INCENDIO SUL VESUVIO

0

Un incendio si è sviluppato alle pendici del Vesuvio nel tardo pomeriggio di oggi, mercoledì 16 settembre. Il rogo ha interessato anche via San Fodero a Torre del Greco, la stessa zona già martoriata dal fuoco meno di un mese fa. Le fiamme, altissime e visibili a diversi chilometri di distanza, hanno divorando un’ampia zona di macchia mediterranea, distruggendo pini, lecci e acacia, nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio. Tre i focolai, che si sono sviluppati dallo Stradello Forestale, in località Tre Vie e Fosso Bianco San Fodero. Almeno dodici ettari di macchia mediterranea sono stati distrutti dalle fiamme. A rischio, oltre alla vegetazione, volpi, conigli selvatici, poiane, falchi, ricci e lepri che vivono nell’area protetta. Le operazioni di spegnimento sono iniziate immediatamente: sul posto, oltre ai Vigili del Fuoco e Guardia Forestale, i volontari della Protezione Civile Irt, della Sma Campania, dell’Amministrazione Provinciale e del Cor regionale. In azione diverse squadre di terra. I primi due focolai sono stati spenti, si lavora sul terzo fronte. Le operazioni di spegnimento riprenderanno all’alba di giovedì.

Un incendio si è sviluppato alle pendici del Vesuvio nel tardo pomeriggio di oggi, mercoledì 16 settembre. Il rogo ha interessato anche via San Fodero a Torre del Greco, la stessa zona già martoriata dal fuoco meno di un mese fa. Le fiamme, altissime e visibili a diversi chilometri di distanza, hanno divorando un'ampia zona di macchia mediterranea, distruggendo pini, lecci e acacia, nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio. Tre i focolai, che si sono sviluppati dallo Stradello Forestale, in località Tre Vie e Fosso Bianco San Fodero. Almeno dodici ettari di macchia mediterranea sono stati distrutti dalle fiamme. A rischio, oltre alla vegetazione, volpi, conigli selvatici, poiane, falchi, ricci e lepri che vivono nell'area protetta. Le operazioni di spegnimento sono iniziate immediatamente: sul posto, oltre ai Vigili del Fuoco e Guardia Forestale, i volontari della Protezione Civile Irt, della Sma Campania, dell'Amministrazione Provinciale e del Cor regionale. In azione diverse squadre di terra. I primi due focolai sono stati spenti, si lavora sul terzo fronte. Le operazioni di spegnimento riprenderanno all'alba di giovedì.