A Cava de’ Tirreni il 29 novembre la serata finale del Festival dell’Artigianato 2015. Start ore 19.00

0

Cava de’ Tirreni. Domenica 29 novembre presso il Marte Mediateca Arte Eventi si terrà la serata finale del Festival dell’Artigianato V edizione anno 2015, che ha visto diversi momenti e protagonisti che hanno dato e ricevuto grandi emozioni nelle diverse espressioni che l’artigianato Cavese, e non solo, sa declinare. Il Festival, ha visto un prologo con il concorso fotografico indetto a marzo per ricercare l’immagine che ha accompagnato tutta la comunicazione. Tante le fotografie arrivate, suggestiva la premiazione del 26 aprile nella cornice dello splendido complesso monumentale di Santa Maria al Rifugio, contenitore di una mostra, non solo delle foto arrivate, ma anche  dell’essenza del Festival, della bravura dei maestri artigiani, che hanno poi accompagnato tutta la V edizione. Foto premiata I Chicchi di Caffè di Anna Pianura, scelta da una giuria importante, composta dal presidente dell’Ordine degli Architetti di Salerno Maria Gabriella Alfano, l’artista Pietro Lista, il Maestro Lucio Ronca, Vice presidente Artistico e Tradizionale CNA Nazionale, e presieduta dal Giudice Mazzella, Vice Presidente emerito della Corte Costituzionale. Scelta la foto, il Festival ha continuato ad avere momenti importanti sul territorio e a tessere sinergie con enti, associazioni e realtà del territorio. “Quest’anno è stata un’edizione che potremo definire “colorata”, perché con questo aggettivo possiamo ben esprimere la pregnanza, la varietà, la diversità dei momenti, l’allegria legata a tutti, la professionalità, ma anche la grande e profonda diversità dei maestri artigiani. – hanno espresso con orgoglio gli organizzatori Tony Sorrentino e Imma Della Corte- Circa 40 artigiani si sono avvicendati nei diversi momenti, vicine alla manifestazione il Comune di Cava de’ Tirreni, la CNA, la Confesercenti, La Fimo, Il CCN, Centro Commerciale Naturale Cavese, partecipi ai momenti di workshop i piccoli alunni del Secondo Circolo di Cava de’ Tirreni e i ragazzi della UOSM, Unità Operativa Salute Mentale, diverse associazioni sul territorio, e protagonista sempre e solo lui, l’Artigianato, quello con la A maiuscola, quello che lascia il segno. Emozionante è stato vedere come tutti rispondono ai momenti di botteghe aperte, ancor più vedere le facce emozionate dei bambini avanti alla preparazione dei dolci e sentire i feedback che arrivano dalle famiglie sull’esperienza fatta.” Workshop, botteghe aperte e momenti di spettacolo che hanno visto l’8 novembre un aperitivo con la moda, una piccola anticipazione di quanto si potrà ammirare in Mediateca Marte, frutto di un lavoro in sinergia, non solo fra maestri artigiani che operano nello stesso settore, ma fra tutti, per creare un prodotto unico ed indimenticabile. Durante la serata finale tanti saranno i momenti per cercare di salutare un’edizione che ha fatto ancora tanti passi, visto nuovi protagonisti, avvicinato le nuove generazioni, tutti legati da un’idea, quella di artigianato che ha in sé, arte, tecnologia, innovazione, storia, saperi tramandati, moda, corsi e soprattutto un’anima che trasmette a quanti sanno apprezzarlo e viverlo.

Magrina Di Mauro

Cava de’ Tirreni. Domenica 29 novembre presso il Marte Mediateca Arte Eventi si terrà la serata finale del Festival dell’Artigianato V edizione anno 2015, che ha visto diversi momenti e protagonisti che hanno dato e ricevuto grandi emozioni nelle diverse espressioni che l’artigianato Cavese, e non solo, sa declinare. Il Festival, ha visto un prologo con il concorso fotografico indetto a marzo per ricercare l’immagine che ha accompagnato tutta la comunicazione. Tante le fotografie arrivate, suggestiva la premiazione del 26 aprile nella cornice dello splendido complesso monumentale di Santa Maria al Rifugio, contenitore di una mostra, non solo delle foto arrivate, ma anche  dell’essenza del Festival, della bravura dei maestri artigiani, che hanno poi accompagnato tutta la V edizione. Foto premiata I Chicchi di Caffè di Anna Pianura, scelta da una giuria importante, composta dal presidente dell’Ordine degli Architetti di Salerno Maria Gabriella Alfano, l’artista Pietro Lista, il Maestro Lucio Ronca, Vice presidente Artistico e Tradizionale CNA Nazionale, e presieduta dal Giudice Mazzella, Vice Presidente emerito della Corte Costituzionale. Scelta la foto, il Festival ha continuato ad avere momenti importanti sul territorio e a tessere sinergie con enti, associazioni e realtà del territorio. “Quest’anno è stata un’edizione che potremo definire “colorata”, perché con questo aggettivo possiamo ben esprimere la pregnanza, la varietà, la diversità dei momenti, l’allegria legata a tutti, la professionalità, ma anche la grande e profonda diversità dei maestri artigiani. – hanno espresso con orgoglio gli organizzatori Tony Sorrentino e Imma Della Corte– Circa 40 artigiani si sono avvicendati nei diversi momenti, vicine alla manifestazione il Comune di Cava de’ Tirreni, la CNA, la Confesercenti, La Fimo, Il CCN, Centro Commerciale Naturale Cavese, partecipi ai momenti di workshop i piccoli alunni del Secondo Circolo di Cava de’ Tirreni e i ragazzi della UOSM, Unità Operativa Salute Mentale, diverse associazioni sul territorio, e protagonista sempre e solo lui, l’Artigianato, quello con la A maiuscola, quello che lascia il segno. Emozionante è stato vedere come tutti rispondono ai momenti di botteghe aperte, ancor più vedere le facce emozionate dei bambini avanti alla preparazione dei dolci e sentire i feedback che arrivano dalle famiglie sull’esperienza fatta.” Workshop, botteghe aperte e momenti di spettacolo che hanno visto l’8 novembre un aperitivo con la moda, una piccola anticipazione di quanto si potrà ammirare in Mediateca Marte, frutto di un lavoro in sinergia, non solo fra maestri artigiani che operano nello stesso settore, ma fra tutti, per creare un prodotto unico ed indimenticabile. Durante la serata finale tanti saranno i momenti per cercare di salutare un’edizione che ha fatto ancora tanti passi, visto nuovi protagonisti, avvicinato le nuove generazioni, tutti legati da un’idea, quella di artigianato che ha in sé, arte, tecnologia, innovazione, storia, saperi tramandati, moda, corsi e soprattutto un’anima che trasmette a quanti sanno apprezzarlo e viverlo.

Magrina Di Mauro