TOSCANA Si aggrappa al treno e muore. “Sembrava volesse giocare”

0

INSERITO DA MICHELE PAPPACODA E’ stato aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti per la morte del trentenne, padre di due figli, travolto martedì da un treno in partenza dal binario 2 di Santa Maria Novella. L’indagine è condotta dal sostituto procuratore Massimo Bonfiglio che ha emesso questa sorta di atto dovuto per permettere a eventuali consulenti della famiglia della vittima di assistere all’autopsia, in programma oggi all’Istituto di medicina legale di Careggi. Sul fatto in sé, tuttavia, sembrano esserci pochi dubbi anche perché gli inquirenti hanno potuto ricostruire l’accaduto dalle immagini registrate da una telecamera di sicurezza della stazione. Secondo una ricostruzione, quando il convoglio si è mosso l’uomo – per salutare un amico a bordo col quale era arrivato in stazione e che tornava a casa a Campiglia Marittima – si è aggrappato a un finestrino.

Un viaggiatore, ascoltato dalla polizia ferroviaria, avrebbe testimoniato che sembrava volesse giocare. Cosa plausibile dato che i due uomini, nel video, apparivano particolarmente su di giri. COSÌ, anziché staccarsi subito, il trentenne sarebbe stato visto lanciarsi verso il marciapiede quando il treno aveva già fatto cinquanta metri. La vittima è finita sotto le rotaie ed è morto praticamente sul colpo. Il convoglio ha straziato il corpo al punto che, hanno raccontato i soccorritori, nel portafoglio è stata ritrovata una banconota da 20 euro tranciata di netto dalle ruote del treno. Martedì sera la polfer ha trattenuto negli uffici l’amico che alla notizia della morte del compagno è andato in stato di choc. La vittima era nato a Bagno a Ripoli ma abitava a Scandicci.

FONTE di Gigi Paoli LA NAZIONE

06/08/2015 10:19INSERITO DA MICHELE PAPPACODA E’ stato aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti per la morte del trentenne, padre di due figli, travolto martedì da un treno in partenza dal binario 2 di Santa Maria Novella. L’indagine è condotta dal sostituto procuratore Massimo Bonfiglio che ha emesso questa sorta di atto dovuto per permettere a eventuali consulenti della famiglia della vittima di assistere all’autopsia, in programma oggi all’Istituto di medicina legale di Careggi. Sul fatto in sé, tuttavia, sembrano esserci pochi dubbi anche perché gli inquirenti hanno potuto ricostruire l’accaduto dalle immagini registrate da una telecamera di sicurezza della stazione. Secondo una ricostruzione, quando il convoglio si è mosso l’uomo – per salutare un amico a bordo col quale era arrivato in stazione e che tornava a casa a Campiglia Marittima – si è aggrappato a un finestrino.

Un viaggiatore, ascoltato dalla polizia ferroviaria, avrebbe testimoniato che sembrava volesse giocare. Cosa plausibile dato che i due uomini, nel video, apparivano particolarmente su di giri. COSÌ, anziché staccarsi subito, il trentenne sarebbe stato visto lanciarsi verso il marciapiede quando il treno aveva già fatto cinquanta metri. La vittima è finita sotto le rotaie ed è morto praticamente sul colpo. Il convoglio ha straziato il corpo al punto che, hanno raccontato i soccorritori, nel portafoglio è stata ritrovata una banconota da 20 euro tranciata di netto dalle ruote del treno. Martedì sera la polfer ha trattenuto negli uffici l’amico che alla notizia della morte del compagno è andato in stato di choc. La vittima era nato a Bagno a Ripoli ma abitava a Scandicci.

FONTE di Gigi Paoli LA NAZIONE

06/08/2015 10:19