Salerno. Luci d’Artista 2015, spesi già 2 milioni di euro. Stanziati altri 468mila euro per cinque nuove installazioni

0

Salerno. A pochi giorni dall’inaugurazione ufficiale della decima edizione delle Luci d’Artista, vengono a galla nuove voci di spesa che allungano l’elenco divenuto ormai molto corposo. In questo caso si tratta dei costi sostenuti per alcune delle nuove opere che illumineranno il cielo salernitano a partire dal prossimo 7 novembre. Per la precisione, stavolta, parliamo di 468mila euro (a cui aggiungere altri 103mila euro di Iva) che il Comune di Salerno darà alla società “Iren servizi e innovazione spa” per la realizzazione di cinque nuove installazioni. In realtà, il prezzo inizialmente proposto era molto più alto, circa 590mila euro; la società ha però deciso di applicare uno sconto del 21 per cento. Oltre a questo, la Iren si occuperà delle operazioni di installazione, manutenzione e smontaggio a titolo totalmente gratuito permettendo così all’Amministrazione di risparmiare altri 92mila euro. Tutte queste cifre sono scritte nero su bianco nella determina dirigenziale numero 3684, pubblicata ieri sull’albo pretorio del sito istituzionale. Naturalmente la spesa verrà spalmata su più bilanci, come accade sempre in occasione dei costi relativi a questa manifestazione. Questo significa che la spesa complessiva di circa 571mila euro troverà copertura per 380mila euro sul bilancio corrente e per il restante sul bilancio 2016. Vale la pena ricordare che questi non sono gli unici soldi che il Comune dovrà dare alla Iren. Con la determina 3243 pubblicata agli inizi del mese di ottobre, l’Amministrazione approvava il pagamento di un ulteriore milione e 420mila euro relativo alla fornitura, posa in opera, noleggio e manutenzione di una serie di installazioni già presenti nella precedente edizione, alcune delle quali sono state ulteriormente integrate. Anche in quell’occasione, il provvedimento dirigenziale stabiliva di spalmare la spesa su più bilanci; i primi 935mila euro a far carico sul bilancio 2015 e i restanti sul bilancio del 2016. Facendo due rapidi calcoli, per la sola società Iren sono già stati previsti poco meno di due milioni di costi. Tuttavia, questo non comprende tutte le luminarie che saranno presenti in città. Basti ricordare che all’appello manca, ad esempio, il maestoso albero di Natale che ogni anno fa bella mostra di sé in piazza Portanova, nonché altre luminarie che vengono richieste ad altre aziende. Si potrebbe concludere che la spesa finale per le sole luci arriverà a superare i duemilioni e mezzo di euro. Una cifra davvero considerevole ma che non esaurisce i costi che ogni anno l’Amministrazione sostiene per garantire lo svolgimento dell’evento. È di pochi giorni fa, ad esempio, la determina nella quale si accettava la proposta economica fatta da Trenitalia per il potenziamento del servizio della metro durante la manifestazione pari a 126mila euro. E bisogna ancora capire, invece, a quanto ammonterà la spesa per il servizio navette che sarà gestito dal Cstp. E poi ci sono i mercatini del centro storico, i consumi di energia elettrica e l’elenco potrebbe ancora continuare. Probabilmente, alla fine si spenderanno circa quattro milioni di euro. Diventa, quindi, fondamentale il contributo da parte della Regione. Il presidente Vincenzo De Luca ha già annunciato che non farà mancare il suo apporto; ora bisogna solo aspettare per vedere a quanto ammonterà. Allo stesso modo si è in attesa di capire quanto sostanzioso sarà il contributo che arriverà quest’anno dalla Camera di Commercio. D’altronde le spese ci sono e non può gravare tutto sulle casse comunali. (Angela Caso – La Città di Salerno)

Salerno. A pochi giorni dall’inaugurazione ufficiale della decima edizione delle Luci d’Artista, vengono a galla nuove voci di spesa che allungano l’elenco divenuto ormai molto corposo. In questo caso si tratta dei costi sostenuti per alcune delle nuove opere che illumineranno il cielo salernitano a partire dal prossimo 7 novembre. Per la precisione, stavolta, parliamo di 468mila euro (a cui aggiungere altri 103mila euro di Iva) che il Comune di Salerno darà alla società “Iren servizi e innovazione spa” per la realizzazione di cinque nuove installazioni. In realtà, il prezzo inizialmente proposto era molto più alto, circa 590mila euro; la società ha però deciso di applicare uno sconto del 21 per cento. Oltre a questo, la Iren si occuperà delle operazioni di installazione, manutenzione e smontaggio a titolo totalmente gratuito permettendo così all’Amministrazione di risparmiare altri 92mila euro. Tutte queste cifre sono scritte nero su bianco nella determina dirigenziale numero 3684, pubblicata ieri sull’albo pretorio del sito istituzionale. Naturalmente la spesa verrà spalmata su più bilanci, come accade sempre in occasione dei costi relativi a questa manifestazione. Questo significa che la spesa complessiva di circa 571mila euro troverà copertura per 380mila euro sul bilancio corrente e per il restante sul bilancio 2016. Vale la pena ricordare che questi non sono gli unici soldi che il Comune dovrà dare alla Iren. Con la determina 3243 pubblicata agli inizi del mese di ottobre, l’Amministrazione approvava il pagamento di un ulteriore milione e 420mila euro relativo alla fornitura, posa in opera, noleggio e manutenzione di una serie di installazioni già presenti nella precedente edizione, alcune delle quali sono state ulteriormente integrate. Anche in quell’occasione, il provvedimento dirigenziale stabiliva di spalmare la spesa su più bilanci; i primi 935mila euro a far carico sul bilancio 2015 e i restanti sul bilancio del 2016. Facendo due rapidi calcoli, per la sola società Iren sono già stati previsti poco meno di due milioni di costi. Tuttavia, questo non comprende tutte le luminarie che saranno presenti in città. Basti ricordare che all’appello manca, ad esempio, il maestoso albero di Natale che ogni anno fa bella mostra di sé in piazza Portanova, nonché altre luminarie che vengono richieste ad altre aziende. Si potrebbe concludere che la spesa finale per le sole luci arriverà a superare i duemilioni e mezzo di euro. Una cifra davvero considerevole ma che non esaurisce i costi che ogni anno l’Amministrazione sostiene per garantire lo svolgimento dell’evento. È di pochi giorni fa, ad esempio, la determina nella quale si accettava la proposta economica fatta da Trenitalia per il potenziamento del servizio della metro durante la manifestazione pari a 126mila euro. E bisogna ancora capire, invece, a quanto ammonterà la spesa per il servizio navette che sarà gestito dal Cstp. E poi ci sono i mercatini del centro storico, i consumi di energia elettrica e l’elenco potrebbe ancora continuare. Probabilmente, alla fine si spenderanno circa quattro milioni di euro. Diventa, quindi, fondamentale il contributo da parte della Regione. Il presidente Vincenzo De Luca ha già annunciato che non farà mancare il suo apporto; ora bisogna solo aspettare per vedere a quanto ammonterà. Allo stesso modo si è in attesa di capire quanto sostanzioso sarà il contributo che arriverà quest’anno dalla Camera di Commercio. D’altronde le spese ci sono e non può gravare tutto sulle casse comunali. (Angela Caso – La Città di Salerno)