RAVELLO FIORI PER IL BAMBINO INGLESE MORTO

0

Ravello fiori per il bambino morto al Santobono di Napoli nel punto dove è stato male messi dal giardiniere del Comune Luigi Di Lieto. È morto nel reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale Santobono di Napoli il piccolo C. W. di sette anni, cittadino britannico, ricoverato da martedì 27 ottobre per un malore avvertito durante un pranzo in un ristorante di Scala, piccolo centro della costiera amalfitana. Dopo aver mangiato in un ristorante di Scala, il piccolo è stato improvvisamente colto da malore ed è arrivato al presidio ospedaliero della costiera amalfitana in arresto cardiaco.

Successivamente è stato trasferito nel presidio sanitario pediatrico di Napoli. Nonostante le cure, le condizioni del bambino sono costantemente peggiorate fino al decesso.

La procura della Repubblica di Salerno ha disposto l’apertura di un fascicolo per accertare l’esatta dinamica dei fatti e la sussistenza di eventuali responsabilità. Le indagini, coordinate dal procuratore della Repubblica, sono delegate ai carabinieri del NAS di Salerno e dalla compagnia carabinieri Amalfi.

La procura anche disposto l’esecuzione di tutti gli accertamenti necessari medico-legali e l’esame autoptico, che sarà effettuato nei prossimi giorni.Ravello fiori per il bambino morto al Santobono di Napoli nel punto dove è stato male messi dal giardiniere del Comune Luigi Di Lieto. È morto nel reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale Santobono di Napoli il piccolo C. W. di sette anni, cittadino britannico, ricoverato da martedì 27 ottobre per un malore avvertito durante un pranzo in un ristorante di Scala, piccolo centro della costiera amalfitana. Dopo aver mangiato in un ristorante di Scala, il piccolo è stato improvvisamente colto da malore ed è arrivato al presidio ospedaliero della costiera amalfitana in arresto cardiaco.

Successivamente è stato trasferito nel presidio sanitario pediatrico di Napoli. Nonostante le cure, le condizioni del bambino sono costantemente peggiorate fino al decesso.

La procura della Repubblica di Salerno ha disposto l’apertura di un fascicolo per accertare l’esatta dinamica dei fatti e la sussistenza di eventuali responsabilità. Le indagini, coordinate dal procuratore della Repubblica, sono delegate ai carabinieri del NAS di Salerno e dalla compagnia carabinieri Amalfi.

La procura anche disposto l’esecuzione di tutti gli accertamenti necessari medico-legali e l’esame autoptico, che sarà effettuato nei prossimi giorni.