TRUFFE AGLI ANZIANI A VICO EQUENSE

0

28/10/2015 Si era finto avvocato del figlio, riuscendo a farsi dare dalla madre 3mila euro «per pagare svariate multe da versare in Questura». I Carabinieri della compagnia di Sorrento (Napoli) hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di G.B., 25 anni, pregiudicato, per truffa aggravata ai danni di persona anziana. L’indagine coordinata dalla Procura di Torre Annunziata e condotta dalla stazione dei Carabinieri di Vico Equense è stata avviata nel mese di giugno in seguito alla denuncia di una signora, che aveva pagato circa 3mila euro a una persona identificatasi come avvocato del figlio.
Quest’ultimo, mediante raggiri, si era presentato nell’appartamento dell’anziana riferendo di essere un collaboratore di un avvocato e di dover ritirare la somma di 3mila euro per risolvere una problematica nella quale era stato coinvolto il figlio dell’80enne, ossia il pagamento di svariate multe da versare in Questura. Avviate le indagini i Carabinieri hanno identificato il soggetto arrestandolo. Il 25enne era già stato arrestato in precedenza sempre per truffa ai danni di anziani in diverse località italiane.28/10/2015 Si era finto avvocato del figlio, riuscendo a farsi dare dalla madre 3mila euro «per pagare svariate multe da versare in Questura». I Carabinieri della compagnia di Sorrento (Napoli) hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di G.B., 25 anni, pregiudicato, per truffa aggravata ai danni di persona anziana. L’indagine coordinata dalla Procura di Torre Annunziata e condotta dalla stazione dei Carabinieri di Vico Equense è stata avviata nel mese di giugno in seguito alla denuncia di una signora, che aveva pagato circa 3mila euro a una persona identificatasi come avvocato del figlio.
Quest’ultimo, mediante raggiri, si era presentato nell’appartamento dell’anziana riferendo di essere un collaboratore di un avvocato e di dover ritirare la somma di 3mila euro per risolvere una problematica nella quale era stato coinvolto il figlio dell’80enne, ossia il pagamento di svariate multe da versare in Questura. Avviate le indagini i Carabinieri hanno identificato il soggetto arrestandolo. Il 25enne era già stato arrestato in precedenza sempre per truffa ai danni di anziani in diverse località italiane.

Lascia una risposta