ATRANI MERCOLEDI A SALERNO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE. UNA CROCE PER FRANCESCA. ALTRI VIDEO

0

Mentre una croce è stata messa in riva al mare per Francesca Mansi che a cinque giorni dalla tragedia di Atrani in costiera amalfitana non è stata ancora ritrovata Mercoledì 15 settembre, alle 12, presso la Sala Giunta di Palazzo Sant’Agostino, l’Assessore provinciale alla Protezione Civile, Antonio Fasolino, terrà una conferenza stampa sulla situazione di Atrani, in seguito all’esondazione del fiume Dragone. All’incontro con gli operatori dei media interverranno Nicola Carrano, Sindaco di Atrani, Antonio De Luca, Sindaco di Amalfi, Luigi Mansi, Sindaco di Scala e Paolo Imperato, Sindaco di Ravello. Saranno presenti, inoltre, i rappresentanti delle unità di Protezione Civile intervenute sul posto. Ancora polemiche vengono sollevate dal Comitato S.O.S. Dragone che aveva lanciato l’allarme già da sette anni sui rischi di esondazione del fiume Dragone, il fax della Sala Operativa Regionale Centro Situazione mandato alle 18,27 è arrivato al Comune di Atrani alle 18,59. Troppo tardi per poter avvisare la popolazione. Ma i sensori legati ad un pluviometro, come è stato già chiesto in passato,  forse avrebbero fatto attivare delle sirene e lanciato l’allarme tempestivamente. E la mancata pulizia dei rivi soggetti a discariche selvagge e abusive gridano vendetta. Già il 28 agosto 1984, è morta una persona ad Atrani,  il 14 settembre 1987 un’altra esondazione. Un comitato si costituisce nel 2003 e  il 15 settembre 2004 era stato fatto un protocollo d’intesa con i comuni di Atrani, Scala e Ravello che prevedeva dissuasori, controlli, pulizia dei rivi e prevenzione. Perchè non è stato applicato? Intanto la Procura ha apposto tramite i carabinieri i sigilli ad aree interessate a crolli in seguito all’alluvionne di giovedì

 

VIDEO SU ATRANI DI POSITANONEWS IN COLLABORAZIONE CON PENISOLA TV