Voragine al centro di Atrani evacuate case. Francesca non si trova

0

Sono da poco passate le quattro del pomeriggio, si fa sera e di Francesca, la ragazza di 25 anni dispersa ieri sera durante il nubifragio che ha colpito Atrani, non vi è nessuna traccia. Rimangono invece i segni di un disastro senza precedenti per il piccolo paese della costiera amalfitana. Migliaia di metri cubi di materiale riverso lungo le strade, le famiglie a cercare di liberare gli ingressi delle proprie abitazioni. Tutti a spalare, abbiamo visto anche bambini di sette-otto anni che con la paletta cercavano di aiutare i genitori disperati e soli. Un dramma annunciato quello di Atrani, come più volte si è detto. Al centro di Atrani sulla strada si è aperta una voragine e in corrispondenza della voragine gli abitanti non potranno tornare, almeno per il momento, nelle proprie abitazioni. La gente è rassegnata ma non disperata, alcuni mormorano di abusi fatti al di sotto della strada, che avrebbero indebolito le fondamenta, di lavori di sistemazione precari, di mancanza di prevenzione o di interventi, della bonifica dell’alveo del fiume più volte invocata. Ma ora non è il tempo delle polemiche, bensì quello degli aiuti. Fra un paio d’ore tutti i comuni della costiera amalfitana – Positano, Ravello, Cetara, Vietri sul mare – si riuniranno ad Amalfi in un consiglio comunale congiunto. Per la prima volta la costiera amalfitana è unita senza divisioni di partito o di campanile. Unita in un momento di dolore che tutti sperano non sia più grande.

È terminato il sopralluogo tecnico ad Atrani da parte dell’assessore alla Protezione civile e ai Lavori Pubblici Edoardo Cosenza e del segretario generale dell’Autorità di Bacino Destra Sele Stefano Sorvino, alla presenza dei responsabili regionali e provinciali dei Vigili del fuoco e dei tecnici della Regione e delle amministrazioni coinvolte, già impegnati sul posto nelle ricerche della ragazza dispersa. «Al momento – ha detto l’assessore Cosenza – i danni maggiori si sono rilevati a valle del comune della costiera amalfitana: a causa delle forti piogge e della successiva colata di fango si è sollevata la soletta in cemento armato di copertura del canale. Al fine di ripristinare la piena mobilità del paese sono già al lavoro i tecnici del Genio civile della Regione Campania». Nel comune di Atrani sono state già ripristinate l’energia elettrica e la fornitura idrica. In ogni caso, in via precauzionale la Protezione civile della Regione Campania ha provveduto all’invio di autobotti. Al momento sono ancora in corso verifiche a monte, anche con l’ausilio di elicotteri, per capire se vi sia un rischio residuo, ossia se si possano verificare altre frane, e un’ispezione al servizio fognario. Al termine del sopralluogo si è tenuta anche una prima riunione con i sindaci di Atrani, Conca dei Marini, Minori e Scala dove si sono registrati danni lievi. La seduta di giunta regionale, in programma oggi, è stata rinviata alla luce del particolare momento di emergenza. Nel primo pomeriggio si terrà, invece, presso la Provincia di Salerno, una riunione a cui prenderà parte il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro. Saranno presenti il direttore generale del ministero dell’Ambiente Marco Lupo, l’assessore provinciale di Salerno alla Protezione civile Antonio Fasolino, i direttori regionale e provinciale di Salerno dei Vigili del Fuoco, Guido Parisi e Paolo Moccia. Alle 18, infine, l’assessore Cosenza, che si tiene in costante contatto con il vice capo Dipartimento della Protezione civile Bernardo De Berardinis e con il capo della Sala operativa nazionale Titti Postiglione, parteciperà ad Amalfi ad una riunione congiunta dei consigli comunali della zona, alla presenza di tutti i sindaci dei Comuni interessati.

 

 

La redazione di Positanonews è impegnata allo stremo 24 ore su 24. Chiediamo scusa per gli errori umani che eventualmente commettiamo. Cerchiamo di dare testimonianza con tutte le nostre forze da testata libera, indipendente e autonoma quale siamo.