FixCrystal

0

Stefania Ciccarella in arte “FIX” esporrà sabato 17 Ottobre alle 19:30 c/0 il locale Cellar Theory (Vico Acitillo 58 Napoli), uno dei suoi progetti pittorici FIXCRYSTAL.
FixCrystal è un Avatar ,è un cyborg piuttosto arrabbiato, seducente, ma pronto a difendersi da qualsiasi tipo di attacco esterno. Rievoca più o meno consapevolmente per la vivacità dei colori e le suggestioni visive la saga fanta-horror di Predator o gli androidi di Blade Runner, (il cult movie di Ridley Scott) che rifiutano la morte perchè si sentono diversi e migliori degli umani .
FixCrystal non respira l’aria e non calpesta la terra, non ha circolazione sanguigna, vive in un mondo parallelo al reale un mondo virtuale dove il suo essere diventa libero di poter sprigionare la propria energia, esprimere le proprie fantasie , senza quei limiti che purtroppo la realtà impone, prendendosi solo piaceri che appagano il suo ego .
I legami, le bende sugli occhi, le punte, gli artigli, le mascherine sulla bocca, per finire ai piccoli teschi appuntati su corsetti stringati ,che esaltano le sue forme generose rappresentano la costrizione dell’ anima. Una fioritura di passionalità, di inquietudine, di paure ed insicurezze, di sensualità e di pensiero. Una dimensione virtuale nella quale l’artista si guarda in un grande specchio sfaccettato e avvolgente che frantuma l’immagine del suo volto e glielo restituisce moltiplicato per mille in una metamorfosi visiva senza fine. Creatività e femminilità all’ennesima potenza, un invito al maschio a farsi avanti, ad osare andando oltre la ‘ corazza’ per arrivare al cuore di una donna ma anche una profonda riflessione sulla nostra ambivalenza nei confronti del corpo – un ‘cristallo’ fragile da riparare.
La mostra resterà aperta fino al 17 Novembre, orario di aperturara dalle 19:00.Stefania Ciccarella in arte “FIX” esporrà sabato 17 Ottobre alle 19:30 c/0 il locale Cellar Theory (Vico Acitillo 58 Napoli), uno dei suoi progetti pittorici FIXCRYSTAL.
FixCrystal è un Avatar ,è un cyborg piuttosto arrabbiato, seducente, ma pronto a difendersi da qualsiasi tipo di attacco esterno. Rievoca più o meno consapevolmente per la vivacità dei colori e le suggestioni visive la saga fanta-horror di Predator o gli androidi di Blade Runner, (il cult movie di Ridley Scott) che rifiutano la morte perchè si sentono diversi e migliori degli umani .
FixCrystal non respira l’aria e non calpesta la terra, non ha circolazione sanguigna, vive in un mondo parallelo al reale un mondo virtuale dove il suo essere diventa libero di poter sprigionare la propria energia, esprimere le proprie fantasie , senza quei limiti che purtroppo la realtà impone, prendendosi solo piaceri che appagano il suo ego .
I legami, le bende sugli occhi, le punte, gli artigli, le mascherine sulla bocca, per finire ai piccoli teschi appuntati su corsetti stringati ,che esaltano le sue forme generose rappresentano la costrizione dell’ anima. Una fioritura di passionalità, di inquietudine, di paure ed insicurezze, di sensualità e di pensiero. Una dimensione virtuale nella quale l’artista si guarda in un grande specchio sfaccettato e avvolgente che frantuma l’immagine del suo volto e glielo restituisce moltiplicato per mille in una metamorfosi visiva senza fine. Creatività e femminilità all’ennesima potenza, un invito al maschio a farsi avanti, ad osare andando oltre la ‘ corazza’ per arrivare al cuore di una donna ma anche una profonda riflessione sulla nostra ambivalenza nei confronti del corpo – un ‘cristallo’ fragile da riparare.
La mostra resterà aperta fino al 17 Novembre, orario di aperturara dalle 19:00.