CASETTE DELL’ACQUA.CON ARSENICO, DA AGEROLA AD AMALFI PREOCCUPAZIONE DOPO REPORT

0

 Arsenico nelle casette d’acqua , sparse un pò dappertutto in Costiera amalfitana da Agerola a Positano, dopo la trasmissione i Report che fa riflettere. Possiamo essere tranquilli? Siamo certi che la ditta che gestisce gli impianti effettua la normale e dovuta manutenzione dei filtri?  Dicono sui social.. Abbiamo un riscontro delle verifiche/analisi periodiche dell’ASL? In altre parti d’Italia (Lazio soprattutto) si sono verificate cose assurde (concentrati di arsenico nell’acqua in uscita dalla casette 20 volte superiore a quello in entrata) La Gabanelli torna alla carica su Felice Maniero e a “Report” rovina gli affari di “Luca Mori”, nuovo nome dell’ex boss della mala che oggi, per vivere, installa le casette dell’acqua filtrata negli uffici. Secondo le analisi condotte sull’acqua del comune romano di Fonte Nuova, l’acqua «purificata fino a diventare oligominerale» prima di essere filtrata aveva un valore dell’arsenico inferiore ad uno, mentre una volta filtrata, come riscontrato dall’Usl, risultava maggiore di 17. La carica batterica riscontrata risultava eccessiva.

 Arsenico nelle casette d'acqua , sparse un pò dappertutto in Costiera amalfitana da Agerola a Positano, dopo la trasmissione i Report che fa riflettere. Possiamo essere tranquilli? Siamo certi che la ditta che gestisce gli impianti effettua la normale e dovuta manutenzione dei filtri?  Dicono sui social.. Abbiamo un riscontro delle verifiche/analisi periodiche dell'ASL? In altre parti d'Italia (Lazio soprattutto) si sono verificate cose assurde (concentrati di arsenico nell'acqua in uscita dalla casette 20 volte superiore a quello in entrata) La Gabanelli torna alla carica su Felice Maniero e a “Report” rovina gli affari di “Luca Mori”, nuovo nome dell’ex boss della mala che oggi, per vivere, installa le casette dell’acqua filtrata negli uffici. Secondo le analisi condotte sull’acqua del comune romano di Fonte Nuova, l’acqua «purificata fino a diventare oligominerale» prima di essere filtrata aveva un valore dell’arsenico inferiore ad uno, mentre una volta filtrata, come riscontrato dall’Usl, risultava maggiore di 17. La carica batterica riscontrata risultava eccessiva.