Derby – Ischia -Casertana Le formazioni

0

Calcio / Lega Pro La capolista oggi in campo senza tifosi al seguito per il divieto di trasferta. Ben sette gli ex tra le due squadre

 

Ischia Isolaverde-Casertana formazioni e arbitro. ISCHIA (4-3-2-1): Iu­lia­no; Flo­rio, Fi­lo­sa, Patti, Bruno; Palma, Me­du­ri, Iz­zil­lo; Ar­me­no, Ca­la­mai; Or­lan­do. (Mi­rar­co, Mo­rac­ci, Gua­ri­no, Savi, Bar­gig­gia, Ka­nou­te, Manna). All. Bi­tet­to.

CA­SER­TA­NA (3-5-2): Gra­gna­niel­lo; Rai­no­ne, Idda, Mu­ro­lo; Fi­ni­zio, Agyei, Ca­po­da­glio, Man­co­su, Tito; Negro, Al­fa­ge­me. (Ma­iel­la­ro, Gu­gliel­mo, D’Al­te­rio, Ku­se­ta, Pez­zel­la, Di Fi­lip­po, Gu­gliel­mo, Cio­to­la, Gi­ne­stra, De An­ge­lis, Varsi). All. Ro­ma­niel­lo. AR­BI­TRO: Di Mar­ti­no di Te­ra­mo (Pe­pe-Vin­go).

LA CLAS­SI­FI­CA DEL GIRONE C: Ca­ser­ta­na p. 14; Mes­si­na e Akra­gas p. 13; Fi­de­lis An­dria e Be­ne­ven­to 12; Fog­gia 11; Mo­no­po­li, Ischia e Co­sen­za 10; Pa­ga­ne­se e Lecce 9; Melfi 7; Ca­ta­nia (-9), Juve Sta­bia, Mar­ti­na, Ca­tan­za­ro e Lupa Ca­stel­li 5; Ma­te­ra (-2) 4. PROS­SI­MO TURNO: Sa­ba­to 24 ot­to­bre, ore 14: Akra­gas-Ju­ve Sta­bia; ore 15: Ischia-Ca­ser­ta­na e Mel­fi-Lec­ce; ore 20.30: Be­ne­ven­to-Ca­tan­za­ro, Mo­no­po­li-Pa­ga­ne­se, Mes­si­na-Lu­pa Ca­stel­li e Fog­gia-Fi­de­lis An­dria. Do­me­ni­ca 25, ore 15: Ca­ta­nia-Mar­ti­na; ore 17.30: Co­sen­za-Ma­te­ra. 

Dopo il convincente successo di lunedì scorso contro la corazzata Catania, la Casertana, con le insegne del primato solitario, scende oggi in campo a Ischia per riconfermarsi. Al match non potranno assistere i tifosi casertani per il divieto di trasferta imposto loro dal Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive (Casms) che ha ritenuto la gara a rischio per l’ordine pubblico. Un vero peccato perché nell’ambiente rossoblù si respira un’aria frizzante, logica conseguenza dell’inaspettato cammino (almeno sulla carta) del team guidato da Romaniello il quale, in ogni caso, in questi giorni di preparazione alla partita ha messo tutti in guardia dai pericoli che potranno venire dal confronto odierno. «L’Ischia è una squadra tignosa – ha detto il tecnico rossoblù – che pressa in ogni parte del campo cercando di non farti giocare. La compagine gialloblù accusa assenze importanti, ma cercheranno sicuramente di sopperire con la corsa, caratteristica tipica delle squadre allenate da Bitetto che fanno del dinamismo e la velocità di gioco l’arma principale. Mi aspetto, pertanto, una partita difficile in cui dovremo tenere sempre alta l’asticella della concentrazione. Non dovranno, infatti, verificarsi quei cali di tensione come nel secondo tempo di Cosenza dove ci siamo fatti rimontare dall’avversario». Ischia-Casertana, oltre ad essere un derby con tanti precedenti, è soprattutto, almeno nel confronto odierno, il festival degli ex. Se ne contano sette in tutto, quattro da parte rossoblù (Rainone, Tito, Finizio e Ciotola) e tre, invece, dalla sponda ischitana, cioè Bruno, Patti (a Caserta nella seconda parte della stagione 2010/2011) e Mancino, con quest’ultimo, però, che sarà assente per squalifica (ieri è stato respinto il ricorso per ridurre da tre a due le giornate di stop). Oltre a Mancino, l’Ischia sarà priva anche di Kanoutè e Fall. Anche la Casertana, tuttavia, ha il suo conto aperto in termini di assenze. Oltre a Diakitè, che sta recuperando dall’infortunio al ginocchio rimediato prima della trasferta di Castellammare di Stabia, mancherà anche Mangiacasale, out dopo la distorsione alla caviglia occorsagli nel primo tempo del match di lunedì scorso contro il Catania. Probabile che la defezione dell’ex Aversa Normanna si prolunghi anche all’altro derby con il Benevento, dove, invece, dovrebbe fare il suo rientro De Marco, oggi comunque assente. Romaniello, pertanto, dovrebbe confermare l’undici che ha terminato il primo tempo contro il Catania, cioè con Finizio sulla fascia destra di centrocampo e confermando Alfageme al fianco di Negro in avanti. La Casertana, quindi, dovrebbe scendere in campo con Gragnaniello in porta; Idda, Rainone e Murolo in difesa; Finizio, Agyei, Capodaglio, Mancosu e Tito a centrocampo; Alfageme e Negro in attacco. Arbitra Di Martino di Teramo, coadiuvato dagli assistenti di linea Pepe di Ariano Irpino e Vingo di Pisa.

fonte:ilmattino

Calcio / Lega Pro La capolista oggi in campo senza tifosi al seguito per il divieto di trasferta. Ben sette gli ex tra le due squadre

 

Ischia Isolaverde-Casertana formazioni e arbitro. ISCHIA (4-3-2-1): Iu­lia­no; Flo­rio, Fi­lo­sa, Patti, Bruno; Palma, Me­du­ri, Iz­zil­lo; Ar­me­no, Ca­la­mai; Or­lan­do. (Mi­rar­co, Mo­rac­ci, Gua­ri­no, Savi, Bar­gig­gia, Ka­nou­te, Manna). All. Bi­tet­to.

CA­SER­TA­NA (3-5-2): Gra­gna­niel­lo; Rai­no­ne, Idda, Mu­ro­lo; Fi­ni­zio, Agyei, Ca­po­da­glio, Man­co­su, Tito; Negro, Al­fa­ge­me. (Ma­iel­la­ro, Gu­gliel­mo, D’Al­te­rio, Ku­se­ta, Pez­zel­la, Di Fi­lip­po, Gu­gliel­mo, Cio­to­la, Gi­ne­stra, De An­ge­lis, Varsi). All. Ro­ma­niel­lo. AR­BI­TRO: Di Mar­ti­no di Te­ra­mo (Pe­pe-Vin­go).

LA CLAS­SI­FI­CA DEL GIRONE C: Ca­ser­ta­na p. 14; Mes­si­na e Akra­gas p. 13; Fi­de­lis An­dria e Be­ne­ven­to 12; Fog­gia 11; Mo­no­po­li, Ischia e Co­sen­za 10; Pa­ga­ne­se e Lecce 9; Melfi 7; Ca­ta­nia (-9), Juve Sta­bia, Mar­ti­na, Ca­tan­za­ro e Lupa Ca­stel­li 5; Ma­te­ra (-2) 4. PROS­SI­MO TURNO: Sa­ba­to 24 ot­to­bre, ore 14: Akra­gas-Ju­ve Sta­bia; ore 15: Ischia-Ca­ser­ta­na e Mel­fi-Lec­ce; ore 20.30: Be­ne­ven­to-Ca­tan­za­ro, Mo­no­po­li-Pa­ga­ne­se, Mes­si­na-Lu­pa Ca­stel­li e Fog­gia-Fi­de­lis An­dria. Do­me­ni­ca 25, ore 15: Ca­ta­nia-Mar­ti­na; ore 17.30: Co­sen­za-Ma­te­ra. 

Dopo il convincente successo di lunedì scorso contro la corazzata Catania, la Casertana, con le insegne del primato solitario, scende oggi in campo a Ischia per riconfermarsi. Al match non potranno assistere i tifosi casertani per il divieto di trasferta imposto loro dal Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive (Casms) che ha ritenuto la gara a rischio per l'ordine pubblico. Un vero peccato perché nell'ambiente rossoblù si respira un'aria frizzante, logica conseguenza dell'inaspettato cammino (almeno sulla carta) del team guidato da Romaniello il quale, in ogni caso, in questi giorni di preparazione alla partita ha messo tutti in guardia dai pericoli che potranno venire dal confronto odierno. «L'Ischia è una squadra tignosa – ha detto il tecnico rossoblù – che pressa in ogni parte del campo cercando di non farti giocare. La compagine gialloblù accusa assenze importanti, ma cercheranno sicuramente di sopperire con la corsa, caratteristica tipica delle squadre allenate da Bitetto che fanno del dinamismo e la velocità di gioco l'arma principale. Mi aspetto, pertanto, una partita difficile in cui dovremo tenere sempre alta l'asticella della concentrazione. Non dovranno, infatti, verificarsi quei cali di tensione come nel secondo tempo di Cosenza dove ci siamo fatti rimontare dall'avversario». Ischia-Casertana, oltre ad essere un derby con tanti precedenti, è soprattutto, almeno nel confronto odierno, il festival degli ex. Se ne contano sette in tutto, quattro da parte rossoblù (Rainone, Tito, Finizio e Ciotola) e tre, invece, dalla sponda ischitana, cioè Bruno, Patti (a Caserta nella seconda parte della stagione 2010/2011) e Mancino, con quest'ultimo, però, che sarà assente per squalifica (ieri è stato respinto il ricorso per ridurre da tre a due le giornate di stop). Oltre a Mancino, l'Ischia sarà priva anche di Kanoutè e Fall. Anche la Casertana, tuttavia, ha il suo conto aperto in termini di assenze. Oltre a Diakitè, che sta recuperando dall'infortunio al ginocchio rimediato prima della trasferta di Castellammare di Stabia, mancherà anche Mangiacasale, out dopo la distorsione alla caviglia occorsagli nel primo tempo del match di lunedì scorso contro il Catania. Probabile che la defezione dell'ex Aversa Normanna si prolunghi anche all'altro derby con il Benevento, dove, invece, dovrebbe fare il suo rientro De Marco, oggi comunque assente. Romaniello, pertanto, dovrebbe confermare l'undici che ha terminato il primo tempo contro il Catania, cioè con Finizio sulla fascia destra di centrocampo e confermando Alfageme al fianco di Negro in avanti. La Casertana, quindi, dovrebbe scendere in campo con Gragnaniello in porta; Idda, Rainone e Murolo in difesa; Finizio, Agyei, Capodaglio, Mancosu e Tito a centrocampo; Alfageme e Negro in attacco. Arbitra Di Martino di Teramo, coadiuvato dagli assistenti di linea Pepe di Ariano Irpino e Vingo di Pisa.

fonte:ilmattino