Salernitana a Pescara a caccia del riscatto.

0

Salernitana in piena emergenza a Pescara nella partita del riscatto dopo il ko casalingo con lo Spezia. Il bollettino medico racconta che non sta bene Lanzaro. Acciaccati Schiavi, Gabionetta e Donnarumma, non al meglio Eusepi, Coda e Troianiello.

Questa la situazione a poche ore dal match contro il Pescara allenato da Massimo Oddo figlio dell’allenatore granata Franco e con a disposizione (assenze a parte), un organico di valore: due trequartisti veloci come Caprari e Valoti e quel Lapadula, compagno di squadra di Donnarumma a Teramo, oggetto del desiderio di Fabiani in estate.

LA FORMAZIONE GRANATA. Sarà una Salernitana rivoluzionata con Moro che rientra in mezzo al campo ed un 4-3-3 che si trasforma in 4-5-1 con il rientro di Troianiello e Perrulli che in partenza dovrebbero giocare ai lati di Coda. Resterebbero fuori Gabionetta e Donnarumma. L’altra ipotesi tattica prevede il 4-2-3-1 con Moro e Pestrin centrali, Coda vertice alto ed alle sue spalle Gabionetta, Sciaudone e Troianiello. Da valutare anche le condizioni di Lanzaro. Se non dovesse farcela al suo posto giocherebbe Trevisan.

TORRENTE ALLA VIGILIA. «Mi aspetto una prova di personalità e di grande sacrificio, limitando le disattenzioni – esordisce il tecnico campano – solo così possiamo provare a far risultato contro una squadra che in casa sa scatenarsi. Dobbiamo ripartire da quanto di buono è stato fatto nelle partite precedenti, soprattutto in quella contro l’Avellino. Per fortuna torniamo subito in campo e già stasera, contro una squadra costruita per il vertice, vogliamo riscattarci dopo la sconfitta di sabato». Il tecnicosicongeda parlando proprio del Pescara. «È una squadra che gioca bene e che in casa si esalta. Ha una buona organizzazione ed elementi in mezzo al campo giovani e di qualità con tre attaccanti di spessore in avanti»

MASSIMO ODDO EMOZIONA NEL NOME DEL PADRE. Massimo Oddo, da Pescara, riserva un nobile e toccante pensiero alla Salernitana. Lo fa ricordando quando papà Franco nella maledetta stagione 1998-1999, sulla panchina granata, «non raggiunse una salvezza che con il senno di poi sarebbe stata clamorosa». Però è altro che quel che conta: «Il mio ricordo è per i quattro ragazzi morti sul treno di ritorno da Piacenza».

FABIANI A RADIO BUSSOLA. “Ci aspetta una partita impegnativa. La Salernitana non è invincibile, i cali sono normali, è la routine del campionato, il nostro obiettivo è fare quanto prima i punti necessari alla salvezza, quello che viene dopo ce lo prendiamo e ce lo godiamo con i tifosi”. A dirlo Fabiani ieri a RadioBussola 24. Sulle carenze di organico ed in particolare a centrocampo dice: «In organico abbiamo Odjer, che l’anno scorso ha collezionato circa dodici presenze in categoria, Milinkovic, un esterno giovane dal profilo importante, infine Empereur, arrivato dal Teramo. Inoltre mi sembra eccessivo dire che Bovo e Moro non riescono a reggere il passo per tutta la partita»
PESCARA – SALERNITANA (PROBABILI FORMAZIONI)

PESCARA (4-3-2-1): Fiorillo; Fiamozzi, Zuparic, Fornasier, Zampano; Memushaj, Torreira, Verre; Caprari, Valoti; Cocco.

In panchina: Aresti, Mignanelli, Buonza, Selasi, Mandragora, Benali, Cappelluzo, Sansovini, Lapadula.

Allenatore: Oddo.

SALERNITANA (4-3-3): Terracciano; Colombo, Lanzaro, Schiavi, Rossi; Moro, Pestrin, Sciaudone; Troianiello, Coda, Perrulli.

In panchina: Strakosha, Pollace, Trevisan, Empereur, Franco, Odjer, Bovo, Milinkovic, Gabionetta, Donnarumma, Eusepi.

Allenatore: Torrente

Arbitro: Nasca di Bari. Borzomì di Torino e Gori di Arezzo gli assistenti. Quarto uomo Abbattista di Molfetta.

L’ARBITRO. E’ stato il quarto uomo nel derby con l’Avellino oggi dirige Pescara e Salernitana per la quarta di andata di Serie B. Luigi Nasca di Bari ha un solo precedente coi granata: 0-0 all’Arechi col Padova nel 2009/2010. Ha diretto 182 partite tra serie A, serie B e Lega Pro, ha concesso 67 rigori e comminato 69 espulsioni.

IL LIVORNO A PUNTEGGIO PIENO. Nell’anticipo della quarta giornata la capolista vince 3-2 a Terni dopo essere stata sotto 2-0. Il Livorno passa anche al Liberati infilando la quarta vittoria consecutiva e costringendo la Ternana all’ultimo posto in classifica. Un successo fortemente voluto, arrivato in rimonta dopo che la Ternana era andata sul doppio vantaggio. Vantaggiato ancora in gol (il quarto) protagonista assoluto di un attacco che è parso incontenibile.

PROGRAMMA QUARTA GIORNATA. Questo il programma della quarta giornata di B (ore 20.30).

Avellino-Novara Martinelli di Roma,
Brescia-Pro Vercelli Illuzzi di Molfetta,
Cesena-Modena Pinzani di Empoli,
Como-Trapani (a Novara) Serra di Torino,
Crotone-Bari Maresca di Napoli,
Entella-Cagliari Candussio di Cervignano,
Lanciano-Vicenza Ros di Pordenone,
Latina-Ascoli Chiffi di Padova,
Pescara-Salernitana Nasca di Bari,
Spezia-Perugia Manganiello di Pinerolo.

Classifica: Livorno 12; Cagliari 7; Cesena 6; Trapani 5, Bari 5, Pro Vercelli 5, Vicenza 5, Spezia 4, Lanciano 4, Perugia 4, Salernitana 4, Crotone 4, Pescara 4, Latina 3, Avellino 3, Entella 3, Modena 3, Ascoli 3, Novara (-2) 2, Como 1, Brescia 1, Ternana 1.
fonte salernonotizie.it
articolo inserito dal salernitana club costiera amalfitanaSalernitana in piena emergenza a Pescara nella partita del riscatto dopo il ko casalingo con lo Spezia. Il bollettino medico racconta che non sta bene Lanzaro. Acciaccati Schiavi, Gabionetta e Donnarumma, non al meglio Eusepi, Coda e Troianiello.

Questa la situazione a poche ore dal match contro il Pescara allenato da Massimo Oddo figlio dell’allenatore granata Franco e con a disposizione (assenze a parte), un organico di valore: due trequartisti veloci come Caprari e Valoti e quel Lapadula, compagno di squadra di Donnarumma a Teramo, oggetto del desiderio di Fabiani in estate.

LA FORMAZIONE GRANATA. Sarà una Salernitana rivoluzionata con Moro che rientra in mezzo al campo ed un 4-3-3 che si trasforma in 4-5-1 con il rientro di Troianiello e Perrulli che in partenza dovrebbero giocare ai lati di Coda. Resterebbero fuori Gabionetta e Donnarumma. L’altra ipotesi tattica prevede il 4-2-3-1 con Moro e Pestrin centrali, Coda vertice alto ed alle sue spalle Gabionetta, Sciaudone e Troianiello. Da valutare anche le condizioni di Lanzaro. Se non dovesse farcela al suo posto giocherebbe Trevisan.

TORRENTE ALLA VIGILIA. «Mi aspetto una prova di personalità e di grande sacrificio, limitando le disattenzioni – esordisce il tecnico campano – solo così possiamo provare a far risultato contro una squadra che in casa sa scatenarsi. Dobbiamo ripartire da quanto di buono è stato fatto nelle partite precedenti, soprattutto in quella contro l’Avellino. Per fortuna torniamo subito in campo e già stasera, contro una squadra costruita per il vertice, vogliamo riscattarci dopo la sconfitta di sabato». Il tecnicosicongeda parlando proprio del Pescara. «È una squadra che gioca bene e che in casa si esalta. Ha una buona organizzazione ed elementi in mezzo al campo giovani e di qualità con tre attaccanti di spessore in avanti»

MASSIMO ODDO EMOZIONA NEL NOME DEL PADRE. Massimo Oddo, da Pescara, riserva un nobile e toccante pensiero alla Salernitana. Lo fa ricordando quando papà Franco nella maledetta stagione 1998-1999, sulla panchina granata, «non raggiunse una salvezza che con il senno di poi sarebbe stata clamorosa». Però è altro che quel che conta: «Il mio ricordo è per i quattro ragazzi morti sul treno di ritorno da Piacenza».

FABIANI A RADIO BUSSOLA. “Ci aspetta una partita impegnativa. La Salernitana non è invincibile, i cali sono normali, è la routine del campionato, il nostro obiettivo è fare quanto prima i punti necessari alla salvezza, quello che viene dopo ce lo prendiamo e ce lo godiamo con i tifosi”. A dirlo Fabiani ieri a RadioBussola 24. Sulle carenze di organico ed in particolare a centrocampo dice: «In organico abbiamo Odjer, che l’anno scorso ha collezionato circa dodici presenze in categoria, Milinkovic, un esterno giovane dal profilo importante, infine Empereur, arrivato dal Teramo. Inoltre mi sembra eccessivo dire che Bovo e Moro non riescono a reggere il passo per tutta la partita»
PESCARA – SALERNITANA (PROBABILI FORMAZIONI)

PESCARA (4-3-2-1): Fiorillo; Fiamozzi, Zuparic, Fornasier, Zampano; Memushaj, Torreira, Verre; Caprari, Valoti; Cocco.

In panchina: Aresti, Mignanelli, Buonza, Selasi, Mandragora, Benali, Cappelluzo, Sansovini, Lapadula.

Allenatore: Oddo.

SALERNITANA (4-3-3): Terracciano; Colombo, Lanzaro, Schiavi, Rossi; Moro, Pestrin, Sciaudone; Troianiello, Coda, Perrulli.

In panchina: Strakosha, Pollace, Trevisan, Empereur, Franco, Odjer, Bovo, Milinkovic, Gabionetta, Donnarumma, Eusepi.

Allenatore: Torrente

Arbitro: Nasca di Bari. Borzomì di Torino e Gori di Arezzo gli assistenti. Quarto uomo Abbattista di Molfetta.

L’ARBITRO. E’ stato il quarto uomo nel derby con l’Avellino oggi dirige Pescara e Salernitana per la quarta di andata di Serie B. Luigi Nasca di Bari ha un solo precedente coi granata: 0-0 all’Arechi col Padova nel 2009/2010. Ha diretto 182 partite tra serie A, serie B e Lega Pro, ha concesso 67 rigori e comminato 69 espulsioni.

IL LIVORNO A PUNTEGGIO PIENO. Nell’anticipo della quarta giornata la capolista vince 3-2 a Terni dopo essere stata sotto 2-0. Il Livorno passa anche al Liberati infilando la quarta vittoria consecutiva e costringendo la Ternana all’ultimo posto in classifica. Un successo fortemente voluto, arrivato in rimonta dopo che la Ternana era andata sul doppio vantaggio. Vantaggiato ancora in gol (il quarto) protagonista assoluto di un attacco che è parso incontenibile.

PROGRAMMA QUARTA GIORNATA. Questo il programma della quarta giornata di B (ore 20.30).

Avellino-Novara Martinelli di Roma,
Brescia-Pro Vercelli Illuzzi di Molfetta,
Cesena-Modena Pinzani di Empoli,
Como-Trapani (a Novara) Serra di Torino,
Crotone-Bari Maresca di Napoli,
Entella-Cagliari Candussio di Cervignano,
Lanciano-Vicenza Ros di Pordenone,
Latina-Ascoli Chiffi di Padova,
Pescara-Salernitana Nasca di Bari,
Spezia-Perugia Manganiello di Pinerolo.

Classifica: Livorno 12; Cagliari 7; Cesena 6; Trapani 5, Bari 5, Pro Vercelli 5, Vicenza 5, Spezia 4, Lanciano 4, Perugia 4, Salernitana 4, Crotone 4, Pescara 4, Latina 3, Avellino 3, Entella 3, Modena 3, Ascoli 3, Novara (-2) 2, Como 1, Brescia 1, Ternana 1.
fonte salernonotizie.it
articolo inserito dal salernitana club costiera amalfitana