FC Sorrento (FC Sant’Agnello) freddo e US Scafatese k.o.

0

Costieri inizialmente frastornati ma poi senza veli

 

Sorrento – Un implacabile FC Sorrento (FC Sant’Agnello) mette la US Scafatese ko nella ripresa in una partita sentita e spigolosa.

C’è voluto un po’ di tempo per uscire da un inizio alquanto balbettante ma poi, come al solito e dopo le scorribande canarine, i costieri quando hanno la sfera tra i piedi è cattivo tempo per le squadre avversarie e così è successo.

L’approccio non è stato abbastanza sicuro perché era un problema tattico ed anche perché era la partita più importante della giornata poiché erano di fronte due squadre che non avevano perso una gara, insieme alla Città di Nocera ed al San Vito Positano, per cui nei ventidue in campo la tensione c’era. Poi passata il ritmo si è alzato ed il gioco, anche se varie volte spezzettato per  i vari falli, ne ha beneficiato, con delle conclusioni che erano davvero pungenti in varie occasioni e con le tre reti, due di pregevole fattura su punizione.

Goals: Quattro che hanno fatto esaltare i presenti al ‘Comunale’ scafatese: tre dei costieri ed uno degli agresi che avevano riaperto momentaneamente la gara, poi chiusa definitivamente dopo la mezzora.

Dopo il rigore errato dai locali ecco che non erra al 27’ Gargiulo che mette in rete dopo un assist al bacio di Vitale che era stato ben imbeccato da De Rosa. Gli altri gol nella ripresa. Al 18’ stavolta è Vitale a siglare il raddoppio costiero con una punizione direttamente dal limite dell’area, nella lunetta, con la sfera che dapprima batte l’incrocio interno e poi termina in rete. Ad accorciare le distanze per i padroni di casa è al 27’ Maione che a porta sguarnita, dopo un’errata uscita di Russo che chiamava palla, che non trattiene, la mette dentro.

Il tris lo cala Scarpa al 32’ con la quasi identica punizione di Vitale, ma stavolta con una palla a giro sulla barriera che si infila nella parte alta sul palo lungo.  

La gara – Era quella più importante della giornata ed allora alquanto sentita da entrambe poiché si affrontavano la prima e la seconda in classifica, ma sono stati i costieri ad avere un approccio non sereno giacché non solo c’era un po’ di tensione ma anche per una questione tattica. E così l’avvio, a tamburo battente, è stato ad appannaggio degli agresi che già al 13’ usufruivano di un calcio di rigore per un tocco della palla con il braccio da parte di Scognamiglio G su un tiro di Della Femina. Ma dagli undici metri falliva Del Grande. La partita era alquanto spigolosa e contornata da vari falli nei primi minuti, ma poi a sorpresa i rossoneri passavano in vantaggio e prendevano in mano le redini del cavallo e galoppavano imbastendo delle buone trame e conclusioni. Quella di Scarpa al 28’ era salvata dall’estremo canarino, poi dopo quattro primi Vitale si mangia il raddoppio mandando fuori l’assist di Gargiulo. La US Scafatese si vede con una palla larga di Del Grande al 35’ e la stessa fine fa quella di Maio al 40’, ma quella della mezza rovesciata di Della Femina che va sul fondo fa venire qualche brivido al 43’. Nello stesso minuto la risposta costiera è affidata a Vitale che imbeccato da Scarpa non inquadra il bersaglio da posizione favorevole, ma dopo il duplice fischio tutti inquadrano la via degli spogliatoi.

Alla loro uscita si assiste ad una ripresa con toni alti ed al 2’ Scarpa conclude un’azione personale mandando dal limite la sfera fuori, mentre all’8’ Gallo deve esibirsi alla grande su una botta di De Rosa dalla distanza. Costieri a tamburo battente ed ancora Vitale al 10’ spreca fuori una ghiotta occasione dopo un micidiale contropiede, ma poi inquadra il bersaglio per il raddoppio. Che scuote gli uomini di mister Amarante che dapprima tentano di accorciare le distanze al 26’, ma la palla di testa di Cibele sfiora solo il bersaglio sul cross del neoentrato Sgueglia. Squadra agrese a trazione anteriore ed arriva il gol che momentaneamente riapre le sorti del vibrante incontro, ma poi che è chiuso dalla punizione di Scarpa. Il finale di gara vede ancora i canarini che tentano vanamente di mettere a segno la seconda rete ma il diagonale di Cibele al 36’ è salvato dall’estremo rossonero, che poi chiude la gara salvando il risultato sulla palla di Scognamiglio P al 46’.

Novantunesimo – “Era solo un problema tattico che abbiamo avuto all’inizio della gara”, così afferma mister Turi che poi allunga dicendo che “eravamo lunghi e loro erano ben messi in campo”. Non era una gara facile sulla carta perché gli scafatesi sono in lotta, insieme alla consorella Scafatese 1922, per essere protagonisti nel campionato, per cui “è stata una gara dura ed impegnativa in cui i miei giocatori hanno avuto un atteggiamento di saper soffrire perché eravamo in una giornata no”. Però anche il non essere in giornata no, ha messo in mostra l’estro dei singoli che “hanno risolto la partita”, ma tutti “hanno corso e sofferto su un campo non semplice della seconda in classifica”. “È stata una prova da squadra importante come lo sono i tre punti, contro un squadra frizzante che giocava bene”, conclude il mister. E domenica prossima si aspetta in casa un Montesarchio ostico.

 

 

CAMPIONATO ECCELLENZA CAMPANIA 2014-15 – GIRONE B – 7^ GIORNATA

 

US SCAFATESE – FC SORRENTO (FC SANT’AGNELLO)  1-3

Goals: pt – 27’ Gargiulo (FCS); st – 18’ Vitale (FCS), 27’ Maione (USS), 32’ Scarpa (FCS).

 

US SCAFATESE(4-3-1-2): Gallo; Matrone P (22’st Sgueglia), Romano, Cirillo, Ferrauto; Della Femina, Maio, Mandica; Avino (20’st Scognamiglio P); Maione, Del Grande (19’st Cibele).

A disp: Francavilla, Paragallo, Manzo, Matrone V, Cibele.    Allen: Antonio Amarante.

FC SORRENTO (FC SANT’AGNELLO) (4-3-3): Russo; Vanin, Arpino, Scognamiglio, De Gregorio; Esposito (39’st Sozio) , De Rosa, Temponi; Vitale (22’st Serrapica), Scarpa, Gargiulo (39’st Fragiello). 

A disp: Napolitano, Verdone, Izzo, Terminiello.   Allen: Mario Turi.

Arbitro: Ivan Catallo di Frosinone.

Assistenti: Nicola Schettino e Giuseppe Cesarano di Castellammare di Stabia.

Ammonti: pt -26’Avino (FCS), Arpino (FCS), Mandica (USS); st- 7’ Matrone P (USS), 29’ Maio (USS), 30’ Sgueglia (USS).

Note: giornata serena, 23°; terreno in buone condizioni; spettatori 400 circa; al 13’pt Russo (FCS) para un rigore a Della Femina (USS).

Angoli: 7-3.   Recupero:   1’pt e 4’st.

 

GIUSEPPE SPASIANO

 

Costieri inizialmente frastornati ma poi senza veli

 

Sorrento – Un implacabile FC Sorrento (FC Sant’Agnello) mette la US Scafatese ko nella ripresa in una partita sentita e spigolosa.

C’è voluto un po’ di tempo per uscire da un inizio alquanto balbettante ma poi, come al solito e dopo le scorribande canarine, i costieri quando hanno la sfera tra i piedi è cattivo tempo per le squadre avversarie e così è successo.

L’approccio non è stato abbastanza sicuro perché era un problema tattico ed anche perché era la partita più importante della giornata poiché erano di fronte due squadre che non avevano perso una gara, insieme alla Città di Nocera ed al San Vito Positano, per cui nei ventidue in campo la tensione c’era. Poi passata il ritmo si è alzato ed il gioco, anche se varie volte spezzettato per  i vari falli, ne ha beneficiato, con delle conclusioni che erano davvero pungenti in varie occasioni e con le tre reti, due di pregevole fattura su punizione.

Goals: Quattro che hanno fatto esaltare i presenti al ‘Comunale’ scafatese: tre dei costieri ed uno degli agresi che avevano riaperto momentaneamente la gara, poi chiusa definitivamente dopo la mezzora.

Dopo il rigore errato dai locali ecco che non erra al 27’ Gargiulo che mette in rete dopo un assist al bacio di Vitale che era stato ben imbeccato da De Rosa. Gli altri gol nella ripresa. Al 18’ stavolta è Vitale a siglare il raddoppio costiero con una punizione direttamente dal limite dell’area, nella lunetta, con la sfera che dapprima batte l’incrocio interno e poi termina in rete. Ad accorciare le distanze per i padroni di casa è al 27’ Maione che a porta sguarnita, dopo un’errata uscita di Russo che chiamava palla, che non trattiene, la mette dentro.

Il tris lo cala Scarpa al 32’ con la quasi identica punizione di Vitale, ma stavolta con una palla a giro sulla barriera che si infila nella parte alta sul palo lungo.  

La gara – Era quella più importante della giornata ed allora alquanto sentita da entrambe poiché si affrontavano la prima e la seconda in classifica, ma sono stati i costieri ad avere un approccio non sereno giacché non solo c’era un po’ di tensione ma anche per una questione tattica. E così l’avvio, a tamburo battente, è stato ad appannaggio degli agresi che già al 13’ usufruivano di un calcio di rigore per un tocco della palla con il braccio da parte di Scognamiglio G su un tiro di Della Femina. Ma dagli undici metri falliva Del Grande. La partita era alquanto spigolosa e contornata da vari falli nei primi minuti, ma poi a sorpresa i rossoneri passavano in vantaggio e prendevano in mano le redini del cavallo e galoppavano imbastendo delle buone trame e conclusioni. Quella di Scarpa al 28’ era salvata dall’estremo canarino, poi dopo quattro primi Vitale si mangia il raddoppio mandando fuori l’assist di Gargiulo. La US Scafatese si vede con una palla larga di Del Grande al 35’ e la stessa fine fa quella di Maio al 40’, ma quella della mezza rovesciata di Della Femina che va sul fondo fa venire qualche brivido al 43’. Nello stesso minuto la risposta costiera è affidata a Vitale che imbeccato da Scarpa non inquadra il bersaglio da posizione favorevole, ma dopo il duplice fischio tutti inquadrano la via degli spogliatoi.

Alla loro uscita si assiste ad una ripresa con toni alti ed al 2’ Scarpa conclude un’azione personale mandando dal limite la sfera fuori, mentre all’8’ Gallo deve esibirsi alla grande su una botta di De Rosa dalla distanza. Costieri a tamburo battente ed ancora Vitale al 10’ spreca fuori una ghiotta occasione dopo un micidiale contropiede, ma poi inquadra il bersaglio per il raddoppio. Che scuote gli uomini di mister Amarante che dapprima tentano di accorciare le distanze al 26’, ma la palla di testa di Cibele sfiora solo il bersaglio sul cross del neoentrato Sgueglia. Squadra agrese a trazione anteriore ed arriva il gol che momentaneamente riapre le sorti del vibrante incontro, ma poi che è chiuso dalla punizione di Scarpa. Il finale di gara vede ancora i canarini che tentano vanamente di mettere a segno la seconda rete ma il diagonale di Cibele al 36’ è salvato dall’estremo rossonero, che poi chiude la gara salvando il risultato sulla palla di Scognamiglio P al 46’.

Novantunesimo – “Era solo un problema tattico che abbiamo avuto all’inizio della gara”, così afferma mister Turi che poi allunga dicendo che “eravamo lunghi e loro erano ben messi in campo”. Non era una gara facile sulla carta perché gli scafatesi sono in lotta, insieme alla consorella Scafatese 1922, per essere protagonisti nel campionato, per cui “è stata una gara dura ed impegnativa in cui i miei giocatori hanno avuto un atteggiamento di saper soffrire perché eravamo in una giornata no”. Però anche il non essere in giornata no, ha messo in mostra l’estro dei singoli che “hanno risolto la partita”, ma tutti “hanno corso e sofferto su un campo non semplice della seconda in classifica”. “È stata una prova da squadra importante come lo sono i tre punti, contro un squadra frizzante che giocava bene”, conclude il mister. E domenica prossima si aspetta in casa un Montesarchio ostico.

 

 

CAMPIONATO ECCELLENZA CAMPANIA 2014-15 – GIRONE B – 7^ GIORNATA

 

US SCAFATESE – FC SORRENTO (FC SANT’AGNELLO)  1-3

Goals: pt – 27’ Gargiulo (FCS); st – 18’ Vitale (FCS), 27’ Maione (USS), 32’ Scarpa (FCS).

 

US SCAFATESE(4-3-1-2): Gallo; Matrone P (22’st Sgueglia), Romano, Cirillo, Ferrauto; Della Femina, Maio, Mandica; Avino (20’st Scognamiglio P); Maione, Del Grande (19’st Cibele).

A disp: Francavilla, Paragallo, Manzo, Matrone V, Cibele.    Allen: Antonio Amarante.

FC SORRENTO (FC SANT’AGNELLO) (4-3-3): Russo; Vanin, Arpino, Scognamiglio, De Gregorio; Esposito (39’st Sozio) , De Rosa, Temponi; Vitale (22’st Serrapica), Scarpa, Gargiulo (39’st Fragiello). 

A disp: Napolitano, Verdone, Izzo, Terminiello.   Allen: Mario Turi.

Arbitro: Ivan Catallo di Frosinone.

Assistenti: Nicola Schettino e Giuseppe Cesarano di Castellammare di Stabia.

Ammonti: pt -26’Avino (FCS), Arpino (FCS), Mandica (USS); st- 7’ Matrone P (USS), 29’ Maio (USS), 30’ Sgueglia (USS).

Note: giornata serena, 23°; terreno in buone condizioni; spettatori 400 circa; al 13’pt Russo (FCS) para un rigore a Della Femina (USS).

Angoli: 7-3.   Recupero:   1’pt e 4’st.

 

GIUSEPPE SPASIANO

 

Lascia una risposta