MASSA LUBRENSE PREMIATO COME COMUNE VIRTUOSO

0

Altro che “equivoco”… il WWF, a seguito di numerose proteste apparse anche su facebook, era già stato allertato del perdurare da lunghi mesi di una “situazione provvisoria” e non del tutto a norma del sito di stoccaggio di rifiuti ingombranti gestito da Terra delle Sirene s.p.a. nel comune di Massa Lubrense. Da un sopralluogo effettuato a metà agosto dai nostri volontari era apparso palese lo stato di degrado del sito per il conferimento dei rifiuti, ubicato sotto il campo sportivo nella frazione di Schiazzano. Il sito, infatti, si presentava facilmente accessibile al pubblico, senza alcun controllo, esteso su di un’area sterrata, a margine di una scarpata inerbita, dove i percolati provenienti dal deposito di olii, frazione organica e rifiuti ingombranti, riversandosi sul piazzale finivano nel terreno sottostante. Inoltre i container apparivano con i portelloni aperti (a causa dei continui prelievi di oggetti e parti dal loro interno) con decine di elettrodomestici che si riversavano all’esterno. Tutt’intorno, assieme a copertoni e rifiuti vari, un fastidioso puzzo accompagnava il visitatore. Ritornati sul posto il 3 settembre abbiamo invece appurato come grossa parte dei container e dei rifiuti fosse stata asportata dal sito e l’accesso impedito da una catena e da un cartello con su scritto: PER PROBLEMI TECNICI È ASSOLUTAMENTE INTERDETTO L’ACCESSO DELL’AREA E IL CONFERIMENTO DEI BENI INGOMBRANTI!!! Riteniamo che i “motivi tecnici” siano da ricondurre, probabilmente, al timore di ricevere una qualche denuncia a seguito delle molteplici lamentele degli abitanti nei pressi del sito che, più volte, avevano segnalato una situazione di degrado e di scarsa igiene non più tollerabile. Consideriamo importante il trasferimento del sito di stoccaggio in altra area (ci auguriamo stavolta a norma!!!) e prendiamo atto di come, dietro anche a risultati lusinghieri che hanno portato Massa Lubrense a meritare l’ambito premio tra i comuni ricicloni, non sempre c’è una reale attenzione al rispetto delle modalità e precauzioni nel recupero e stoccaggio dei rifiuti come invece imposto dalle normative vigenti!!! Ci auguriamo ora che si proceda, nell’area ormai dimessa, alla bonifica del terreno e del sito.

Meta 09.09.10