. Nel miglior momento della Salernitana, gli ospiti trovano nuovamente il vantaggio ancora con Mustacchio, che stavolta colpisce di testa in area. Matura così la sconfitta della Salernitana, caduta in casa contro una Pro Vercelli tutt’altro che irresistibile.

TOP

Alfredo Donnarumma (Salernitana): vero e proprio trascinatore, a segno ormai per la quarta giornata consecutiva, l’attaccante campano sembra tornato il giocatore devastante ammirato l’anno scorso in Lega Pro.

Mattia Mustacchio (Pro Vercelli): abile ad approfittare di una distrazione della difesa granata in occasione del vantaggio, i compagni lo cercano spesso e dai suoi piedi partono la maggior parte delle sortite pericolose, nella ripresa porta nuovamente avanti la propria squadra con un colpo di testa in area.

Mohamed Coly (Pro Vercelli): altra buona prova per il difensore della Pro, è diventato in poco tempo un punto fermo della squadra.

FLOP

Michele Franco (Salernitana): troppo distratto ed impacciato, non è la sua posizione naturale si sa, ma così non si va da nessuna parte.

Daniele Sciaudone (Salernitana): è la brutta copia del centrocampista che ha fatto grandi cose a Bari e Catania, ormai non ha più scusanti.

Massimo Coda (Salernitana): tra le mura amiche non riesce ad ingranare, sarà la troppa pressione di un pubblico esigente come quello dell’Arechi, ma offre un’altra prova ben al di sotto della sufficienza.
fonte salernonotizie.it
articolo inserito dal salernitana club costiera amalfitana

Lascia una risposta