Roma. La Tartarura. Ricordato Mino Delle Site.

0

Articolo di Maurizio Vitiello – Ricordato Mino Delle Site, a Roma.

Nato a Lecce nel 1914, quest’anno avrebbe compiuto 101 anni.
L’hanno ricordato Beatrice Buscaroli, Lorenzo Canova, Antonio Lucio Giannone e il Presidente Jas Gawronski che hanno celebrato il suo Centenario alla Quadriennale di Roma.
Bisogna vedere le opere di Mino Delle Site, perché si percepisce una linea di “Weltanschauung”, insomma, la sua visione del mondo: la Visione Futurista dell’Universo.
In un’intervista rilasciata ad I. Madia (Terzocchio n. 80 Bologna 1996) segnalava: “Volevamo ricostruire l’Universo partendo da ogni suo più piccolo frammento – (…) – I Futuristi devono toccare tutti i campi della visualizzazione, e questo tanto sul piano pienamente poetico, della pittura e della scultura, quanto su quello della vita quotidiana”
La sua è una visione integrale, che anima interventi artistici puntuali, quasi che il mondo si trasforma in pura bellezza e, nel contempo, in vera funzionalità futurista.
Diceva: “Sento un poco di me in ogni uomo che vola, in ogni satellite che naviga nello spazio, in ogni frontiera celeste conquistata.”

Maurizio Vitiello

Info:
Mino Delle Site – Dopo il centenario
Mostra antologica di Mino Delle Site – dipinti e sculture
Dal 23/09/2015 al 06/10/2015
Roma, Galleria della Tartaruga
Catalogo: a cura di Marco Pezzali
Presentazione in catalogo: Chiara Letizia Delle Site
Materiali storico-documentari: Archivio Mino Delle Site
Progetto grafico e ricerche iconografiche: M. Perla D’Ambrosio

 

Articolo di Maurizio Vitiello – Ricordato Mino Delle Site, a Roma.

Nato a Lecce nel 1914, quest’anno avrebbe compiuto 101 anni.
L’hanno ricordato Beatrice Buscaroli, Lorenzo Canova, Antonio Lucio Giannone e il Presidente Jas Gawronski che hanno celebrato il suo Centenario alla Quadriennale di Roma.
Bisogna vedere le opere di Mino Delle Site, perché si percepisce una linea di “Weltanschauung”, insomma, la sua visione del mondo: la Visione Futurista dell’Universo.
In un’intervista rilasciata ad I. Madia (Terzocchio n. 80 Bologna 1996) segnalava: “Volevamo ricostruire l’Universo partendo da ogni suo più piccolo frammento – (…) – I Futuristi devono toccare tutti i campi della visualizzazione, e questo tanto sul piano pienamente poetico, della pittura e della scultura, quanto su quello della vita quotidiana”
La sua è una visione integrale, che anima interventi artistici puntuali, quasi che il mondo si trasforma in pura bellezza e, nel contempo, in vera funzionalità futurista.
Diceva: “Sento un poco di me in ogni uomo che vola, in ogni satellite che naviga nello spazio, in ogni frontiera celeste conquistata.”

Maurizio Vitiello

Info:
Mino Delle Site – Dopo il centenario
Mostra antologica di Mino Delle Site – dipinti e sculture
Dal 23/09/2015 al 06/10/2015
Roma, Galleria della Tartaruga
Catalogo: a cura di Marco Pezzali
Presentazione in catalogo: Chiara Letizia Delle Site
Materiali storico-documentari: Archivio Mino Delle Site
Progetto grafico e ricerche iconografiche: M. Perla D’Ambrosio

 

Lascia una risposta