LICENZIATI OCCUPANO IL CANTIERE

0
3

Nel cantiere della Casa del Pellegrino a pochi metri dal Santuario dei Santi Cosma e Damiano si sono registrati attimi di tensione per via della reazione di due operai del posto che sono stati licenziati a loro dire in “modo del tutto arbitrario, e senza una giusta motivazione”. Stando alla loro versione di fatti e ai contratti esibiti la società che gestisce parte dei lavori, avrebbe fatto un pasticcio. Ovvero il primo rapporto di lavoro in prova tra i due carpentieri e la società ha avuto inizio il 30 luglio scorso giorno in cui gli operai firmarono un contratto di lavoro a tempo indeterminato, fatto importante per una realtà come quella locale dove la crisi economica fa sentire i suoi morsi, specie per chi da tempo è in cerca di una sistemazione stabile sennonché gli stessi, dopo qualche settimana, furono riconvocati per firmare un altrocontratto, questa volta a tempo determinato e nel giro di qualche giorno la triste notizia ovvero il telegramma che li avverte del licenziamento, la motivazione si basa su di un “ mancato superamento del periodo di prova”. Dopo ore di protesta i due ritirandosi hanno lasciato il cantiere.Nel cantiere della Casa del Pellegrino a pochi metri dal Santuario dei Santi Cosma e Damiano si sono registrati attimi di tensione per via della reazione di due operai del posto che sono stati licenziati a loro dire in “modo del tutto arbitrario, e senza una giusta motivazione”. Stando alla loro versione di fatti e ai contratti esibiti la società che gestisce parte dei lavori, avrebbe fatto un pasticcio. Ovvero il primo rapporto di lavoro in prova tra i due carpentieri e la società ha avuto inizio il 30 luglio scorso giorno in cui gli operai firmarono un contratto di lavoro a tempo indeterminato, fatto importante per una realtà come quella locale dove la crisi economica fa sentire i suoi morsi, specie per chi da tempo è in cerca di una sistemazione stabile sennonché gli stessi, dopo qualche settimana, furono riconvocati per firmare un altrocontratto, questa volta a tempo determinato e nel giro di qualche giorno la triste notizia ovvero il telegramma che li avverte del licenziamento, la motivazione si basa su di un “ mancato superamento del periodo di prova”. Dopo ore di protesta i due ritirandosi hanno lasciato il cantiere.

Lascia una risposta