Pericoli pubblici lungo il mare della Penisola Sorrentina #redazione Avv. Luigi Esposito

0

Si ci accorgeva solo con con il naufragio della Concordia del pericolo di tali passaggi sotto costa , e le espressioni di De Falco fecero il giro del mondo , ma perlomeno da quel luttuoso – e prevedibilissimo – evento la guardia costiera almeno ha preso dei provvedimenti , e così anche per quanto riguarda i passaggi sotto Sorrento da parte delle navi da crociera (nel 2005 pare che ci fu un sinistro grave mai palesato) .
Eventi luttuosi di gravi sinistri marittimi nel tratto di mare lungo la penisola sorrentina fra imbarcazioni da diporto , tuttavia non hanno provocato lo stesso effetto (perchè non abbastanza in risalto a livello della tivù nazionale ?? ).
Fatevi un giro ( a vostro rischio e pericolo ..) il sabato o la domenica lungo il tratto di mare dalla campanella a Sorrento , o a Capri o a Nerano o fra Pozzuoli e Ischia, e avrete modo di vedere come i motoscafi a 30 nodi indisturbati e a poche centinaia di metri dalla costa o a ridosso di imbarcazioni piccole mettono a repentaglio la vita degli altri .
Dispiace dirlo: ma la guardia costiera dov’è ? Pare che abbia problemi addirittura di bunker , e allora che si sottraggano spese inutili ad altri enti inutili , dannosi e costosi , e si impieghino per cose serie.
Spero che quest’ennesimo appello produca qualche effetto! (?)Si ci accorgeva solo con con il naufragio della Concordia del pericolo di tali passaggi sotto costa , e le espressioni di De Falco fecero il giro del mondo , ma perlomeno da quel luttuoso – e prevedibilissimo – evento la guardia costiera almeno ha preso dei provvedimenti , e così anche per quanto riguarda i passaggi sotto Sorrento da parte delle navi da crociera (nel 2005 pare che ci fu un sinistro grave mai palesato) .
Eventi luttuosi di gravi sinistri marittimi nel tratto di mare lungo la penisola sorrentina fra imbarcazioni da diporto , tuttavia non hanno provocato lo stesso effetto (perchè non abbastanza in risalto a livello della tivù nazionale ?? ).
Fatevi un giro ( a vostro rischio e pericolo ..) il sabato o la domenica lungo il tratto di mare dalla campanella a Sorrento , o a Capri o a Nerano o fra Pozzuoli e Ischia, e avrete modo di vedere come i motoscafi a 30 nodi indisturbati e a poche centinaia di metri dalla costa o a ridosso di imbarcazioni piccole mettono a repentaglio la vita degli altri .
Dispiace dirlo: ma la guardia costiera dov’è ? Pare che abbia problemi addirittura di bunker , e allora che si sottraggano spese inutili ad altri enti inutili , dannosi e costosi , e si impieghino per cose serie.
Spero che quest’ennesimo appello produca qualche effetto! (?)