Birra: durante la fermentazione gli streptomiceti producono la tetraciclina

0

Il primo antibiotico della storia risale a 2000 anni orsono ed era ricavato dalla birra.

A fare l’interessante scoperta è stato l’antropologo George Armelagos della Emory University che ha analizzato campioni di ossa appartenenti alla popolazione dei nubiani – gruppo etnico che viveva nell’attuale Sudan – scoprendo tracce di tetraciclina, un comune antibiotico.

Armelagos insospettito dalla scoperta ha commissionato, all’antropologo Mark Nelson, delle analisi approfondite sui campioni; risultato? La tetraciclina non era una contaminazione casuale.

La concentrazione della sostanza nel tessuto osseo dei nubiani, infatti, sarebbe troppo elevata per essere frutto di una pura casualità: è, anzi, la chiara dimostrazione che questo antibiotico era ingerito nel corso degli anni.

Questo antibiotico ha effetti positivi contro i batteri gram positivi e gram negativi anaerobi e contro microrganismi quali rickettsie, clamidie, micoplasmi, brucelle e diarree causate da Escherichia coli e questo spiega come mai lo stesso Nelson ha rilevato tracce della sostanza all’interno dei campioni ossei di un bambino di quattro anni.

Francesco Toto    f.toto@email.it