Contursi Terme . L’ex sindaco Rosa “Mancano le sinergie” Formica “Destagionalizzare e creare sistema”

0

Contursi Terme potenzialità inespresse. L’ex sindaco Giacomo Rosa “Manca la mentalità da sistema turistico”. Troviamo l’ex sindaco quasi per caso dopo qualche giorno passati in questo splendido centro termale in provincia di Salerno, nel cuore della Campania, fra il Cilento e l’ Irpinia, a pochi passi qui abbiamo Materdomini, Calitri e Lioni in provincia di Avellino, e dall’altra parte Caggiano e Pertosa. Potenzialmente potrebbe fare come e più di Ischia anche perchè le terme qui sono ovunque, ma manca il rilancio. L’ex sindaco, coinvolto comunque in alcuni episodi di abuso d’ufficio con dei processi in corso, per autorizzazioni rilasciate e il concorso di comandante dei vigili, sub iudice, per la cronaca, con noi è stato davvero molto cordiale e disponibile, facendoci scoprire il centro storico, dimostrando di conoscere e amare il proprio paese “Manca l’interazione delle terme con il centro e il circondario , tutto si svolge li e non vi è crescita..” Poi un rammarico “Ho recuperato un bene sequestrato dalla camorra, ho fatto un lavoro enorme per riuscirci , fra Regione e Governo, lo scopo era quello di creare un centro che mettesse tutti in rete, gestito da un consorzio,  ma molti hanno pensato che fosse una concorrenza per loro, è stato uno dei veri motivi della sconfitta…poi ho cercato di fra capire che è importante promuoversi con i media, per cui era necessario fare qualche investimento, ospitalità, ma niente” . Anche la gente del territorio non “sente” questa crescita “Vengono qui, li infornano dentro gli alberghi ed è finita la..”, ci dice un negoziante. L’ex sindaco Giacomo Rosa lo ha sottolineato in maniera diversa, accompagnandoci a notte inoltrata per il centro storico. Già mettere in rete le terme e migliorare i servizi, a noi è capitato da Rosapepe, nulla da dire sulla camera, ma alle terme alle 16 ci è stato detto che massaggi non se ne potevano fare più da un’unica addetta, la quale, essendo da sola, non riusciva a gestire le richieste anche semplici, siamo andati da Capasso, senza che nessuno ce lo avesse indicato (in altre località turistiche si dialoga con l’altro operatore del territorio per far si che cresca il territorio e l’indotto locale, ndr) , e li ci hanno messo a disposizione , con una grande disponibilità e professionalità della ragazza al desk (ma altrettanta disponibilità e cortesia la abbiamo trovata in tutto il personale) una massaggiatrice che era reperibile, il tempo di aspettarla ed è arrivata subito da Battipaglia. Le Terme Capasso, per esempio, stanno dimostrando di evolversi puntando sulla qualità e sui servizi, terme all’interno della struttura con piscina all’esterno a varie gradazioni, meravigliosa in inverno, utilizzabile anche di notte,  una vasca idromassaggio di recente realizzazione, e poi a breve sauna e ulteriori interventi nel centro benessere. Il direttore Marcello Formica è di uno spessore diverso “Qui ci sono due consorzi, l’idea del nostro consorzio è quello di aprirci al circondario, Oliveto Citra e altri paesi del Sele e Tanagro, bisogna creare sistema  per aumentare le nostre potenzialità, migliorare i servizi e promuovere questa zona mettendola in rete con territori come la Costiera amalfitana , Sorrento e il Cilento “. La logica è quella giusta, anche perchè qui si potrebbe fare molto, sopratutto nella destagionalizzazione, con le acque termali calde qui è l’ideale trascorrere qualche giorno proprio con il freddo, l’integrazione con le coste da Sorrento ad Amalfi e il Cilento, potrebbe fare il resto, attirando anche il turismo termale a cominciare dai flussi tedeschi. Bisogna far crescere la mentalità e l’interazione fra gli operatori che dovrebbero essere più uniti nel vendere il pacchetto Contursi e dintorni, offrendo servizi all’interno, ma anche escursioni, iniziative e altro che possa rendere più interessante la permanenza in questi posti meravigliosi immersi nel verde.

Contursi Terme potenzialità inespresse. L'ex sindaco Giacomo Rosa "Manca la mentalità da sistema turistico". Troviamo l'ex sindaco quasi per caso dopo qualche giorno passati in questo splendido centro termale in provincia di Salerno, nel cuore della Campania, fra il Cilento e l' Irpinia, a pochi passi qui abbiamo Materdomini, Calitri e Lioni in provincia di Avellino, e dall'altra parte Caggiano e Pertosa. Potenzialmente potrebbe fare come e più di Ischia anche perchè le terme qui sono ovunque, ma manca il rilancio. L'ex sindaco, coinvolto comunque in alcuni episodi di abuso d'ufficio con dei processi in corso, per autorizzazioni rilasciate e il concorso di comandante dei vigili, sub iudice, per la cronaca, con noi è stato davvero molto cordiale e disponibile, facendoci scoprire il centro storico, dimostrando di conoscere e amare il proprio paese "Manca l'interazione delle terme con il centro e il circondario , tutto si svolge li e non vi è crescita.." Poi un rammarico "Ho recuperato un bene sequestrato dalla camorra, ho fatto un lavoro enorme per riuscirci , fra Regione e Governo, lo scopo era quello di creare un centro che mettesse tutti in rete, gestito da un consorzio,  ma molti hanno pensato che fosse una concorrenza per loro, è stato uno dei veri motivi della sconfitta…poi ho cercato di fra capire che è importante promuoversi con i media, per cui era necessario fare qualche investimento, ospitalità, ma niente" . Anche la gente del territorio non "sente" questa crescita "Vengono qui, li infornano dentro gli alberghi ed è finita la..", ci dice un negoziante. L'ex sindaco Giacomo Rosa lo ha sottolineato in maniera diversa, accompagnandoci a notte inoltrata per il centro storico. Già mettere in rete le terme e migliorare i servizi, a noi è capitato da Rosapepe, nulla da dire sulla camera, ma alle terme alle 16 ci è stato detto che massaggi non se ne potevano fare più da un'unica addetta, la quale, essendo da sola, non riusciva a gestire le richieste anche semplici, siamo andati da Capasso, senza che nessuno ce lo avesse indicato (in altre località turistiche si dialoga con l'altro operatore del territorio per far si che cresca il territorio e l'indotto locale, ndr) , e li ci hanno messo a disposizione , con una grande disponibilità e professionalità della ragazza al desk (ma altrettanta disponibilità e cortesia la abbiamo trovata in tutto il personale) una massaggiatrice che era reperibile, il tempo di aspettarla ed è arrivata subito da Battipaglia. Le Terme Capasso, per esempio, stanno dimostrando di evolversi puntando sulla qualità e sui servizi, terme all'interno della struttura con piscina all'esterno a varie gradazioni, meravigliosa in inverno, utilizzabile anche di notte,  una vasca idromassaggio di recente realizzazione, e poi a breve sauna e ulteriori interventi nel centro benessere. Il direttore Marcello Formica è di uno spessore diverso "Qui ci sono due consorzi, l'idea del nostro consorzio è quello di aprirci al circondario, Oliveto Citra e altri paesi del Sele e Tanagro, bisogna creare sistema  per aumentare le nostre potenzialità, migliorare i servizi e promuovere questa zona mettendola in rete con territori come la Costiera amalfitana , Sorrento e il Cilento ". La logica è quella giusta, anche perchè qui si potrebbe fare molto, sopratutto nella destagionalizzazione, con le acque termali calde qui è l'ideale trascorrere qualche giorno proprio con il freddo, l'integrazione con le coste da Sorrento ad Amalfi e il Cilento, potrebbe fare il resto, attirando anche il turismo termale a cominciare dai flussi tedeschi. Bisogna far crescere la mentalità e l'interazione fra gli operatori che dovrebbero essere più uniti nel vendere il pacchetto Contursi e dintorni, offrendo servizi all'interno, ma anche escursioni, iniziative e altro che possa rendere più interessante la permanenza in questi posti meravigliosi immersi nel verde.