Show a Capri, la Nazionale di pallanuoto gioca a mare con la Spagna davanti ai Faraglioni: in acqua 6 atleti napoletani

0

Capri. Magnifico colpo d’occhio, il campo di gara e sullo sfondo i Faraglioni. La pallanuoto è nata in mare (tra i pionieri vi furono i giocatori della Rari Nantes Napoli) e qui ritorna, almeno oggi. Alle ore 17 nelle acque di Capri, davanti allo stabilimento «La Canzone del mare», l’esibizione tra l’Italia, reduce dal quarto posto ai Mondiali, e la Spagna. L’ultima partita degli azzurri fuori vasca sempre in Campania, ad Amalfi, nel ’98 e anche in quella occasione gli avversari erano gli spagnoli. Certo, non ci sarà la tensione della finale olimpica del ’92, vinta dalla Super Italia di Rudic, tuttavia molto suggestivo è questo appuntamento inserito dal Coni in un progetto studiato con il governo per pubblicizzare la sana alimentazione sportiva nell’ambito di Expo. Il match tra gli azzurri guidati dal commissario tecnico Campagna e gli spagnoli sarà presentato stamane alle ore 13 presso il Comune di Capri, alla presenza del sindaco Giovanni De Martino. Successiva tappa la partita della nazionale femminile di volley con l’Azerbaijan a Firenze, in piazza Santa Croce, mercoledì 9. L’attività della Nazionale, dopo la delusione mondiale, riparte da questa esibizione di fine estate. Campagna è caricatissimo, lo ha scritto anche su Facebook: sta formando il gruppo che dovrà difendere ai Giochi di Rio de Janeiro l’argento conquistato tre anni fa a Londra. «Occorre ripartire con grinta e convinzione, voltare pagina e andare avanti senza dimenticare ciò che è stato: far tesoro delle proprie esperienze e imparare dai propri errori è, infatti, fondamentale per continuare a crescere – ha sottolineato il ct sul proprio profilo – Il Settebello è un bel gruppo e ha un grande potenziale: siamo una squadra che sta crescendo e come in ogni percorso di crescita è normale a volte cadere, l’importante è sapersi rialzare con maggiore consapevolezza e con la voglia di migliorarsi e diventare, insieme, più forti. Il viaggio verso Rio per noi inizia adesso». È stato reinserito nel team azzurro il capitano del Posillipo, Valentino Gallo, assente ai Mondiali. Ci saranno altri cinque giocatori di squadre napoletane: l’altro posillipino Vincenzo Renzuto Iodice; Stefano Luongo e Luca Marziali dell’Acquachiara Carpisa Yamamay; Fabio Baraldi e Gabriele Vassallo della Canottieri Napoli. Campani gli arbitri di Italia-Spagna: FilippoGomez di Napoli e Massimo Calabrò di Macerata Campania. (Il Mattino) 

Capri. Magnifico colpo d’occhio, il campo di gara e sullo sfondo i Faraglioni. La pallanuoto è nata in mare (tra i pionieri vi furono i giocatori della Rari Nantes Napoli) e qui ritorna, almeno oggi. Alle ore 17 nelle acque di Capri, davanti allo stabilimento «La Canzone del mare», l’esibizione tra l’Italia, reduce dal quarto posto ai Mondiali, e la Spagna. L’ultima partita degli azzurri fuori vasca sempre in Campania, ad Amalfi, nel ’98 e anche in quella occasione gli avversari erano gli spagnoli. Certo, non ci sarà la tensione della finale olimpica del ’92, vinta dalla Super Italia di Rudic, tuttavia molto suggestivo è questo appuntamento inserito dal Coni in un progetto studiato con il governo per pubblicizzare la sana alimentazione sportiva nell’ambito di Expo. Il match tra gli azzurri guidati dal commissario tecnico Campagna e gli spagnoli sarà presentato stamane alle ore 13 presso il Comune di Capri, alla presenza del sindaco Giovanni De Martino. Successiva tappa la partita della nazionale femminile di volley con l’Azerbaijan a Firenze, in piazza Santa Croce, mercoledì 9. L’attività della Nazionale, dopo la delusione mondiale, riparte da questa esibizione di fine estate. Campagna è caricatissimo, lo ha scritto anche su Facebook: sta formando il gruppo che dovrà difendere ai Giochi di Rio de Janeiro l’argento conquistato tre anni fa a Londra. «Occorre ripartire con grinta e convinzione, voltare pagina e andare avanti senza dimenticare ciò che è stato: far tesoro delle proprie esperienze e imparare dai propri errori è, infatti, fondamentale per continuare a crescere – ha sottolineato il ct sul proprio profilo – Il Settebello è un bel gruppo e ha un grande potenziale: siamo una squadra che sta crescendo e come in ogni percorso di crescita è normale a volte cadere, l'importante è sapersi rialzare con maggiore consapevolezza e con la voglia di migliorarsi e diventare, insieme, più forti. Il viaggio verso Rio per noi inizia adesso». È stato reinserito nel team azzurro il capitano del Posillipo, Valentino Gallo, assente ai Mondiali. Ci saranno altri cinque giocatori di squadre napoletane: l’altro posillipino Vincenzo Renzuto Iodice; Stefano Luongo e Luca Marziali dell’Acquachiara Carpisa Yamamay; Fabio Baraldi e Gabriele Vassallo della Canottieri Napoli. Campani gli arbitri di Italia-Spagna: FilippoGomez di Napoli e Massimo Calabrò di Macerata Campania. (Il Mattino)