Con quali fondi si lavorerà alla messa in sicurezza del territorio di Atrani?

0

Con quali fondi si lavorerà alla messa in sicurezza del territorio di Atrani? Ci sono tre ordini di finanziamenti. Intanto nel 2007 la Protezione civile ha investito 50 milioni dal fondo nazionale detto proprio «della Protezione civile». Soldi, questi, destinati ai reticoli minori, per la manutenzione del territorio. Ci sono poi i fondi statali per il piano straordinario della priorità degli interventi, che fanno capo al ministro all’Ambiente Stefania Prestigiacomo. Questi sono destinati a tutt’Italia. Con la mediazione della Regione Campania questi fondi, già prima dell’alluvione di Atrani, erano in parte destinati anche alla Costiera amalfitana. La Regione Campania ha poi messo a disposizione i fondi per la somma urgenza, già quantificati dall’assessore alla Protezione civile Edoardo Cosenza e già stanziati. «La Regione – ha dichiarato l’assessore Cosenza – in linea con quanto deciso dal presidente, Stefano Caldoro, finanzierà le opere necessarie, mentre il Comune di Atrani, che sta già coordinando il censimento di tutti i danni subiti dai locali pubblici e privati, seguirà le azioni intercomunali con le amministrazioni di Scala e Ravello come soggetto attuatore. Si interverrà con urgenza – ha detto ancora il professor Cosenza – per rimuovere dagli alvei tutti gli ostacoli costituiti da detriti e tronchi, per ripristinare il sistema fognario e la copertura dell’alveo per permettere piena transitabilità ai cittadini».