Sorrento stupro a studentessa americana in discoteca, i due accusati rimangono in carcere

0

Sorrento. Restano in carcere i due giovani casertani accusati di aver violentato una turista americana nella toilette di un locale sorrentino. Il gip Antonio Fiorentino del Tribunale di Torre Annunziata, infatti, ha rigettato le istanze presentate dai legali di Francesco Franchini, 22enne di San Nicola la Strada, e Riccardo Capece, 20enne residente di Caserta, difesi rispettivamente dagli avvocati Romolo Vignola e Giuseppe Fusco. I fatti risalgono alla notte tra il 27 e il 28 luglio scorsi, quando i due giovani casertani, in vacanza a Massa Lubrense, secondo l’accusa avrebbero costretto con la forza una turista americana di 25 anni ad avere due rapporti sessuali nel bagno di una discoteca di Sorrento. Due settimane fa, assistita dall’avvocato Gennaro Ausiello, la turista americana è tornata in Italia per fornire un nuovo interrogatorio sui fatti, rispondendo a tutte le domande e riconoscendo anche i due giovani come gli autori della violenza sessuale da lei denunciata. (Il Mattino)

Sorrento. Restano in carcere i due giovani casertani accusati di aver violentato una turista americana nella toilette di un locale sorrentino. Il gip Antonio Fiorentino del Tribunale di Torre Annunziata, infatti, ha rigettato le istanze presentate dai legali di Francesco Franchini, 22enne di San Nicola la Strada, e Riccardo Capece, 20enne residente di Caserta, difesi rispettivamente dagli avvocati Romolo Vignola e Giuseppe Fusco. I fatti risalgono alla notte tra il 27 e il 28 luglio scorsi, quando i due giovani casertani, in vacanza a Massa Lubrense, secondo l'accusa avrebbero costretto con la forza una turista americana di 25 anni ad avere due rapporti sessuali nel bagno di una discoteca di Sorrento. Due settimane fa, assistita dall'avvocato Gennaro Ausiello, la turista americana è tornata in Italia per fornire un nuovo interrogatorio sui fatti, rispondendo a tutte le domande e riconoscendo anche i due giovani come gli autori della violenza sessuale da lei denunciata. (Il Mattino)