Capodanno a Salerno. “Il Volo” in pole position come big dell’evento. Restano le opzioni Fiorella Mannoia e Renzo Arbore

0

Salerno. Si abbassano le quotazioni che vorrebbero la cantante Fiorella Mannoia protagonista del palcoscenico che sarà allestito per festeggiare l’inizio del nuovo anno insieme a tutti i salernitani. Al Comune si è ancora al lavoro per chiudere sul big che canterà la sera del 31 dicembre; tuttavia, sembra sempre più probabile che a brindare con i salernitani sarà il gruppo de “Il volo”, i tre tenorini usciti vincitori dall’ultimo Festival di Sanremo. L’ufficialità ancora non è stata data anche perché, al momento, continua a restare sul tavolo l’opzione Fiorella Mannoia, insieme ad un’altra alternativa rappresentata dall’Orchestra italiana di Renzo Arbore. Secondo indiscrezioni di palazzo, però, alla fine dovrebbero spuntarla i tre giovani dall’ugola d’oro. Il gruppo che potrebbe essere protagonista di questa vigilia di Capodanno è stato costituito nel 2009. A farne parte sono il ventiduenne Piero Barone di Agrigento, il ventunenne Ignazio Boschetto di Marsala e il ventenne Gianluca Ginoble di Roseto degli Abruzzi. Il sodalizio è nato durante la partecipazione dei tre cantanti alla seconda edizione del talent canoro per bambini “Ti lascio una canzone”, è in questa occasione che diventano per tutti i “tre tenorini”. Dopo l’esperienza televisiva, i tre hanno attirato l’attenzione di Tony Renis che riesce a fargli ottenere un contratto discografico con la Universal Music Group. A fine 2010 esce in Italia il loro primo album, prodotto da Humberto Gatica e Tony Renis con la collaborazione di Dianne Warren, che venderà 60mila copie. Il 17 maggio 2011 l’album viene pubblicato negli Stati Uniti e in Europa. A giugno viene pubblicato anche in lingua spagnola ottenendo il Riaa Latin Gold Award negli Stati Uniti , il doppio disco di platino in Venezuela, il disco di platino in Messico e il disco d’oro in Columbia e Portorico. Fra la fine di luglio e l’inizio di agosto il gruppo estende la promozione del suo primo lavoro anche nel mercato asiatico e in quello australiano. Inizia, quindi, il primo tour che li vedrà viaggiare per tutto il nord America, poi l’Europa e quindi il sud America. Un successo senza precedenti, al punto che nel 2012 Barbra Streisand li chiama come “special guest” nel suo tour. Alla fine dello stesso anno esce anche il loro secondo album “We are love” che vede importanti collaborazioni. Negli Stati Uniti diventano a tutti gli effetti delle star contese da tutte le major. Nel 2014, per la prima volta dopo otto tour internazionali, il gruppo annuncia un tour italiano con cinque concerti fra luglio e settembre. È tuttavia il 2015 l’anno della consacrazione a livello italiano. “Il volo”, infatti, partecipa al Festival di Sanremo con la canzone “Grande amore”. Risulta vincitore con il 39 per cento delle preferenze. A settembre è uscito il loro ultimo lavoro discografico dal titolo “L’amore si muove”. Come si può capire da questa breve sintesi, il gruppo che si appresta a salire sul palco di Capodanno può a buon diritto essere annoverato tra i big. In più gode del favore del pubblico, garantendo quindi il pienone in piazza. Probabilmente, è questo il ragionamento fatto dall’Amministrazione che sembra preferire i tre giovani a personaggi come Fiorella Mannoia o Renzo Arbore. La cantante romana resta, però, sempre un sogno nel cassetto e se dovessero sbloccarsi alcune situazioni potrebbe anche riconquistare il palcoscenico salernitano. Al momento resta in stand by. La serata pensata dall’Amministrazione non dovrebbe limitarsi alla sola presenza dei giovani de “Il volo”. Si starebbe pensando di organizzare altri momenti musicali, prima e dopo la mezzanotte, affidandoli ad una serie di dj che si alternerebbero alla consolle. In questo modo si farebbero contenti soprattutto i più giovani. Insomma, si sta lavorando sodo per garantire un Capodanno indimenticabile. La terna finale di nomi è di tutto rispetto e ognuno di loro sarà in grado di portare in piazza migliaia di persone. Restano da definire solo gli ultimi dettagli, poi si potrà pensare esclusivamente a brindare al nuovo anno augurandosi che sia portatore di gioia e felicità per tutti. (Angela Caso – La Città di Salerno)

Salerno. Si abbassano le quotazioni che vorrebbero la cantante Fiorella Mannoia protagonista del palcoscenico che sarà allestito per festeggiare l’inizio del nuovo anno insieme a tutti i salernitani. Al Comune si è ancora al lavoro per chiudere sul big che canterà la sera del 31 dicembre; tuttavia, sembra sempre più probabile che a brindare con i salernitani sarà il gruppo de “Il volo”, i tre tenorini usciti vincitori dall’ultimo Festival di Sanremo. L’ufficialità ancora non è stata data anche perché, al momento, continua a restare sul tavolo l’opzione Fiorella Mannoia, insieme ad un’altra alternativa rappresentata dall’Orchestra italiana di Renzo Arbore. Secondo indiscrezioni di palazzo, però, alla fine dovrebbero spuntarla i tre giovani dall’ugola d’oro. Il gruppo che potrebbe essere protagonista di questa vigilia di Capodanno è stato costituito nel 2009. A farne parte sono il ventiduenne Piero Barone di Agrigento, il ventunenne Ignazio Boschetto di Marsala e il ventenne Gianluca Ginoble di Roseto degli Abruzzi. Il sodalizio è nato durante la partecipazione dei tre cantanti alla seconda edizione del talent canoro per bambini “Ti lascio una canzone”, è in questa occasione che diventano per tutti i “tre tenorini”. Dopo l’esperienza televisiva, i tre hanno attirato l’attenzione di Tony Renis che riesce a fargli ottenere un contratto discografico con la Universal Music Group. A fine 2010 esce in Italia il loro primo album, prodotto da Humberto Gatica e Tony Renis con la collaborazione di Dianne Warren, che venderà 60mila copie. Il 17 maggio 2011 l’album viene pubblicato negli Stati Uniti e in Europa. A giugno viene pubblicato anche in lingua spagnola ottenendo il Riaa Latin Gold Award negli Stati Uniti , il doppio disco di platino in Venezuela, il disco di platino in Messico e il disco d’oro in Columbia e Portorico. Fra la fine di luglio e l’inizio di agosto il gruppo estende la promozione del suo primo lavoro anche nel mercato asiatico e in quello australiano. Inizia, quindi, il primo tour che li vedrà viaggiare per tutto il nord America, poi l’Europa e quindi il sud America. Un successo senza precedenti, al punto che nel 2012 Barbra Streisand li chiama come “special guest” nel suo tour. Alla fine dello stesso anno esce anche il loro secondo album “We are love” che vede importanti collaborazioni. Negli Stati Uniti diventano a tutti gli effetti delle star contese da tutte le major. Nel 2014, per la prima volta dopo otto tour internazionali, il gruppo annuncia un tour italiano con cinque concerti fra luglio e settembre. È tuttavia il 2015 l’anno della consacrazione a livello italiano. “Il volo”, infatti, partecipa al Festival di Sanremo con la canzone “Grande amore”. Risulta vincitore con il 39 per cento delle preferenze. A settembre è uscito il loro ultimo lavoro discografico dal titolo “L’amore si muove”. Come si può capire da questa breve sintesi, il gruppo che si appresta a salire sul palco di Capodanno può a buon diritto essere annoverato tra i big. In più gode del favore del pubblico, garantendo quindi il pienone in piazza. Probabilmente, è questo il ragionamento fatto dall’Amministrazione che sembra preferire i tre giovani a personaggi come Fiorella Mannoia o Renzo Arbore. La cantante romana resta, però, sempre un sogno nel cassetto e se dovessero sbloccarsi alcune situazioni potrebbe anche riconquistare il palcoscenico salernitano. Al momento resta in stand by. La serata pensata dall’Amministrazione non dovrebbe limitarsi alla sola presenza dei giovani de “Il volo”. Si starebbe pensando di organizzare altri momenti musicali, prima e dopo la mezzanotte, affidandoli ad una serie di dj che si alternerebbero alla consolle. In questo modo si farebbero contenti soprattutto i più giovani. Insomma, si sta lavorando sodo per garantire un Capodanno indimenticabile. La terna finale di nomi è di tutto rispetto e ognuno di loro sarà in grado di portare in piazza migliaia di persone. Restano da definire solo gli ultimi dettagli, poi si potrà pensare esclusivamente a brindare al nuovo anno augurandosi che sia portatore di gioia e felicità per tutti. (Angela Caso – La Città di Salerno)

Lascia una risposta