Stop Atletico e Chelsea, Callejon resta a Napoli. Oggi visite mediche per Hysaj

0

L’asso azzurro è pigliatutto. Oggi Hysaj sarà nella sua nuova città per le visite mediche, poi sarà dichiarato ufficialmente un giocatore del Napoli. Ieri l’accordo tra club e giocatore, che ora pescherà un quinquennale a meno di un milione a stagione, con la possibile aggiunta dei bonus. I piccoli intoppi sui diritti di immagine sono caduti nel primo pomeriggio: il manager dell’albanese ha pagato la penale con la ditta di abbigliamento che sponsorizzava il giocatore e subito dopo il terzino ha lasciato il ritiro dell’Empoli, salutando i compagni. Tutto come previsto. Il 21enne raggiunge Sarri, di fatto l’unico allenatore della sua carriera. Ovvia la soddisfazione del tecnico del Napoli che dopo Valdifiori riabbraccia in azzurro un altro dei suoi pupilli. Resta in bilico Saponara: ovvio, la questione resta sempre in piedi ma il club azzurro non intende affondare la trattativa finché non conoscerà il destino di Callejon. A tal proposito, riappare il suo procuratore, Quilon, che in una intervista ad un portale spagnolo ha spiegato «che al momento non ci sono offerte per José né del Chelsea né dell’Atletico». Che è poi quello che fa sapere anche il Napoli. Di fatto solo in caso di partenza di Callejon gli azzurri potrebbe provare a ingaggiare Saponara. Nel frattempo nel pomeriggio di ieri il Napoli ha ufficializzato l’ingaggio di Vlad Chiriches, il centrale capitano della Romania preso dal Tottenham per circa 6 milioni di euro. L’accordo era stato già formalizzato a Dimaro,dopo che l’ad Chiavelli aveva risolto la puntuale bega legata ai soliti diritti di immagine (in questo caso, una ditta di abbigliamento americana). Anche qui, faccenda di poco conto che non ha mai messo in discussione il buon esito della trattativa. “Chiri” ieri si è allenato a Castelvolturno con Higuain. Ma il Napoli ha fretta e in serata si è rivisto ancora una volta con il Sassuolo. Giuseppe Riso ha detto chiaro a Giovanni Carnevali, direttore generale del Sassuolo, che Vrsaljko, il suo assistito, vuole andare al Napoli e non accetta altre destinazioni. Ma il club emiliano tiene duro e chiede in cambio almeno 14 milioni di euro. Anche se già si sussurra di un piccolo cedimento a quota 9, in cambio dell’inserimento nell’affare di El Kaddouri. Tuttavia la distanza tra domanda e offerta è considerevole. Del resto il Napoli si fa forte della volontà del terzino croato di vestire la maglia azzurra. Al vertice concluso a tarda ora, che non ha ancora prodotto la fumata bianca ma che le parti hanno giudicato assai positivo, il Napoli è tornato a sondare la disponibilità del Sassuolo a cedere Acerbi: anche perché tra le richieste di Sarri c’è quella di un centrale piede sinistro. Vedremo. Ma le due trattative, in ogni caso, non sono legate l’una all’altra. Dunque, in tal caso, chiaro che saranno almeno tre a cambiare aria: Zuniga, Ghoulam ed Henrique. Il colombiano, atteso domenica, è quello più difficile da piazzare a causa dell’ingaggio fuori portata per i club italiani. Calleri, il suo procuratore, è al lavoro. Nessun passo avanti per l’addio di De Guzman, che potrebbe tornare in Premier, destinazione West Ham. Ma è solo un sondaggio. Inler, che ha il contratto in scadenza, vuole la Fiorentina: in tal caso, il problema principale è il mancato accordo tra i viola e lo svizzero. Altra questione delicata è l’esubero di portieri: sono tre in rosa e il quarto sta arrivando in Italia. Rafael e Andujar sanno bene quali sono le gerarchie e i loro manager sono al lavoro per trovare una sistemazione. Andujar tornerà in Argentina, Rafael potrebbe trovare una sistemazione in Francia. (Pino Taormina – Il Mattino) 

L’asso azzurro è pigliatutto. Oggi Hysaj sarà nella sua nuova città per le visite mediche, poi sarà dichiarato ufficialmente un giocatore del Napoli. Ieri l’accordo tra club e giocatore, che ora pescherà un quinquennale a meno di un milione a stagione, con la possibile aggiunta dei bonus. I piccoli intoppi sui diritti di immagine sono caduti nel primo pomeriggio: il manager dell’albanese ha pagato la penale con la ditta di abbigliamento che sponsorizzava il giocatore e subito dopo il terzino ha lasciato il ritiro dell’Empoli, salutando i compagni. Tutto come previsto. Il 21enne raggiunge Sarri, di fatto l’unico allenatore della sua carriera. Ovvia la soddisfazione del tecnico del Napoli che dopo Valdifiori riabbraccia in azzurro un altro dei suoi pupilli. Resta in bilico Saponara: ovvio, la questione resta sempre in piedi ma il club azzurro non intende affondare la trattativa finché non conoscerà il destino di Callejon. A tal proposito, riappare il suo procuratore, Quilon, che in una intervista ad un portale spagnolo ha spiegato «che al momento non ci sono offerte per José né del Chelsea né dell’Atletico». Che è poi quello che fa sapere anche il Napoli. Di fatto solo in caso di partenza di Callejon gli azzurri potrebbe provare a ingaggiare Saponara. Nel frattempo nel pomeriggio di ieri il Napoli ha ufficializzato l’ingaggio di Vlad Chiriches, il centrale capitano della Romania preso dal Tottenham per circa 6 milioni di euro. L’accordo era stato già formalizzato a Dimaro,dopo che l’ad Chiavelli aveva risolto la puntuale bega legata ai soliti diritti di immagine (in questo caso, una ditta di abbigliamento americana). Anche qui, faccenda di poco conto che non ha mai messo in discussione il buon esito della trattativa. “Chiri” ieri si è allenato a Castelvolturno con Higuain. Ma il Napoli ha fretta e in serata si è rivisto ancora una volta con il Sassuolo. Giuseppe Riso ha detto chiaro a Giovanni Carnevali, direttore generale del Sassuolo, che Vrsaljko, il suo assistito, vuole andare al Napoli e non accetta altre destinazioni. Ma il club emiliano tiene duro e chiede in cambio almeno 14 milioni di euro. Anche se già si sussurra di un piccolo cedimento a quota 9, in cambio dell’inserimento nell’affare di El Kaddouri. Tuttavia la distanza tra domanda e offerta è considerevole. Del resto il Napoli si fa forte della volontà del terzino croato di vestire la maglia azzurra. Al vertice concluso a tarda ora, che non ha ancora prodotto la fumata bianca ma che le parti hanno giudicato assai positivo, il Napoli è tornato a sondare la disponibilità del Sassuolo a cedere Acerbi: anche perché tra le richieste di Sarri c’è quella di un centrale piede sinistro. Vedremo. Ma le due trattative, in ogni caso, non sono legate l’una all’altra. Dunque, in tal caso, chiaro che saranno almeno tre a cambiare aria: Zuniga, Ghoulam ed Henrique. Il colombiano, atteso domenica, è quello più difficile da piazzare a causa dell’ingaggio fuori portata per i club italiani. Calleri, il suo procuratore, è al lavoro. Nessun passo avanti per l’addio di De Guzman, che potrebbe tornare in Premier, destinazione West Ham. Ma è solo un sondaggio. Inler, che ha il contratto in scadenza, vuole la Fiorentina: in tal caso, il problema principale è il mancato accordo tra i viola e lo svizzero. Altra questione delicata è l’esubero di portieri: sono tre in rosa e il quarto sta arrivando in Italia. Rafael e Andujar sanno bene quali sono le gerarchie e i loro manager sono al lavoro per trovare una sistemazione. Andujar tornerà in Argentina, Rafael potrebbe trovare una sistemazione in Francia. (Pino Taormina – Il Mattino) 

Lascia una risposta