Che bella la Costituzione , corso di giornalismo e cittadinanza al “Virgilio”

0

Originale formula quella escogitata dal prof. Antonio Volpe del Liceo “Virgilio” di Meta per avvicinare i ragazzi a temi seri come la Costituzione, i diritti ed i doveri dei Cittadini, la Cittadinanza attiva. In occasione dei 70 anni della nostra Repubblica il nostro inesauribile e dinamico docente di filosofia e storia ha organizzato un corso pomeridiano invitando un maestro come Franco Salerno, pubblicista ,scrittore, ex docente liceale di lettere e del linguaggio giornalistico nell’ateneo salernitano, e ora formatore per conto dell’Ordine regionale della Stampa per insegnare ai ragazzi l’abc del saggio breve e dell’articolo; poi ha chiamato una figura carismatica come “Michi” Del Gaudio, ex magistrato, ex deputato, uno che “ha mandato in galera 50-60 mila delinquenti” ma che da anni oramai è un profeta e divulgatore dei principi costituzionali con i suoi libri best seller ed i suoi incontri in tutte le scuole d’Italia ed infine il nostro prof organizzatore ha lanciando nell’area virgiliana un filosofo come Giuseppe Ferraro che oggi 23 novembre ha concluso questo primo ciclo di incontri dialogando con gli allievi delle origini filosofiche della nostra carta costituzionale. Un filosofo “di strada”- come i famosi maestri di strada di Moreno – e le ore sono passate volando, tra concetti come l’eternità, il tempo,l’etica, l’amore,la solidarietà, i legami civili,il contratto sociale e la costituzione….alla fine i ragazzi si sono cimentati nella redazione di un articolo. I migliori andranno gratis a visitare i palazzi del potere democratico a Roma, il 1 dicembre a Montecitorio ed il 16 a palazzo Madama, ultimi giorni per vedere all’opera uno dei due rami del Parlamento che la Riforma istituzionale cancellerà sostituendolo con un’Assemblea non più elettiva ma rappresentativa delle Regioni. Dunque far toccare con mano i luoghi delle decisioni politiche, con due visite guidate e disseminare in questi incontri introduttivi quel seme della democrazia e della ricerca del sapere. Un’esperienza unica che ha coinvolto emotivamente ed intelletivamente i “virgiliani” come ama chiamarli il loro docente Antonio Volpe.La scuola, la vera buona scuola non è quella delle circolari e delle carte ma è una comunità educante che si deve aprire al territorio, dialogando con le istituzioni, la società civile, le realtà produttive aiutando i ragazzi a fare i loro primi passi lanciandoli poi verso una sempre più compiuta autonomia. In tal senso va anche il progetto di alternanza scuola-lavoro che – fortemente voluto dalla dirigente Immacolata Arpino – partirà nei prossimi mesi con stage presso le Istituzioni comunali, alcune aziende del territorio del terzo settore, del comparto turistico e dei servizi informatici. Una scuola al passo coi tempi che non disdegna l’approfondimento disciplinare, le iniziative di orientamento universitario e corsi extracurricolari di logica in vista dei test di ammissione a facoltà a numero chiuso, certificazioni linguistiche. “Una bella soddisfazione vedere ragazzi così motivati ed attenti, partecipi e curiosi”, ha dichiarato il prof Giuseppe Ferraro, che alle aule universitarie alterna il suo impegno nel sociale con le sue lezioni nelle carceri. Belle anche le parole inviate da “Michi” Del Gaudio :”Caro Antonio, grazie per lo splendido pomeriggio. Per favore, dì ai ragazzi che sono tornato a casa pieno di gioia, che ho pensato a loro mentre mi riposavo, prima di addormentarmi e stamattina appena sveglio. Sono ragazze/i meravigliosi!! Ho apprezzato molto il pensiero colto, aggiornato, profondo, creativo, emozionato, stimolante e il cuore pulito e aperto. Auguri ad Antonino per i suoi 18 anni! Auguri a tutti di essere felici, michi”………. (A.P.)Originale formula quella escogitata dal prof. Antonio Volpe del Liceo “Virgilio” di Meta per avvicinare i ragazzi a temi seri come la Costituzione, i diritti ed i doveri dei Cittadini, la Cittadinanza attiva. In occasione dei 70 anni della nostra Repubblica il nostro inesauribile e dinamico docente di filosofia e storia ha organizzato un corso pomeridiano invitando un maestro come Franco Salerno, pubblicista ,scrittore, ex docente liceale di lettere e del linguaggio giornalistico nell’ateneo salernitano, e ora formatore per conto dell’Ordine regionale della Stampa per insegnare ai ragazzi l’abc del saggio breve e dell’articolo; poi ha chiamato una figura carismatica come “Michi” Del Gaudio, ex magistrato, ex deputato, uno che “ha mandato in galera 50-60 mila delinquenti” ma che da anni oramai è un profeta e divulgatore dei principi costituzionali con i suoi libri best seller ed i suoi incontri in tutte le scuole d’Italia ed infine il nostro prof organizzatore ha lanciando nell’area virgiliana un filosofo come Giuseppe Ferraro che oggi 23 novembre ha concluso questo primo ciclo di incontri dialogando con gli allievi delle origini filosofiche della nostra carta costituzionale. Un filosofo “di strada”- come i famosi maestri di strada di Moreno – e le ore sono passate volando, tra concetti come l’eternità, il tempo,l’etica, l’amore,la solidarietà, i legami civili,il contratto sociale e la costituzione….alla fine i ragazzi si sono cimentati nella redazione di un articolo. I migliori andranno gratis a visitare i palazzi del potere democratico a Roma, il 1 dicembre a Montecitorio ed il 16 a palazzo Madama, ultimi giorni per vedere all’opera uno dei due rami del Parlamento che la Riforma istituzionale cancellerà sostituendolo con un’Assemblea non più elettiva ma rappresentativa delle Regioni. Dunque far toccare con mano i luoghi delle decisioni politiche, con due visite guidate e disseminare in questi incontri introduttivi quel seme della democrazia e della ricerca del sapere. Un’esperienza unica che ha coinvolto emotivamente ed intelletivamente i “virgiliani” come ama chiamarli il loro docente Antonio Volpe.La scuola, la vera buona scuola non è quella delle circolari e delle carte ma è una comunità educante che si deve aprire al territorio, dialogando con le istituzioni, la società civile, le realtà produttive aiutando i ragazzi a fare i loro primi passi lanciandoli poi verso una sempre più compiuta autonomia. In tal senso va anche il progetto di alternanza scuola-lavoro che – fortemente voluto dalla dirigente Immacolata Arpino – partirà nei prossimi mesi con stage presso le Istituzioni comunali, alcune aziende del territorio del terzo settore, del comparto turistico e dei servizi informatici. Una scuola al passo coi tempi che non disdegna l’approfondimento disciplinare, le iniziative di orientamento universitario e corsi extracurricolari di logica in vista dei test di ammissione a facoltà a numero chiuso, certificazioni linguistiche. “Una bella soddisfazione vedere ragazzi così motivati ed attenti, partecipi e curiosi”, ha dichiarato il prof Giuseppe Ferraro, che alle aule universitarie alterna il suo impegno nel sociale con le sue lezioni nelle carceri. Belle anche le parole inviate da “Michi” Del Gaudio :”Caro Antonio, grazie per lo splendido pomeriggio. Per favore, dì ai ragazzi che sono tornato a casa pieno di gioia, che ho pensato a loro mentre mi riposavo, prima di addormentarmi e stamattina appena sveglio. Sono ragazze/i meravigliosi!! Ho apprezzato molto il pensiero colto, aggiornato, profondo, creativo, emozionato, stimolante e il cuore pulito e aperto. Auguri ad Antonino per i suoi 18 anni! Auguri a tutti di essere felici, michi”………. (A.P.)