Agropoli. Un unico ufficio postale ed è il caos. Lavori nella sede di via Croce, in funzione solo quella in via Torres

0

L’ufficio postale periferico di via Croce chiude per lavori e ad Agropoli è il caos. Sono ormai alcuni giorni che l’ufficio postale, sito nelle vicinanze della stazione ferroviaria, è oggetto di lavori di restyling e di adeguamento, da parte di Poste Italiane, e a servire l’intera popolazione agropolese, resta il solo ufficio di via Torres, nei pressi del centro cittadino. Ogni giorno quindi i cittadini, anziani compresi, alle prese con il pagamento delle utenze, il ritiro della pensione ed altre operazioni, sono costretti a fare file interminabili agli sportelli. In molti casi si attendono ore ed ore e si finisce per perdere mezza giornata solo per fare un’operazione. Alcuni addirittura passano per l’ufficio al mattino presto per prendere il numero di prenotazione per poi recarsi agli sportelli 2-3 ore dopo. Le file non mancano neppure all’unico postamat presente di fianco all’ingresso alle Poste, in quanto con i lavori all’ufficio di via Croce è stato dismessa anche la postazione per il postamat. Ci sono ulteriori bancomat sparsi sul territorio che fanno riferimento alle diverse banche, ma ai clienti che hanno un conto postale non conviene prelevare i contanti presso gli altri sportelli in quanto pagherebbero una somma per ogni operazione di prelievo effettuata. E quindi anche per prelevare dall’esterno dell’ufficio centrale gli utenti devono sopportare disagi e perdite di tempo. Una condizione che è destinata ad essere sopportata ancora a lungo se si considera che i lavori, che sono iniziati lo scorso 15 settembre, dovrebbero prolungarsi fino al prossimo 30 ottobre. A completare lo scenario in tema di disservizi postali si aggiunge anche la corrispondenza che in talune zone della città, quelle periferiche ma anche in qualche area più centrale, arriva a rilento. In qualche caso, infatti, le bollette per l’energia elettrica e per il telefono arrivano già scadute al destinatario. (La Città di Salerno)

L’ufficio postale periferico di via Croce chiude per lavori e ad Agropoli è il caos. Sono ormai alcuni giorni che l’ufficio postale, sito nelle vicinanze della stazione ferroviaria, è oggetto di lavori di restyling e di adeguamento, da parte di Poste Italiane, e a servire l’intera popolazione agropolese, resta il solo ufficio di via Torres, nei pressi del centro cittadino. Ogni giorno quindi i cittadini, anziani compresi, alle prese con il pagamento delle utenze, il ritiro della pensione ed altre operazioni, sono costretti a fare file interminabili agli sportelli. In molti casi si attendono ore ed ore e si finisce per perdere mezza giornata solo per fare un’operazione. Alcuni addirittura passano per l’ufficio al mattino presto per prendere il numero di prenotazione per poi recarsi agli sportelli 2-3 ore dopo. Le file non mancano neppure all’unico postamat presente di fianco all’ingresso alle Poste, in quanto con i lavori all’ufficio di via Croce è stato dismessa anche la postazione per il postamat. Ci sono ulteriori bancomat sparsi sul territorio che fanno riferimento alle diverse banche, ma ai clienti che hanno un conto postale non conviene prelevare i contanti presso gli altri sportelli in quanto pagherebbero una somma per ogni operazione di prelievo effettuata. E quindi anche per prelevare dall’esterno dell’ufficio centrale gli utenti devono sopportare disagi e perdite di tempo. Una condizione che è destinata ad essere sopportata ancora a lungo se si considera che i lavori, che sono iniziati lo scorso 15 settembre, dovrebbero prolungarsi fino al prossimo 30 ottobre. A completare lo scenario in tema di disservizi postali si aggiunge anche la corrispondenza che in talune zone della città, quelle periferiche ma anche in qualche area più centrale, arriva a rilento. In qualche caso, infatti, le bollette per l’energia elettrica e per il telefono arrivano già scadute al destinatario. (La Città di Salerno)

Lascia una risposta