Salerno. Si dimette il comandante dei vigili urbani Anna Bellobuono

0

Salerno. Anna Bellobuono si è dimessa da comandante dei vigili urbani. L’atto è stato protocollato ieri mattina e adesso sono in atto trattative per convincerla a retrocedere sui suoi passi. Il motivo di questa drastica decisione sarebbe da ricercare negli avvenimenti degli ultimi giorni, in particolare nella disposizione del sindaco Vincenzo Napoli con la quale è stato incaricato l’ex dirigente Luigi Della Greca ad intavolare le trattative con i rappresentanti sindacali per risolvere la vertenza che si è aperta in queste settimane. La dirigente si sarebbe sentita esautorata e soprattutto colpita nella sua dignità al punto da rinunciare a proseguire in questa sua esperienza che, è bene ricordarlo, è iniziata da poco tempo. Anna Bellobuono, infatti, è stata assunta al Comune di Salerno in qualità di comandante dei vigili urbani soltanto lo scorso 30 dicembre a seguito di regolare concorso. Il suo incarico doveva durare tre anni, rinnovabili per altri tre. Tuttavia, è bastata solo un anno per farle cambiare idea. Nonostante la sua comprovata esperienza, infatti, la dirigente non si sarebbe sentita apprezzata dai suoi uomini che, proprio in questi giorni, l’hanno resa oggetto delle loro critiche. Critiche talmente feroci da indurre il primo cittadino a sostituirla con l’ex dirigente del settore Ragioneria che ha già avuto modo di incontrare i rappresentanti sindacali nella giornata di lunedì. La diretta interessata, contattata telefonicamente, al momento preferisce non commentare quanto sta accadendo. La situazione l’ha talmente «colpita emotivamente» da indurla ad aspettare ancora qualche giorno prima di chiarire definitivamente gli avvenimenti di queste ultime ore. Intanto, sulla vicenda è già pronta un’interrogazione a firma del consigliere di Forza Italia Giuseppe Zitarosa. «Spendiamo migliaia di euro per svolgere un concorso – commenta – troviamo un candidato qualificato come la Bellobuono e poi richiamiamo un pensionato per affiancarla. In questo modo uccidiamo la dignità di una giovane professionista». Come sottolinea il forzista, «qui al Comune si chiamano sempre le solite persone, amiche dell’ex sindaco. È il solito atto di prepotenza che ormai conosciamo molto bene. Della Greca faccia un passo indietro e sia richiamata la Bellobuono». Zitarosa è, inoltre, convinto di una cosa: «Napoli ha firmato l’ordinanza, ma qualcun altro l’ha partorita». Insomma, secondo il consigliere dietro la decisione di richiamare Luigi Della Greca ci sarebbe Vincenzo De Luca che, vista la situazione di stallo che si era creata, ha deciso di affidarsi ad uno dei suoi uomini. Non è la prima volta che accade una cosa del genere. Già in passato, dirigenti andati in pensione sono stati richiamati per svolgere attività di consulenza proprio nei settori ricoperti fino a pochi mesi prima. È il caso di Annamaria Barbato (ex responsabile degli Affari generali), di Luciana Ferolla (ex dirigente delle Politiche Sociali) e di Felice Marotta. Lo stesso Della Greca aveva affiancato per un periodo il neo dirigente Loris Scognamiglio al settore Ragioneria. Stavolta però le cose sono andate diversamente, La Bellobuono non ha accettato l’idea di aver bisogno di un tutor e ha preferito farsi da parte. (Angela Caso – La Città di Salerno) 

Salerno. Anna Bellobuono si è dimessa da comandante dei vigili urbani. L’atto è stato protocollato ieri mattina e adesso sono in atto trattative per convincerla a retrocedere sui suoi passi. Il motivo di questa drastica decisione sarebbe da ricercare negli avvenimenti degli ultimi giorni, in particolare nella disposizione del sindaco Vincenzo Napoli con la quale è stato incaricato l’ex dirigente Luigi Della Greca ad intavolare le trattative con i rappresentanti sindacali per risolvere la vertenza che si è aperta in queste settimane. La dirigente si sarebbe sentita esautorata e soprattutto colpita nella sua dignità al punto da rinunciare a proseguire in questa sua esperienza che, è bene ricordarlo, è iniziata da poco tempo. Anna Bellobuono, infatti, è stata assunta al Comune di Salerno in qualità di comandante dei vigili urbani soltanto lo scorso 30 dicembre a seguito di regolare concorso. Il suo incarico doveva durare tre anni, rinnovabili per altri tre. Tuttavia, è bastata solo un anno per farle cambiare idea. Nonostante la sua comprovata esperienza, infatti, la dirigente non si sarebbe sentita apprezzata dai suoi uomini che, proprio in questi giorni, l’hanno resa oggetto delle loro critiche. Critiche talmente feroci da indurre il primo cittadino a sostituirla con l’ex dirigente del settore Ragioneria che ha già avuto modo di incontrare i rappresentanti sindacali nella giornata di lunedì. La diretta interessata, contattata telefonicamente, al momento preferisce non commentare quanto sta accadendo. La situazione l’ha talmente «colpita emotivamente» da indurla ad aspettare ancora qualche giorno prima di chiarire definitivamente gli avvenimenti di queste ultime ore. Intanto, sulla vicenda è già pronta un’interrogazione a firma del consigliere di Forza Italia Giuseppe Zitarosa. «Spendiamo migliaia di euro per svolgere un concorso – commenta – troviamo un candidato qualificato come la Bellobuono e poi richiamiamo un pensionato per affiancarla. In questo modo uccidiamo la dignità di una giovane professionista». Come sottolinea il forzista, «qui al Comune si chiamano sempre le solite persone, amiche dell’ex sindaco. È il solito atto di prepotenza che ormai conosciamo molto bene. Della Greca faccia un passo indietro e sia richiamata la Bellobuono». Zitarosa è, inoltre, convinto di una cosa: «Napoli ha firmato l’ordinanza, ma qualcun altro l’ha partorita». Insomma, secondo il consigliere dietro la decisione di richiamare Luigi Della Greca ci sarebbe Vincenzo De Luca che, vista la situazione di stallo che si era creata, ha deciso di affidarsi ad uno dei suoi uomini. Non è la prima volta che accade una cosa del genere. Già in passato, dirigenti andati in pensione sono stati richiamati per svolgere attività di consulenza proprio nei settori ricoperti fino a pochi mesi prima. È il caso di Annamaria Barbato (ex responsabile degli Affari generali), di Luciana Ferolla (ex dirigente delle Politiche Sociali) e di Felice Marotta. Lo stesso Della Greca aveva affiancato per un periodo il neo dirigente Loris Scognamiglio al settore Ragioneria. Stavolta però le cose sono andate diversamente, La Bellobuono non ha accettato l’idea di aver bisogno di un tutor e ha preferito farsi da parte. (Angela Caso – La Città di Salerno) 

Lascia una risposta