I MERCOLEDI DELL’UNITRE DI PIANO

0

I mercoledi dell’UNITRE, sono dedicati ad incontri di vario genere del mondo della cultura. Il promo mercoledi, 2 dicembre,  avremo il Prof Luigi Russo della Università Partenope, che ci relazionerà sul futuro ecosostenibile delle nuove frontiere della Navigazione, con dati aggiornatissimi, avendo partecipato al convegno internazionale di Malmo sul Codice Polare. L’incontro è aperto a tutti, con indirizzo speciale al mondo marinaro, studenti dell’istituto Nautico, associazioni di categoria come Collegio  Capitani e appassionati. 

 

Lo scioglimento dei ghiacci artici ha accelerato l’interesse e lo sviluppo di nuove rotte marittime, dello sfruttamento delle enormi risorse minerarie, della ricerca di petrolio e gas, del turismo e della pesca.

La Conferenza Internazionale “Safe and Sustainable Shipping in the Arctic Environment” (ShipArc 2015), appena conclusasi presso la World Maritime University di Malmö, in Svezia, ha riunito più di 300 partecipanti provenienti da 75 paesi, per discutere sull’adozione di un programma lungimirante che rispetti l’Artico, l’ultima fragile frontiera del pianeta.

 

 

 

I mercoledi dell'UNITRE, sono dedicati ad incontri di vario genere del mondo della cultura. Il promo mercoledi, 2 dicembre,  avremo il Prof Luigi Russo della Università Partenope, che ci relazionerà sul futuro ecosostenibile delle nuove frontiere della Navigazione, con dati aggiornatissimi, avendo partecipato al convegno internazionale di Malmo sul Codice Polare. L'incontro è aperto a tutti, con indirizzo speciale al mondo marinaro, studenti dell'istituto Nautico, associazioni di categoria come Collegio  Capitani e appassionati. 

 

Lo scioglimento dei ghiacci artici ha accelerato l’interesse e lo sviluppo di nuove rotte marittime, dello sfruttamento delle enormi risorse minerarie, della ricerca di petrolio e gas, del turismo e della pesca.

La Conferenza Internazionale “Safe and Sustainable Shipping in the Arctic Environment” (ShipArc 2015), appena conclusasi presso la World Maritime University di Malmö, in Svezia, ha riunito più di 300 partecipanti provenienti da 75 paesi, per discutere sull’adozione di un programma lungimirante che rispetti l’Artico, l’ultima fragile frontiera del pianeta.