Lettera aperta di Don Nicola de Maria rettore della chiesa di San Biagio in Sant ‘ Agnello

0

Le aberrazioni giuridiche del Vescovo Francesco Alfano e del suo vicario Generale Don Mario Cafiero
l ‘ ultimissima del Vescovo Sorrento/Castellamare e la richiesta delle dimissioni del Parroco di Meta Don Gennaro Starita, eletto dal popolo come da Statuto di fondazione della chiesa di metà e la elezione senza concorso di popolo di Don Francesco Guadagnulo come economo parrocchiale.
Questa nomina secondo me e nulla perche’ da sempre l ‘ economo della parrocchia di metà e il Priore della congrega coma da Statuto Parrocchiale Quindi il signor Guadagnulo non potrebbe celebrare matrimoni perche’ privo di giurisdizioni sulla coppia che ‘ chiede di essere unita in matrimonio sacramento , come va ‘ ripetendo Papa Francesco e ‘ valido giuridicamente se ‘ la coppia è animata da fede autentica.
Approffitto per dire di altre gaffe (per le quali forse bisognerebbe scrivere un libro ) compiute dal Vescovo Alfano e dai suoi discepoli anche solo nei miei confronti alludo Alle ultimissime vicende riguardanti la chiesa di San Biagio in Sant’ Agnello .
Anche le pietre di Sant ” Agnello sanno che il sottoscritto nonostante avesse la nomina a Rettore Di San Biagio del Vescovo Felice Cece, mediante raggiri inventati dal Sindaco di Sant Agnello dietro suggerimenti del Vescovo Alfano si trovò Il modo Per Fare Intervenire Il maresciallo dei c.c. di Sorrento a ché il sottoscritto venisse preso con l autoumbulanza e portato nella casa di riposo di Sorrento dove tutto ‘ ora il rettore di SanBiagio riposa , sottoponendosi alla imposizione di versare dal primo settembre euro 1000 per il suo domicilio, Il sottoscritto ha ritenuto di versare euro 1100 per la degenza nella casa di riposo siccome i consiglieri di Don Franco , direttore della casa avevano detto che’ altri domiciliati versano 1000 e piu’ durante la degenza del soggiorno di Sant Antonio.
Il sottoscritto a sue spese ha dovuto sostenere alcuni interventi necessari sulla chiesa di San Biagio, nella sacrestia della chiesa di San Biagio e non nella chiesa , perché gli è stato proibito dal Sindaco di Sant ‘ Agnello, proibizione massima , cioè anche quella dei lavori solo ordinari mentre lo stesso precedentemente, senza informare il rettore di San Biagio e senza i permessi sindacali aveva intervenuto sulle strutture ma di fatto mettendo a ferro e a fuoco la chiesa di San Biagio , che quanto costituiva il suo arredamento .
Capite che ‘ cosa sta ‘ avvenendo nella chiesa di Sorrento/ Castellamare per merito del vescovo Francesco Alfano ?
Nella prossima puntata intendo parlare del mio soggiorno in Sant Antonio voluto dallo stesso.
Per ora desidero dire soltanto questo : che ‘ con il consenso pieno del direttore della casa di Sant ‘ Antonio il sottoscritto non può prevedere l ‘ Eucaristia della comunità ma vi può partecipare solo come comune battezzato . Queste vogliono anche le suore che’ non hanno mai chiesto interventi per pazienti della Casa di Sant ‘ Antonio anche quando qualcuno era agonizzante .
Mi fermo qui il rettore di San Biagio Nicola De Maria presbitero ridotto allo stato di fatto laicale dal Vescovo Francesco/Alfano
Sorrento 20/09/2015Le aberrazioni giuridiche del Vescovo Francesco Alfano e del suo vicario Generale Don Mario Cafiero
l ‘ ultimissima del Vescovo Sorrento/Castellamare e la richiesta delle dimissioni del Parroco di Meta Don Gennaro Starita, eletto dal popolo come da Statuto di fondazione della chiesa di metà e la elezione senza concorso di popolo di Don Francesco Guadagnulo come economo parrocchiale.
Questa nomina secondo me e nulla perche’ da sempre l ‘ economo della parrocchia di metà e il Priore della congrega coma da Statuto Parrocchiale Quindi il signor Guadagnulo non potrebbe celebrare matrimoni perche’ privo di giurisdizioni sulla coppia che ‘ chiede di essere unita in matrimonio sacramento , come va ‘ ripetendo Papa Francesco e ‘ valido giuridicamente se ‘ la coppia è animata da fede autentica.
Approffitto per dire di altre gaffe (per le quali forse bisognerebbe scrivere un libro ) compiute dal Vescovo Alfano e dai suoi discepoli anche solo nei miei confronti alludo Alle ultimissime vicende riguardanti la chiesa di San Biagio in Sant’ Agnello .
Anche le pietre di Sant ” Agnello sanno che il sottoscritto nonostante avesse la nomina a Rettore Di San Biagio del Vescovo Felice Cece, mediante raggiri inventati dal Sindaco di Sant Agnello dietro suggerimenti del Vescovo Alfano si trovò Il modo Per Fare Intervenire Il maresciallo dei c.c. di Sorrento a ché il sottoscritto venisse preso con l autoumbulanza e portato nella casa di riposo di Sorrento dove tutto ‘ ora il rettore di SanBiagio riposa , sottoponendosi alla imposizione di versare dal primo settembre euro 1000 per il suo domicilio, Il sottoscritto ha ritenuto di versare euro 1100 per la degenza nella casa di riposo siccome i consiglieri di Don Franco , direttore della casa avevano detto che’ altri domiciliati versano 1000 e piu’ durante la degenza del soggiorno di Sant Antonio.
Il sottoscritto a sue spese ha dovuto sostenere alcuni interventi necessari sulla chiesa di San Biagio, nella sacrestia della chiesa di San Biagio e non nella chiesa , perché gli è stato proibito dal Sindaco di Sant ‘ Agnello, proibizione massima , cioè anche quella dei lavori solo ordinari mentre lo stesso precedentemente, senza informare il rettore di San Biagio e senza i permessi sindacali aveva intervenuto sulle strutture ma di fatto mettendo a ferro e a fuoco la chiesa di San Biagio , che quanto costituiva il suo arredamento .
Capite che ‘ cosa sta ‘ avvenendo nella chiesa di Sorrento/ Castellamare per merito del vescovo Francesco Alfano ?
Nella prossima puntata intendo parlare del mio soggiorno in Sant Antonio voluto dallo stesso.
Per ora desidero dire soltanto questo : che ‘ con il consenso pieno del direttore della casa di Sant ‘ Antonio il sottoscritto non può prevedere l ‘ Eucaristia della comunità ma vi può partecipare solo come comune battezzato . Queste vogliono anche le suore che’ non hanno mai chiesto interventi per pazienti della Casa di Sant ‘ Antonio anche quando qualcuno era agonizzante .
Mi fermo qui il rettore di San Biagio Nicola De Maria presbitero ridotto allo stato di fatto laicale dal Vescovo Francesco/Alfano
Sorrento 20/09/2015