Pavia. Insulti omofobi tra i banchi, allievi sospesi dalle lezioni

0

Sono stati sospesi per alcuni giorni dalle lezioni; inoltre dovranno seguire (come i loro compagni) nuovi corsi che verranno organizzati all’interno della scuola sul tema dell’educazione e del rispetto di ogni persona. È la punizione che è stata inflitta a un gruppo di studenti di una scuola media superiore di Pavia che, durante le recenti elezioni per il rinnovo del Consiglio d’Istituto, hanno scritto sulle schede insulti omofobi rivolti ad un ragazzo che figurava tra i candidati. L’episodio è venuto alla luce durante lo spoglio della schede. Una docente della classe ha riconosciuto le calligrafie dei ragazzi: alcuni di loro hanno ammesso e la Presidenza della scuola ha disposto per loro la sospensione dalle attività ricreative come punizione. Inoltre, su suggerimento di alcuni rappresentanti degli studenti, si è deciso di incrementare i progetti di educazione al rispetto e alle differenze che erano già stati avviati in collaborazione con Arcigay Pavia: un’iniziativa intrapresa con la volontà di prevenire e contrastare nuovi, eventuali episodi. Il fatto accaduto nella scuola di Pavia – denunciato dall’Arcigay – ha subito scatenato reazioni, anche a livello politico. (Il Mattino) 

Sono stati sospesi per alcuni giorni dalle lezioni; inoltre dovranno seguire (come i loro compagni) nuovi corsi che verranno organizzati all'interno della scuola sul tema dell'educazione e del rispetto di ogni persona. È la punizione che è stata inflitta a un gruppo di studenti di una scuola media superiore di Pavia che, durante le recenti elezioni per il rinnovo del Consiglio d'Istituto, hanno scritto sulle schede insulti omofobi rivolti ad un ragazzo che figurava tra i candidati. L'episodio è venuto alla luce durante lo spoglio della schede. Una docente della classe ha riconosciuto le calligrafie dei ragazzi: alcuni di loro hanno ammesso e la Presidenza della scuola ha disposto per loro la sospensione dalle attività ricreative come punizione. Inoltre, su suggerimento di alcuni rappresentanti degli studenti, si è deciso di incrementare i progetti di educazione al rispetto e alle differenze che erano già stati avviati in collaborazione con Arcigay Pavia: un'iniziativa intrapresa con la volontà di prevenire e contrastare nuovi, eventuali episodi. Il fatto accaduto nella scuola di Pavia – denunciato dall'Arcigay – ha subito scatenato reazioni, anche a livello politico. (Il Mattino) 

Lascia una risposta