Positano Teatro Festival al via il Festival a più alto Tasso Panoramico del mondo. Programma

0

Presentato questa mattina al Teatro San Carluccio a  Napoli il Positano Teatro Festival – Premio Annibale Ruccello 30 luglio – 12 agosto 2015

7 PALCOSCENICI PER IL FESTIVAL AD ALTO TASSO PANORAMICO

Piazzale della Chiesa Madre – Teatro Giardino di Via Pasitea – Piazzetta della Chiesa Nuova – Piazzetta di Montepertuso –   Belvedere di Nocelle – Borgo di Liparlati –  Garitta

Il Positano Teatro Festival Premio Annibale Ruccello, la rassegna diretta da Gerardo D’Andrea che “offre uno sguardo sulla drammaturgia contemporanea, italiana e straniera” quest’anno celebra la sua dodicesima edizione con i suoi 14 giorni di rappresentazioni per 16 occasioni di teatro.

“Il Positano Teatro Festival Premio Annibale Ruccello – dichiara il Sindaco di Positano, Michele De Lucia, appena eletto, nelle recenti elezioni amministrative, per il secondo mandato – rappresenta per m e la mia giunta un fiore all’occhiello che ci consente, nelle due settimane di programmazione, di confermare un appuntamento che è oramai un punto fermo culturale e di svago per la popolazione ed i turisti. Attraverso il festival, ancora una volta, offriamo, inoltre, la possibilità anche di esplorare o riscoprire quegli scorci che i grandi flussi turistici spesso trascurano ingiustamente”.

IL PROGRAMMA

Giovedì 30 luglio alle 20,00, Anteprima del Festival: si comincia alle 18,00 con l’oramai tradizionale parata per le vie del centro del Carrello dei comici, uno dei carrelli messo a disposizione dalla società dei porter di Positano porterà in giro l’attore e cantante Mario Zinno che dedicherà al festival a Positano la poesia scritta appositamente da Enzo Moscato “ZEZERIA ‘E PULECENELLA”, e le note di canzoni tipiche della tradizione napoletana accompagnato dai musicisti e dalle danzatrici del gruppo folcloristico Positano Senza Tiempo diretto da Luigi Staiano e Giulia Talamo.

La serata sarà poi tutta dedicata al pubblico dei bambini sul palcoscenico della Garitta, uno dei luoghi più suggestivi del territorio positanese, che, inaugurato lo scorso anno, conferma la presenza delle guarrattelle che, animate dalla giovane artista Irene Vecchia, che rappresenta la continuazione dell’arte dei maestri guarattellari  Salvatore Gatto, Maria Imperatrice e Bruno Leone.

Venerdì 31 luglio, alle 21,00, l’inaugurazione del Festival avverrà, per la prima volta, sul sagrato della Chiesa Nuova con una festa per il teatro che vedrà protagonista il re della comicità Gino Rivieccio con il suo spettacolo “IO E NAPOLI”, con la partecipazione della cantante Fiorenza Calogero.

 “Quello che maggiormente ci piace sottolineare è l’entusiastica partecipazione di grandi protagonisti della scena italiana – dichiara il direttore artistico, Gerardo D’Andrea – ed ancora una volta cerchiamo di dare ampio spazio alla drammaturgia contemporanea, di cui, negli anni ottanta era fulgido esponente il mai abbastanza ricordato Annibale Ruccello, alla cui memoria è dedicato il festival ed il premio, il cui vincitore sarà reso noto nel corso della manifestazione. Siamo orgogliosi di essere giunti alla XII edizione. Non è azzardato affermare che il Positano Teatro Festival – Premio Annibale Ruccello si possa considerare uno degli appuntamenti culturali più prestigiosi della regione Campania”.

La prima settimana di programmazione, come lo scorso anno, si snoda lungo i suggestivi borghi che coronano il centro del paese: in scena spettacoli di prosa comici o musicali, che allieteranno il pubblico di ben cinque località.

Sabato 1 agosto, ore 21, a Nocelle, Massimo Masiello sarà protagonista ed anche regista dello spettacolo“GLI AMICI SE NE VANNO – LE NOTE INEGUALI DI UMBERTO BINDI” di G. Cesario ed Antonio Mocciola,  che racconta la storia per troppi anni ignorata dell’artista e dell’uomo Bindi,  del  quale Masiello è straordinario interprete come attore e come cantante del prestigioso repertorio del cantautore con gli arrangiamenti musicali originali dei  Letti Sfatti.

Risate nel solco della tradizione del teatro di Petito, Domenica 2 agosto a Montepertuso, con “LE STATUE MOVIBILI” che il regista Lello Serao reinterpreta con una compagnia di giovani attori e la partecipazione straordinaria di una beniamina del pubblico quale l’attrice Nunzia Schiano ed il veterano Niko Mucci.

Lunedì 3 agosto il Teatro Giardino di via Pasitea (sede storica del festival) per una sera ospiterà il ritorno di Antonella Morea, quest’anno interprete di “IO LA CANTO COSI’” omaggio teatrale e musicale a Gabriella Ferri di cui è autore e regista Fabio Cocifoglia.

Martedì 4 agosto si conclude il giro delle contrade con il suggestivo borgo di Liparlati, dove arriva per la prima volta al Positano Teatro Festival l’ironia e la comicità di Rosalia Porcaro, che nello spettacolo “DONNE” ci farà incontrare le irresistibili figure dei personaggi che ha reso celebri, quali l’operaia Veronica, la musulmana Assundan, la cantante neomelodica Natasha, e tanti altri, tra cui un sentito omaggio all’opera di Ruccello.

Da Mercoledì 5 agosto, la programmazione del festival ricomincia definitivamente al Teatro Giardino di via Pasitea, tutte le sere alle 21, ed è segnata,  dopo l’entusiastico debutto della scorsa edizione, dal ritorno di un grande protagonista del teatro italiano quale Paolo Graziosi, che sarà in scena con Elisabetta Arosi e Valeria Patera (anche regista) di “MAL MEDITERRANEO” testo di Ugo Ronfani adattato dallo stesso Graziosi. Gli attori saranno accompagnati in scena dalle musiche originali eseguite dal vivo da Mario Crispi.

Giovedì 6 agosto, la serata si aprirà con la consegna del Premio Annibale Ruccello, che quest’anno sarà consegnato ad una star del teatro del cinema e della televisione: l’attrice Giuliana De Sio, che proprio in questi mesi è in scena con uno dei testi più intensi del drammaturgo stabiese: “Notturno di donna con ospiti”.

La serata continuerà con la rappresentazione di un originale parallelismo fra le figure dell’ultimo re di Napoli ed il principe di Danimarca raccontato da Shakespeare è al centro di “FRANCISCHIELLO – UN AMLETO RE DI NAPOLI” scritto diretto ed interpretato da Carmine Borrino con le musiche di Lino Cannavacciulo.

Venerdì 7 agosto, reduce dallo straordinario successo ottenuto all’ultima edizione del Festival Primavera dei Teatri a Castrovillari, arriva in prima assoluta in Campania “OMBRETTA CALCO” il monologo scritto da Sergio Pierattini (“Maria Zanella”) diretto, dal già premio Annibale Ruccello, Peppino Mazzotta ed interpretato dalla bravissima attrice Milvia Marigliano.

“NON FARMI RIDERE, SONO UNA DONNA TRAGICA” è l’irresistibile spettacolo sull’amore, presentato in prima assoluta, con cui, Sabato 8 agosto, Massimo Andrei ritorna a Positano come autore, regista ed interprete, questa volta accanto ad una delle più brave attrici italiane, Gea Martire.

Domenica 9 agosto, omaggio alla scrittura di Manlio Santanelli, uno dei più importanti drammaturghi contemporanei, con il monologo “LA VENERE DEI TERREMOTI”, divertente storia di un amore impossibile diretto ed interpretato da Roberto Azzurro.

Lunedì 10 agosto una compagine di sei attori è protagonista della storia di fantapolitica (ma non troppo immaginaria) che è al centro della novità scritta e diretta da Peppe Miale Di Mauro “LOVE BOMBING”.

Martedì 11 agosto, l’oramai attesa serata dedicata al “Teatro che verrà”, di cui saranno protagonisti i 2 corti scelti dal Direttore D’Andrea nel corso dell’ultima edizione de “La Corte della Formica”, il festival di corti teatrali diretto da Gianmarco Cesario, andato in scena ad ottobre 2014 al Teatro Piccolo Bellini di Napoli. I titoli selezionati sono “La Minore”scritto e diretto da Giovanni Del Prete, e “Mise En Place” di Daniele Amendola (che firma anche la regia) e Pietro Pace (anche interprete in scena).

Mercoledì 12 agosto, alle ore 21,00, si concluderà la programmazione ufficiale del Festival, in scena per la regia di Lucio Allocca “LE DISAVVENTURE DI MR. ALONE” con protagonista assoluto il bravissimo mimo-attore Sergio Di Paola, componente della prestigiosa compagnia internazionale “Cirque de Soleil”.

Al termine della rappresentazione sarà consegnato a Lucio Allocca il PREMIO PISTRICE – Città di Positano.

 

30 Luglio – h 18,00                                                                                             PER LE STRADE DI POSITANO

 

Mario Zinno

con Ass.Cult.  POSITANO SENZA TIEMPO – gruppo di musicisti e danzatrici in costumi tipici diretti da

Luigi Staiano e Giulia Talamo

ZEZERIA ‘E PULLICENELLA

un omaggio a Positano di Enzo Moscato

 

segue – h 21,00                                                                                                                                       GARITTA

 

Teatro delle Guarattelle

STORIE DI PULCINELLA.2

spettacolo di burattini e musica di Irene Vecchia

con

Davide Chimenti e Irene Vecchia

 

Protagonista e “anima” delle storie rappresentate è Pulcinella, essere libero, che con la sua magica voce, rinnova in scena l’eterno conflitto tra bene e male, tra il bianco e il nero della sua maschera. Pulcinella, sempre sulla mano del guarattellaro, in scena incontra e si scontra con i personaggi ed i caratteri propri del teatro popolare: la Donna Amata, il “Guappo” prepotente che fa la propria legge, la Morte, la Guardia, l’animale mostruoso, il boia, il monaco. Attraverso il combattimento, ritmico e musicale, Pulcinella propone ogni volta uno spettacolo di denuncia della sopraffazione e della prepotenza, della paura e del dolore, rappresentando le emozioni della vita umana in cui ogni spettatore si riconosce. Questo è il segreto di una così antica tradizione orale, l’essere uno spettacolo sociale e sempre vitale, una rappresentazione ironica e satirica dell’essere umano.

«’E Guarattelle sono come una musica in cui i movimenti dei burattini sono il ritmo e le loro parole l’armonia» La magia dello spettacolo è certamente la voce di Pulcinella, buffa, un po’ da gallina, che attira l’attenzione del pubblico passante e incanta gli spettatori, scandendo la sequenza narrativa.

«Spesso il pubblico al termine dei miei spettacoli resta sorpreso al vedere uscire dal teatrino una minuta ragazza, e si sorprende anche di più quando si rende conto che la voce di Pulcinella “è sempre uguale anche se sei una donna!?”» Questo oltre ad essere una magia possibile per la natura stessa di Pulcinella, smentisce il pregiudizio del fisico del ruolo, e gratifica ancor di più avendo assistito ad uno spettacolo energico, ritmico e tradizionale.

Irene Vecchia

 

 

31 Luglio ore 21                                                                                                                          CHIESA NUOVA

 

 

Albertina Produzioni

Gino Rivieccio

IO E NAPOLI

di Gino Rivieccio

con Fiorenza Calogero

al pianoforte Antonello Cascione

Regia

Giancarlo Drillo

 

Gino Rivieccio, in questo personalissimo recital, ripercorre la sua storia umana ed artistica attraverso quel legame viscerale e particolare con Napoli.

Un abbraccio che dalla città arriva alle isole e alle solfatare del sorriso, rendendo unica e preziosa la celebrazione ma anche spesso la denuncia. Un ironia ed una riflessione che si danno la mano, lasciando spazio qualche volta alla poesia, in un succedersi dialettico ed incalzante come solo Rivieccio sa fare con quel tono caldo e sferzante cui il comico partenopeo ci ha ormai abituati, il tutto elogiando la grande pazienza dei napoletani, destinati sempre ad aspettare qualcosa o qualcuno per migliorare la propria condizione. Un piacevole viaggio tra monologhi, personaggi, tradizioni, aneddoti e canzoni magistralmente interpretate da una delle più belle voci del panorama musicale partenopeo: Fiorenza Calogero diretta al piano dal Maestro Antonello Cascone.

Alla fine il messaggio apparirà chiaro: provare a cambiare una realtà che offusca lo splendore di una delle città e delle regioni più belle del mondo.

 

 

1 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                                               NOCELLE

 

Suoni&Scene

Massimo Masiello

GLI AMICI SE NE VANNO – Le note ineguali di Umberto Bindi

di Gianmarco Cesario ed Antonio Mocciola

Elaborazioni musicali Letti Sfatti

Scene Francesco Esposito

Disegno luci Megaride

Foto di scena: Fiorella Passiante

Regia Massimo Masiello

 

Capostipite della canzone d’autore, appartenente alla cosiddetta “scuola genovese”, Umberto Bindi all’alba dei “favolosi” anni ’60 aveva già firmato numerosi successi (“Il nostro concerto”, “Arrivederci”), ma, pur essendo solo all’inizio di una sfolgorante e promettente carriera, ecco che improvvisamente qualcosa si inceppa nei meccanismi dello star system nostrano; la televisione gli sbarra le porte, la sua persona non è più gradita, colpevole la sua omosessualità mai rinnegata, la sua vita privata troppo fuori dagli schemi per un’Italia governata dalla chiesa, in cui il delitto d’onore era ancora quello che Germi definì “Divorzio all’italiana”. Purtroppo l’ostracismo durò fino alla sua morte, nei primi anni del XXI secolo, e la sua carriera non si riprese più. Attraverso le sue canzoni e la sua storia, vogliamo raccontare quest’episodio vergognoso di omofobia e razzismo, sperando che la vicenda umana ed artistica di Umberto resti solo un tragico esempio di un’Italia che non c’è più.

Gianmarco Cesario & Antonio Mocciola

 

Da piccolo certe melodie mi emozionavano più delle altre, ma l’ingenuità e la sufficienza dell’età, non ti permettono di andare oltre la conoscenza sommaria del cantante. Col tempo cresceva la curiosità, la voglia di conoscere, di sapere; le onde della musica, di certa musica, mi prendevano sempre di più.

Chi era quell’autore capace di suscitare quei sentimenti? Cosa provava mentre si abbandonava alle sue note? Ho cominciato così ad informarmi sulla vita di ognuno di loro, i loro trascorsi; così quando Gianmarco Cesario ed Antonio Mocciola, mi hanno sottoposto questo progetto, ho subito accettato con entusiasmo. La sensibilità di Umberto Bindi è, per alcuni versi, molto vicina alla mia. Ho voluto così, ricreare le atmosfere a me più vicine, quelle dei ricordi, quelle del bianco e nero, quelle della grande musica. Un omaggio ad Umberto Bindi.

Massimo Masiello

 

 

 

2 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                               MONTEPERTUSO

 

Teatri Associati di Napoli/le Nuvole

LE STATUE MOVIBILI

con Nunzia Schiano, Ciro Esposito, Niko Mucci, Daniela Ioia, Biagio Musella, Raffaele Parisi, Ciro Pellegrino

Foto di scena: Giuliano Longone

Scene a cura degli allievi del corso di scenografia dell’Accademia di Belle Arti su progetto di Martina Pagano diretti dal Prof. Tonino Di Ronza

Musiche Niko Mucci e Luca Toller

Costumi Annamaria Morelli

Regia Lello Serao

 

Il testo de “Le Statue movibili” (attribuito ad Antonio Petito) è uno dei tanti tasselli che hanno segnato il percorso della cosiddetta “mutazione”, ovvero l’inarrestabile processo che terminerà con Scarpetta e che vede la definitiva affermazione del “Felice” a dispetto della storica maschera di Pulcinella, che per secoli aveva segnato le scene.

La sensazione, in questo testo, è che siamo ancora in una fase interlocutoria di questo processo, Felice è un giovane scanzonato studente e Pulcinella ancora un servitore scaltro, capace di risolvere, con le sue trovate, le disgrazie a cui la miseria e la costante mancanza di denaro condanna i due. Lo spirito è quello allegro e vivace che regna nelle case degli studenti squattrinati, per i quali l’amore, il gioco, il divertimento e il mangiare a sbafo costituiscono le uniche preoccupazioni della giornata.

Questo spirito allegro resta tale anche quando le faccende si complicano, anche quando la scoperta dell’inganno presuppone la punizione da parte degli adulti. Questi due mondi, quello bambino di Felice e Pulcinella e quello adulto dei proprietari di casa e dei parenti, non si incontrano mai, se non per artifici che servono ad arrivare ad un finale conciliante, ma le differenze restano e resteranno in barba alle promesse e alle buone intenzioni. Nei dettagli, dalla scena ai costumi questa distanza è palese, da un lato la miseria a cui fa da contrappunto la gioia spensierata, dall’altro lo sfarzo manifesto segno di solidità economica ma anche di arroganza e presunzione. La trasparenza dei comportamenti, l’inganno evidente, la manifesta volontà di trasgressione sono sottolineati e ancor più evidenziati dalla scenografia che progredisce verso trasparenze in cui l’interno e l’esterno si fondono fino a quando la città invade l’interno casa.

Il testo lascia spazio alla creatività e all’improvvisazione degli attori con reinvenzioni che ci derivano dall’enorme patrimonio che dal Maccus arriva fino ai giorni nostri e che non disdegna puntate anche nel quotidiano più recente.

Lello Serao

 

 

3 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                             TEATRO GIARDINO

 

Antonella Morea

…IO LA CANTO COSI’! – Omaggio a Gabriella Ferri

di Fabio Cocifoglia e Antonella Morea

chitarra Edo Puccini fisarmonica/violino  Vittorio Cataldi

costumi Canzanella CTN   

oggetti di scena Antonio Cece e Carla Merone 

foto di scena Gaetano Pappalardo

regia Fabio Cocifoglia

 

Nel suo romanzo “Opinioni di un clown” Heinrich Boll dice “…sono un clown e faccio collezione di attimi.”  Questa frase si accende tutte le volte che penso a Gabriella Ferri, artista inimitabile e quasi impossibile da raccontare.  Se chiedi agli amici di Gabriella Ferri, a chi l’ha conosciuta e a chi ha lavorato con lei un aggettivo per raccontarla ti rispondono: “Uno solo? S’incazzerebbe!”

Dicono di lei: Era un pagliaccio straordinario, un pagliaccio di razza…Veramente l’amica ideale, ti dava tutto… Dove cantava, ecco, lì era il centro del mondo… La disperazione degli autori… Un po’ un pazzariello… Uno sguardo dolce e disperato che non si può sfuggire… Era la maschera con cui lei nascondeva tutto, tutto quel macello … Molto sensibile, molto ansiosa… Molto severa con se stessa… Impegnativa…  Ogni sua frase era un urlo lanciato al mondo… Donna bellissima che non aveva paura di imbruttirsi… Eccentrica… Feroce… Bizzosa… Terribile… Anticonformista… Libera… Rivoluzionaria…  Troppo in tutto… Una grande madre, una grande moglie, una grande amante…  Verace…  Testaccina… Romanesca…  Come un San Pietrino… Rauca…  Perturbante, conturbante, turbante…  Senza pelle… Straordinaria… Forse solo nelle sue canzoni riusciamo a cogliere quegli attimi vissuti e collezionati dal suo animo di grande artista.

Fabio Cocifoglia

 

“…ci metterò un fiore!”

Un giorno passeggiavo per le strade di Roma, entro in un negozio e vedo lei, Gabriella Ferri, il mio mito da ragazzina. Piena di bracciali, collane, anelli, tutta colorata…come sempre. Ma quasi non la riconoscevo. Sembrava non riuscisse nemmeno a parlare. Com’è possibile? Stavo quasi per andarle incontro, come ad una persona di famiglia, come ad una sorella più grande che non vedi da tanto tempo. E mentre sto per andare mi vedo riflessa in uno specchio del negozio. Ora siamo in tre. La mente è volata a quando mi vestivo tale e quale a lei, capelli rigorosamente biondi con la frangia, trucco da trincea, sacchi di trucco, il rimmel sugli occhi due linee di filo spinato, il fondotinta un campo minato. “E voglio vedere quando mi espugnano, sono come Gabriella Ferri, io!” Così dicevo. E così mi chiamavano per gioco gli amici “la Gabriella Ferri napoletana”. Erano per me quelli anni duri, di trasformazione,  di battaglia. E lì mi sono resa conto che per Gabriella Ferri la battaglia non era ancora finita. Manteneva la posizione eroicamente. Confusa, forse, ma sempre in piedi. Più tardi a casa mi sono interrogata sul perché di tanto malessere, di tanta confusione. Ho trovato solo una “non risposta” efficace nelle parole del figlio di Gabriella Ferri, Seva, che chiudeva un intervista con una frase della mamma presa dal suo diario intimo: “Ho nella testa confusione? … ci metterò un fiore!”     Un’altra “non risposta” efficace l’ho trovata solo nelle sue canzoni che voglio cantare perché siano  il mio fiore per Gabriella Ferri, una donna, un’artista a cui non finirò mai di dire grazie perché… mi ha dato tanto!

Antonella Morea

 

 

 

4 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                                          LIPARLATI

 

Eventi Mediterranei

Rosalia Porcaro

DONNE

uno spettacolo scritto e diretto da Rosalia Porcaro

 

Rosalia Porcaro ritorna a teatro con uno spettacolo frizzante, divertente, in cui troveremo molti personaggi ognuno con la sua comicità. Lo spettacolo è incentrato sui preparativi del matrimonio di Veronica, operaia che lavora in una fabbrica di borse nel napoletano e pagata in nero. Attraverso Veronica e il mondo della fabbrica entriamo in una galleria di personaggi, DONNE, dalle mille speranze e sogni infranti rappresentative di una Napoli pronta a trovare nella disperazione la forza di reagire e d’inventarsi la vita. Natasha, cantante neomelodica, la commessa Creolina, la signora Carmela delusa dai politici, la romana scapestrata, e persino la signora Assundham sfuggita ai missili americani, vivono con assoluto ottimismo la precarietà della loro vita da trasformare così la tragicità del loro mondo in un divertente paradosso. Uno spettacolo adatto a tutte le fasce d’età. Risate e divertimento assicurato.

 

 

5 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                TEATRO GIARDINO

 

Associazione TIMOS

Paolo Graziosi

Elisabetta Arosio, Valeria Patera

MAL MEDITERRANEO – Oratorio Marino per voci e orchestra di mare

Scritto e diretto da Valeria Patera

Musica dal vivo di e con Mario Crispi

 

Questo spettacolo debuttò nel 2002 ispirato da un volumetto scritto da Ugo Ronfani, giornalista, critico teatrale, scrittore, uomo di cultura a tutto tondo e fondatore della rivista di teatro  Hystrio, che se ne è andato nel 2009. Ronfani ha sempre apprezzato e sostenuto la vocazione del teatro di Valeria Patera che lui stesso aveva definito come “teatro multicodice” e pertanto la nuova versione dello spettacolo che debutta al Positano Teatro Festival vuole essere anche un omaggio alla memoria di Ugo Ronfani, un ricordo alla sua umanità e professionalità.

 

Tre amici, due donne e un uomo, giocano a carte all’ombra di un cortile mediterraneo, su cui batte la canicola. La calura, il rumore della risacca del mare da lontano fanno emergere in loro emozioni e una sottile voglia di giocare. Così il gioco a carte diventa un altro, diventa il gioco che li trasforma nella personificazione del Mare, del Vento e del Tempo. Il Mare, il Vento e il Tempo diventano personaggi e parlano attraverso pensieri e poesie di grandi autori di oggi e di ieri che hanno scritto sul tema del mare, aprono uno sguardo sul Mediterraneo di oggi e lo interrogano.

Interrogando il Mare ritrovano il loro sguardo di bambini, il loro sguardo di giovani innamorati, di giovani battaglieri ma si accorgono poi che il loro sguardo oggi è cambiato e vede un altro mare, un mare dove ancora galleggiano quelle poesie, le macchie di sangue di ieri e le macchie della disperazione di oggi. Il mare lava sempre e sempre riporta però le macchie, i detriti galleggiano insieme alla sua bellezza.

Saper veder la bellezza senza dimenticare le tragedie, questo è lo sguardo incrociato che si posa sul Mediterraneo e in questo spettacolo un grande e straordinario attore come Paolo Graziosi, inanella pensieri e sensazioni e intreccia un dialogo possibile per la mente e per il cuore con Elisabetta Arosio e Valeria Patera, anche regista e autrice dello spettacolo.

Tesse la trama suggestiva e originalissima di questo recital marino, la musica del vivo di Mario Crispi, noto musicista per la sua attività con il gruppo Agricantus, e da una valigia magica estrae conchiglie, gusci, antichi strumenti della tradizione mediterranea e poi anche passaggi al sintetizzatore e di nuovo la musica del vento riprodotta da insospettabili oggetti. Crispi porta a teatro   il suono del mare o del vento, dirigendoli come fossero un’orchestra ibrida per suonarci, cantarci o recitare.  Il teatro è questo, è il luogo dove perpetuare la poesia senza dimenticare la verità. Dunque necessità poetica e necessario tema di riflessione, la necessità di ripensare il Mediterraneo come centro dell’Europa attraverso una fantasmagoria di suoni e parole e immagini che si intrecciano confermando una linea di lavoro che ricerca la fusione dei generi e dei linguaggi come i suoni delle lingue e degli strumenti, i colori, i miti e le leggende si sono fusi nell’alveo d i questo Mare Nostrum.  

 Valeria Patera

 

6 agosto 2015 – h 21,0                                                                                              TEATRO GIARDINO

 

Cerimonia di consegna

PREMIO ANNIBALE RUCCELLO

XII EDIZIONE

 

all’attrice

GIULIANA DE SIO

 

ALBO D’ORO

2002  Enzo Moscato

2003  Isa Danieli

2004  Fausto Paravidino

2005  Fausto Russo Alesi

2006  Compagnia Elicantropo

2010  Michele De Lucia, Sindaco di Positano, per aver ridato vita al Festival

2011  Spiro Scimone

2012  Peppino Mazzotta

2013  Leopoldo Mastelloni (alla carriera)

2014   Enzo Vetrano e Stefano Randisi

 

LA GIURIA del premio è composta dai seguenti giornalisti:

GIULIO BAFFI (La Repubblica) MORENO CERQUETELLI (TG3)  STEFANO DE STEFANO (Corriere del Mezzogiorno) TITTA FIORE (Il Mattino)  DIEGO PAURA (Roma) 

 

ANCHE QUEST’ANNO IL PREMIO ANNIBALE RUCCELLO CONSISTE IN UN’OPERA IDEATA E REALIZZATA DAL MAESTRO RICCARDO DALISI

                                                                                                                                                                                                                                                                               

“Teatrino” di Riccardo Dalisi

 

“Disegnare la maschera esplorando i suoi tantissimi modi, a partire da quelli che conosciamo e facendone scaturire altri da noi stessi, è un’occasione di ricerca. In tutto ciò si nasconde un arricchimento della sensazione di noi stessi, del sentimento dell’io per proiettarci e riproiettarci nella dinamica della vita. È più che un pensiero, è fonte di pensieri e di sensi uniti insieme che viaggiano velocissimi e s’irradiano dentro e intorno a noi”.

 

Biografia di RICCARDO DALISI

Nato a Potenza il primo maggio del 1931, ha ricoperto la cattedra di Progettazione presso la facoltà di Architettura di Napoli. Presso la stessa facoltà è stato direttore della Scuola di Specializzazione in Disegno Industriale.

Negli anni settanta, assieme a Ettore Sottsass, Alessandro Mendini, Andrea Branzi e altri, è stato tra i fondatori della Global Tools, contro-scuola di architettura e design che riuniva tutti i gruppi e le persone che in Italia coprivano l’area più avanzata della cosiddetta “architettura radicale”. Da sempre impegnato nel sociale (resta fondamentale l’esperienza del lavoro di quartiere con i bambini del Rione Traiano, con gli anziani della Casa del Popolo di Ponticelli e, negli ultimi anni, l’impegno con i giovani del Rione Sanità di Napoli e di Scampia), ha unito ricerca e didattica nel campo dell’architettura e del design accostandosi sempre più all’espressione artistica come via regia della sua vita.

Nel 1981 ha vinto il premio Compasso d’Oro per la ricerca sulla caffettiera napoletana. Negli ultimi trent’anni si è dedicato intensamente alla creazione di un rapporto sempre più  articolato e fecondo tra la ricerca universitaria, l’architettura e il design, la scultura e la pittura, l’arte e l’artigianato, mantenendo al centro la finalità di uno sviluppo umano attraverso il dialogo e il potenziale di creatività che ne sprigiona. Nel 2009, dopo una lunga ricerca preparativa, ha promosso la prima edizione del “Premio Compasso di latta”, iniziativa per una nuova ricerca nel campo del design nel segno del sostegno umano, della ecocompatibilità e della decrescita. Nel 2012 il suo libro Acqua dueO ha vinto il Winner of Green Dot Awards di Los Angeles per la sostenibilità ambientale.

Diverse mostre dedicate alla sua attività di architetto, di designer, di scultore e di pittore sono state allestite in Italia e all’estero. Tra queste citiamo: la Biennale di Venezia, la Triennale di Milano, il MoMA di New York, la Biennale di Chicago, il Museo del Design di Denver, il Museo di Copenaghen, il Museo di Arte Contemporanea di Salonicco, Palazzo Reale di Napoli, la Galleria Lucio Amelio di Napoli, la Fondazione Cartier di Parigi, il Museo delle Arti Decorative di Montreal, il Tabak Museum di Vienna, il Museo Zitadelle Spandau di Berlino, Castel dell’Ovo a Napoli, la Reggia di Caserta.

 

 

6 agosto 2015 – a seguire h 21,30                                                                           TEATRO GIARDINO

 

CRASC-teatrodiricerca in collaborazione con ArtgarageTeatro

FRANCISCHIELLO – Un Amleto re di Napoli

Uno studio shakespeariano di e con  CARMINE BORRINO 

con musiche di  LINO CANNAVACCIUOLO

Disegno audio Fiore Carpentieri

Assistente alla regia Laura Angulo Diaz

Direttore tecnico Stefano Scotto Di Luzio

Assistente produzione Fabrizio Vezzi

Organizzazione Veronica Grossi

Foto di scena Pina Testa

 

Uno studio che parte dall’ approfondita ricerca sulla figura di Francesco II di Borbone e approda alla sovrapposizione “spettrale” col giovane principe di Danimarca. I rapporti drammaturgici dell’Amleto di Shakespeare che si fanno pre-testo per raccontare, combaciando alla perfezione, con ciò che accadeva alla corte di Napoli nell’estate del 1860.  L’assoluta fede cristiana  di Francesco II,  che lo rende sicuramente gran conoscitore di S. Agostino, tra i primi cristiani a parlare di essere e non essere; il tradimento subìto da un “cousin” ( cugino); l’esitante azione – reazione al tradimento e alla vendetta; il rapporto giovane-re col padre defunto ricordato e riconosciuto come gradissimo sovrano; l’ambiguo rapporto d’amore e devozione tra  Francesco II e Maria Sofia, come Amleto e la giovane Ofelia; l’attesa del condottiero generale Garibaldi, come l’attesa del giovane Fortebraccio: il suo arrivo, la sua delusione, i morti, la morte  e la calunnia, la deposizione illegittima di un re, l’inganno; la finta follia del giovane principe di Danimarca come la probabile finta “scemità” dell’ultimo sovrano di Napoli;  l’incarico a un ennesimo Orazio di raccontare  la vera storia; Il 14 febbraio, giorno di S. Valentino, cantato dalla disperazione  di Ofelia  e ultimo giorno del regno delle due Sicilie;  atto I scena prima:  Piazzola davanti al Castello di Elsinore. Notte fonda. FRANCESCO è al suo posto di guardia…

Un’intuizione che si fa studio, una ricerca che sperimenta l’efficacia, l’efficacia che si con-forma, la forma che diventa performance.

 

7 agosto 2015 – h 21,30                                                                                            TEATRO GIARDINO

 

Rossosimona

Milvia Marigliano

OMBRETTA CALCO

di Sergio Pierattini

Scene Roberto Crea

Costumi Rita Zangari

Regia Peppino Mazzotta

 

Chi è Ombretta Calco? perché si è seduta su una panchina in una giornata torrida di luglio, a pochi passi dal portone di casa sua? Perché deve ripercorrere gli eventi sensibili della sua vita scavando ossessivamente nei suoi ricordi? E perché deve ingaggiare, sotto il sole cocente, un duello con se stessa come se fosse una resa dei conti? Ombretta sta facendo un viaggio. Il viaggio più importante della sua vita. Un viaggio fuori dai vivono i posti dal tempo e dallo spazio. Mentre procede senza soluzione di continuità, nel passare in rassegna i momenti più significativi della sua esistenza, ne comprende il senso. Riemergono dalla sua anima dettagli, accenti, colori, che riempiono i vuoti e danno nuova luce al quadro complessivo di una vita vissuta con sincera ingenuità, senza risparmi. Fallimenti, dolori, frustrazioni, debolezze, illusioni, tenerezze, slanci incoscienti verso un futuro che sarà sicuramente migliore, desideri legittimi di una vita normale, inclusa in affetti confortanti e routine rassicuranti.

Alla fine del viaggio come premio per questa ricostruzione meticolosa, buffa e straziante, c’è la risposta o la felicità. Una felicità non eclatante. Una felicità tragica, semplice, minima, discreta e necessaria.

Peppino Mazzotta

 

 

 

 

8 agosto 2015 – h 21,00                                                                                          TEATRO GIARDINO

 

Tappeto Volante

Gea Martire      Massimo Andrei

NON FARMI RIDERE SONO UNA DONNA TRAGICA

Studio sull’amore inutile

testo e regia Massimo Andrei

Musiche    Mater Sonora  

Costumi   Annalisa Ciaramella

Aiuto regia   Mario Vezza

 

Il filosofo Platone ha detto che l’amore è inutile, nun serve a niente.

L’amore è amore vero, si nun serve a niente. E così, come stato di grazia, rende liberi… 

L’amore platonico non è una soppressione dell’amore fisico, è guardare insieme verso lo stesso posto…

Silvana non è convinta. Silvana non capisce queste cose. Silvana nun vo’ capi’ niente! Vo’ n’ommo!

 

 

 

9  agosto 2015 – h 21,00                                                                               TEATRO GIARDINO

 

Ortensia T

LA VENERE DEI TERREMOTI

Di Manlio Santanelli

Il cimento amoroso di Luigino Impagliazzo e Fortuna Licenziati raccontato da Roberto Azzurro

Regia Roberto Azzurro

 

Dopo anni di frequentazioni con il teatro e la narrativa di Manlio Santanelli, Roberto Azzurro decide di portare in scena “La Venere dei terremoti”, sfida davvero audace, trattandosi di un lungo racconto nato per la pagina scritta, la cui storia, sottotitolata come Il cimento amoroso di Luigino Impagliazzo e Fortuna Licenziati, si svolge a Napoli, tra le impervie e suggestive strade di una città vivace e coinvolgente, così come suggestiva e allo stesso tempo coinvolgente è la scrittura che l’autore utilizza per questo racconto. Iperboli linguistiche da montagne russe, costruzioni sintattiche da fuochi d’artificio. Un racconto di parole spericolate, di acrobazie verbali, di atmosfere reali eppure oniriche. Di immagini di donne vagheggiate, di musiche e immagini familiari e sconosciute, accorate e pericolose. Un piccolo viaggio nella suggestione del racconto come forma di comunicazione, la più antica, la più contemporanea, la più rischiosa, la più seducente. Il racconto si snoderà attraverso la parola che si fa senso e suono e immagini verbali che a tratti ci lasceranno intravedere il protagonista della storia, il vivace eppur malinconico Luigino Impagliazzo,, proiettandoci quasi nella sua testa, nella sua immaginazione, a tu per tu con il turbolento circo colorato e un po’ folle che si scatena nella psiche di un piccolo uomo innamorato di una fin troppo bella “femmina”. Lo spettacolo si colloca nell’ambito della progettualità di Azzurro relativa alla parola scritta che diventa parlata, dunque alla letteratura che diventa teatro. L’incontro tra il Narratore e il protagonista della storia Luigi Impagliazzo avviene sotto gli occhi degli spettatori, mentre un caleidoscopio di immagini verbali, come fuoriuscite dalla psiche del protagonista, lo investono e lo rivestono di continuo.
 

10 agosto 2015 – h 21,00                                                                                          TEATRO GIARDINO

 

NEST – Napoli Est Teatro

LOVE BOMBING

testo e regia Giuseppe Miale Di Mauro

con Gennaro Di Colandrea, Giuseppe Gaudino, Stefano Jotti,

    Adriano Pantaleo, Giampiero Schiano, Andrea Vellotti

scenografia    Carmine Guarino  

light designer  Luigi Biondi

costumi   Giovanna Napolitano

 

In questi ultimi tempi leggo e sento parlare di Stato Islamico un po’ dappertutto, tant’è che ho approfondito l’argomento e ho partorito l’idea di scrivere per il teatro qualcosa che parlasse di tutto ciò. Mi sono domandato in che modo farlo e, come sempre, mi è venuto incontro il teatro. Ho immaginato che il mondo abbia fatto diventare il califfato molto più potente di quello che è ora, e che i Mujahideen stanno conquistando tutto sterminando chiunque non sia musulmano. Un nuovo genocidio, e come tale, non diverso da quelli passati. Tutto ormai appartiene ai militari jihadisti che conquistano, saccheggiano, uccidono. Un gruppo di cinque uomini, si ritrova a sfidare il destino nascondendosi in un bunker di fortuna e resiste provando a combattere quella che agli occhi dei protagonisti pare la fine del mondo. L’esercito è crollato, così come la Marina e l’Aeronautica. Il Papa pare sia stato decapitato in Piazza San Pietro. Le comunicazioni sono interrotte, le famiglie separate, il cibo scarseggia, così come i medicinali e i generi di prima necessità. Se non è la fine del mondo, poco ci manca. I cinque uomini resistono, si uniscono, si fanno forza, finché uno del gruppo riesce a catturare un Mujahideen e decide di portarlo nel bunker per torturalo e vendicarsi di tutto il male che stanno facendo. È questo l’episodio che scatenerà un acceso dibattito e porterà i cinque personaggi a scegliere tra quello che erano e quello che sono diventati. L’idea che ne viene fuori è che si sono formati due eserciti, uno dentro il bunker e uno fuori, non dissimili tra loro. D’altronde c’è chi sostiene che la guerra sia insita nell’essere umano, come la vita e la morte. La storia dei cinque superstiti al genocidio si chiude a sacco sulle vite individuali, ma ci sono sussulti in cui le singole esistenze spezzano la camicia di forza e inventano la propria libertà.

Giuseppe Miale di Mauro

 
 

11 agosto 2015 – h 21,00                                                                              TEATRO GIARDINO

 

 

IL TEATRO CHE VERRÀ

2 corti teatrali selezionati al Festival La Corte della Formica 2014

 

Blue Desk

MISE EN PLACE

di Daniele Amendola  e Pietro Pace

con  Pietro Pace                                         

aiuto regia Valentina Morini

foto di scena Giancarlo De Luca

regia  Daniele Amendola

 

Un uomo e la sua maschera, una delle tante.

Quella con la quale sopravvive. Quella che va sempre più stretta.

Un mestiere, ormai relegato alle esigenze di sopravvivenza, che conserva dei rituali forse ormai solo di forma, senza contenuto perché non interessa più a nessuno.

Si parla di cucina in tv e gli chef diventano star. I nomi dei ristoranti ricordano posti esotici

O rubano i nomi alla Storia, come piazza S. Marco per Guccini.

In mezzo a tutto questo c’è il cameriere, con il suo blocchetto a un tavolo e la sua mente chissà dove. Vende piatti che ormai si imparano su you tube.

Da bambino imitava Celentano,  da bambino viveva Palermo, e Roma era dall’altra parte dell’oceano.

 

Caravan Teatro

LAMINORE

di Giovanni Del Prete

con  Fracesca Iovine

scene e costumi Francesco Felaco

organizzazione Maria Teresa Monda

foto di scena Giancarlo De Luca

regia Giovanni Del Prete

 

La seconda. La figlia minore.

La sorella maggiore è bravissima in ogni cosa, supera la minore in qualsiasi attività, danza, sport, anche nell’amore dei genitori. Naturalmente questo provoca, irritazione, rancore, disperazione e scherno da parte della minore. Ma ad una lezione di piano, il maestro, per quanto brava sia, non può nascondere che il brano suonato dalla sorella maggiore è stato eseguito male. La sorella minore subito coglie l’occasione di primeggiare una volta nella vita in qualcosa, e decide che quel brano sarà la sua rivincita nei confronti della sorella. Il brano in questione è il valzer di Chopin n.19 Opera Postuma in La minore.

Nel volersi prendere una rivincita la sorella minore però mette in luce ben altre verità.

 

 

12 AGOSTO 2015 – H 21,00                                                                           TEATRO GIARDINO

 

Le Pecore Nere s.r.l.

Théâtre de Poche

 

LE DISAVVENTURE DI MR. ALONE

 di e con Sergio Di Paola

Scene Mauro Rea

Luci Arturo Scognamiglio

Regia Lucio Allocca

 

Mr Alone ha “cittadinanza di diritto” nel Teatro dell’Assurdo, teatro che racconta la realtà attraverso il paradosso. Troviamo il nostro protagonista come un sopravvissuto in un “Day After” … più dell’anima che del territorio. Alone si è salvato, perché ha conservato dentro di sé la semplicità, la fantasia, il desiderio di comunicare con gli altri, e lo fa attraverso il richiamo della musica, del gesto semplice, “fanciullesco”, con il linguaggio delle piccole cose, cercando contatto e comunicazione con altri eventuali “sopravvissuti”, nella speranza di formare la “Nuova Colonia” del domani, un domani dove l’amore, la solidarietà e la fantasia prevarranno sull’alienazione e sull’indifferenza. 

Questa performance è un modesto e sentito omaggio a Samuel Beckett.

Lucio Allocca

 

Al termine dello spettacolo

Cerimonia di consegna

PREMIO PISTRICE – CITTA’ DI POSITANO

III Edizione

all’attore e regista

LUCIO ALLOCCA

 

Albo d’oro

2013 Antonella Morea

2014 Mariano Rigillo

Presentato questa mattina al Teatro San Carluccio a  Napoli il Positano Teatro Festival – Premio Annibale Ruccello 30 luglio – 12 agosto 2015

7 PALCOSCENICI PER IL FESTIVAL AD ALTO TASSO PANORAMICO

Piazzale della Chiesa Madre – Teatro Giardino di Via Pasitea – Piazzetta della Chiesa Nuova – Piazzetta di Montepertuso –   Belvedere di Nocelle – Borgo di Liparlati –  Garitta

Il Positano Teatro Festival Premio Annibale Ruccello, la rassegna diretta da Gerardo D’Andrea che “offre uno sguardo sulla drammaturgia contemporanea, italiana e straniera” quest’anno celebra la sua dodicesima edizione con i suoi 14 giorni di rappresentazioni per 16 occasioni di teatro.

“Il Positano Teatro Festival Premio Annibale Ruccello – dichiara il Sindaco di Positano, Michele De Lucia, appena eletto, nelle recenti elezioni amministrative, per il secondo mandato – rappresenta per m e la mia giunta un fiore all’occhiello che ci consente, nelle due settimane di programmazione, di confermare un appuntamento che è oramai un punto fermo culturale e di svago per la popolazione ed i turisti. Attraverso il festival, ancora una volta, offriamo, inoltre, la possibilità anche di esplorare o riscoprire quegli scorci che i grandi flussi turistici spesso trascurano ingiustamente”.

IL PROGRAMMA

Giovedì 30 luglio alle 20,00, Anteprima del Festival: si comincia alle 18,00 con l’oramai tradizionale parata per le vie del centro del Carrello dei comici, uno dei carrelli messo a disposizione dalla società dei porter di Positano porterà in giro l’attore e cantante Mario Zinno che dedicherà al festival a Positano la poesia scritta appositamente da Enzo MoscatoZEZERIA ‘E PULECENELLA”, e le note di canzoni tipiche della tradizione napoletana accompagnato dai musicisti e dalle danzatrici del gruppo folcloristico Positano Senza Tiempo diretto da Luigi Staiano e Giulia Talamo.

La serata sarà poi tutta dedicata al pubblico dei bambini sul palcoscenico della Garitta, uno dei luoghi più suggestivi del territorio positanese, che, inaugurato lo scorso anno, conferma la presenza delle guarrattelle che, animate dalla giovane artista Irene Vecchia, che rappresenta la continuazione dell’arte dei maestri guarattellari  Salvatore Gatto, Maria Imperatrice e Bruno Leone.

Venerdì 31 luglio, alle 21,00, l’inaugurazione del Festival avverrà, per la prima volta, sul sagrato della Chiesa Nuova con una festa per il teatro che vedrà protagonista il re della comicità Gino Rivieccio con il suo spettacolo “IO E NAPOLI”, con la partecipazione della cantante Fiorenza Calogero.

 “Quello che maggiormente ci piace sottolineare è l’entusiastica partecipazione di grandi protagonisti della scena italiana – dichiara il direttore artistico, Gerardo D’Andrea – ed ancora una volta cerchiamo di dare ampio spazio alla drammaturgia contemporanea, di cui, negli anni ottanta era fulgido esponente il mai abbastanza ricordato Annibale Ruccello, alla cui memoria è dedicato il festival ed il premio, il cui vincitore sarà reso noto nel corso della manifestazione. Siamo orgogliosi di essere giunti alla XII edizione. Non è azzardato affermare che il Positano Teatro Festival – Premio Annibale Ruccello si possa considerare uno degli appuntamenti culturali più prestigiosi della regione Campania”.

La prima settimana di programmazione, come lo scorso anno, si snoda lungo i suggestivi borghi che coronano il centro del paese: in scena spettacoli di prosa comici o musicali, che allieteranno il pubblico di ben cinque località.

Sabato 1 agosto, ore 21, a Nocelle, Massimo Masiello sarà protagonista ed anche regista dello spettacolo“GLI AMICI SE NE VANNO – LE NOTE INEGUALI DI UMBERTO BINDI” di G. Cesario ed Antonio Mocciola,  che racconta la storia per troppi anni ignorata dell’artista e dell’uomo Bindi,  del  quale Masiello è straordinario interprete come attore e come cantante del prestigioso repertorio del cantautore con gli arrangiamenti musicali originali dei  Letti Sfatti.

Risate nel solco della tradizione del teatro di Petito, Domenica 2 agosto a Montepertuso, con “LE STATUE MOVIBILI” che il regista Lello Serao reinterpreta con una compagnia di giovani attori e la partecipazione straordinaria di una beniamina del pubblico quale l’attrice Nunzia Schiano ed il veterano Niko Mucci.

Lunedì 3 agosto il Teatro Giardino di via Pasitea (sede storica del festival) per una sera ospiterà il ritorno di Antonella Morea, quest’anno interprete di “IO LA CANTO COSI’” omaggio teatrale e musicale a Gabriella Ferri di cui è autore e regista Fabio Cocifoglia.

Martedì 4 agosto si conclude il giro delle contrade con il suggestivo borgo di Liparlati, dove arriva per la prima volta al Positano Teatro Festival l’ironia e la comicità di Rosalia Porcaro, che nello spettacolo “DONNE” ci farà incontrare le irresistibili figure dei personaggi che ha reso celebri, quali l’operaia Veronica, la musulmana Assundan, la cantante neomelodica Natasha, e tanti altri, tra cui un sentito omaggio all’opera di Ruccello.

Da Mercoledì 5 agosto, la programmazione del festival ricomincia definitivamente al Teatro Giardino di via Pasitea, tutte le sere alle 21, ed è segnata,  dopo l’entusiastico debutto della scorsa edizione, dal ritorno di un grande protagonista del teatro italiano quale Paolo Graziosi, che sarà in scena con Elisabetta Arosi e Valeria Patera (anche regista) di “MAL MEDITERRANEO” testo di Ugo Ronfani adattato dallo stesso Graziosi. Gli attori saranno accompagnati in scena dalle musiche originali eseguite dal vivo da Mario Crispi.

Giovedì 6 agosto, la serata si aprirà con la consegna del Premio Annibale Ruccello, che quest’anno sarà consegnato ad una star del teatro del cinema e della televisione: l’attrice Giuliana De Sio, che proprio in questi mesi è in scena con uno dei testi più intensi del drammaturgo stabiese: “Notturno di donna con ospiti”.

La serata continuerà con la rappresentazione di un originale parallelismo fra le figure dell’ultimo re di Napoli ed il principe di Danimarca raccontato da Shakespeare è al centro di “FRANCISCHIELLO – UN AMLETO RE DI NAPOLI” scritto diretto ed interpretato da Carmine Borrino con le musiche di Lino Cannavacciulo.

Venerdì 7 agosto, reduce dallo straordinario successo ottenuto all’ultima edizione del Festival Primavera dei Teatri a Castrovillari, arriva in prima assoluta in Campania “OMBRETTA CALCO” il monologo scritto da Sergio Pierattini (“Maria Zanella”) diretto, dal già premio Annibale Ruccello, Peppino Mazzotta ed interpretato dalla bravissima attrice Milvia Marigliano.

“NON FARMI RIDERE, SONO UNA DONNA TRAGICA” è l’irresistibile spettacolo sull’amore, presentato in prima assoluta, con cui, Sabato 8 agosto, Massimo Andrei ritorna a Positano come autore, regista ed interprete, questa volta accanto ad una delle più brave attrici italiane, Gea Martire.

Domenica 9 agosto, omaggio alla scrittura di Manlio Santanelli, uno dei più importanti drammaturghi contemporanei, con il monologo “LA VENERE DEI TERREMOTI”, divertente storia di un amore impossibile diretto ed interpretato da Roberto Azzurro.

Lunedì 10 agosto una compagine di sei attori è protagonista della storia di fantapolitica (ma non troppo immaginaria) che è al centro della novità scritta e diretta da Peppe Miale Di Mauro “LOVE BOMBING”.

Martedì 11 agosto, l’oramai attesa serata dedicata al “Teatro che verrà”, di cui saranno protagonisti i 2 corti scelti dal Direttore D’Andrea nel corso dell’ultima edizione de “La Corte della Formica”, il festival di corti teatrali diretto da Gianmarco Cesario, andato in scena ad ottobre 2014 al Teatro Piccolo Bellini di Napoli. I titoli selezionati sono “La Minore”scritto e diretto da Giovanni Del Prete, e “Mise En Place” di Daniele Amendola (che firma anche la regia) e Pietro Pace (anche interprete in scena).

Mercoledì 12 agosto, alle ore 21,00, si concluderà la programmazione ufficiale del Festival, in scena per la regia di Lucio Allocca “LE DISAVVENTURE DI MR. ALONE” con protagonista assoluto il bravissimo mimo-attore Sergio Di Paola, componente della prestigiosa compagnia internazionale “Cirque de Soleil”.

Al termine della rappresentazione sarà consegnato a Lucio Allocca il PREMIO PISTRICE – Città di Positano.

 

30 Luglio – h 18,00                                                                                             PER LE STRADE DI POSITANO

 

Mario Zinno

con Ass.Cult.  POSITANO SENZA TIEMPO – gruppo di musicisti e danzatrici in costumi tipici diretti da

Luigi Staiano e Giulia Talamo

ZEZERIA ‘E PULLICENELLA

un omaggio a Positano di Enzo Moscato

 

segue – h 21,00                                                                                                                                       GARITTA

 

Teatro delle Guarattelle

STORIE DI PULCINELLA.2

spettacolo di burattini e musica di Irene Vecchia

con

Davide Chimenti e Irene Vecchia

 

Protagonista e “anima” delle storie rappresentate è Pulcinella, essere libero, che con la sua magica voce, rinnova in scena l’eterno conflitto tra bene e male, tra il bianco e il nero della sua maschera. Pulcinella, sempre sulla mano del guarattellaro, in scena incontra e si scontra con i personaggi ed i caratteri propri del teatro popolare: la Donna Amata, il “Guappo” prepotente che fa la propria legge, la Morte, la Guardia, l’animale mostruoso, il boia, il monaco. Attraverso il combattimento, ritmico e musicale, Pulcinella propone ogni volta uno spettacolo di denuncia della sopraffazione e della prepotenza, della paura e del dolore, rappresentando le emozioni della vita umana in cui ogni spettatore si riconosce. Questo è il segreto di una così antica tradizione orale, l’essere uno spettacolo sociale e sempre vitale, una rappresentazione ironica e satirica dell’essere umano.

«’E Guarattelle sono come una musica in cui i movimenti dei burattini sono il ritmo e le loro parole l’armonia» La magia dello spettacolo è certamente la voce di Pulcinella, buffa, un po’ da gallina, che attira l’attenzione del pubblico passante e incanta gli spettatori, scandendo la sequenza narrativa.

«Spesso il pubblico al termine dei miei spettacoli resta sorpreso al vedere uscire dal teatrino una minuta ragazza, e si sorprende anche di più quando si rende conto che la voce di Pulcinella “è sempre uguale anche se sei una donna!?”» Questo oltre ad essere una magia possibile per la natura stessa di Pulcinella, smentisce il pregiudizio del fisico del ruolo, e gratifica ancor di più avendo assistito ad uno spettacolo energico, ritmico e tradizionale.

Irene Vecchia

 

 

31 Luglio ore 21                                                                                                                          CHIESA NUOVA

 

 

Albertina Produzioni

Gino Rivieccio

IO E NAPOLI

di Gino Rivieccio

con Fiorenza Calogero

al pianoforte Antonello Cascione

Regia

Giancarlo Drillo

 

Gino Rivieccio, in questo personalissimo recital, ripercorre la sua storia umana ed artistica attraverso quel legame viscerale e particolare con Napoli.

Un abbraccio che dalla città arriva alle isole e alle solfatare del sorriso, rendendo unica e preziosa la celebrazione ma anche spesso la denuncia. Un ironia ed una riflessione che si danno la mano, lasciando spazio qualche volta alla poesia, in un succedersi dialettico ed incalzante come solo Rivieccio sa fare con quel tono caldo e sferzante cui il comico partenopeo ci ha ormai abituati, il tutto elogiando la grande pazienza dei napoletani, destinati sempre ad aspettare qualcosa o qualcuno per migliorare la propria condizione. Un piacevole viaggio tra monologhi, personaggi, tradizioni, aneddoti e canzoni magistralmente interpretate da una delle più belle voci del panorama musicale partenopeo: Fiorenza Calogero diretta al piano dal Maestro Antonello Cascone.

Alla fine il messaggio apparirà chiaro: provare a cambiare una realtà che offusca lo splendore di una delle città e delle regioni più belle del mondo.

 

 

1 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                                               NOCELLE

 

Suoni&Scene

Massimo Masiello

GLI AMICI SE NE VANNO – Le note ineguali di Umberto Bindi

di Gianmarco Cesario ed Antonio Mocciola

Elaborazioni musicali Letti Sfatti

Scene Francesco Esposito

Disegno luci Megaride

Foto di scena: Fiorella Passiante

Regia Massimo Masiello

 

Capostipite della canzone d’autore, appartenente alla cosiddetta “scuola genovese”, Umberto Bindi all’alba dei “favolosi” anni ’60 aveva già firmato numerosi successi (“Il nostro concerto”, “Arrivederci”), ma, pur essendo solo all’inizio di una sfolgorante e promettente carriera, ecco che improvvisamente qualcosa si inceppa nei meccanismi dello star system nostrano; la televisione gli sbarra le porte, la sua persona non è più gradita, colpevole la sua omosessualità mai rinnegata, la sua vita privata troppo fuori dagli schemi per un’Italia governata dalla chiesa, in cui il delitto d’onore era ancora quello che Germi definì “Divorzio all’italiana”. Purtroppo l’ostracismo durò fino alla sua morte, nei primi anni del XXI secolo, e la sua carriera non si riprese più. Attraverso le sue canzoni e la sua storia, vogliamo raccontare quest’episodio vergognoso di omofobia e razzismo, sperando che la vicenda umana ed artistica di Umberto resti solo un tragico esempio di un’Italia che non c’è più.

Gianmarco Cesario & Antonio Mocciola

 

Da piccolo certe melodie mi emozionavano più delle altre, ma l’ingenuità e la sufficienza dell’età, non ti permettono di andare oltre la conoscenza sommaria del cantante. Col tempo cresceva la curiosità, la voglia di conoscere, di sapere; le onde della musica, di certa musica, mi prendevano sempre di più.

Chi era quell’autore capace di suscitare quei sentimenti? Cosa provava mentre si abbandonava alle sue note? Ho cominciato così ad informarmi sulla vita di ognuno di loro, i loro trascorsi; così quando Gianmarco Cesario ed Antonio Mocciola, mi hanno sottoposto questo progetto, ho subito accettato con entusiasmo. La sensibilità di Umberto Bindi è, per alcuni versi, molto vicina alla mia. Ho voluto così, ricreare le atmosfere a me più vicine, quelle dei ricordi, quelle del bianco e nero, quelle della grande musica. Un omaggio ad Umberto Bindi.

Massimo Masiello

 

 

 

2 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                               MONTEPERTUSO

 

Teatri Associati di Napoli/le Nuvole

LE STATUE MOVIBILI

con Nunzia Schiano, Ciro Esposito, Niko Mucci, Daniela Ioia, Biagio Musella, Raffaele Parisi, Ciro Pellegrino

Foto di scena: Giuliano Longone

Scene a cura degli allievi del corso di scenografia dell’Accademia di Belle Arti su progetto di Martina Pagano diretti dal Prof. Tonino Di Ronza

Musiche Niko Mucci e Luca Toller

Costumi Annamaria Morelli

Regia Lello Serao

 

Il testo de “Le Statue movibili” (attribuito ad Antonio Petito) è uno dei tanti tasselli che hanno segnato il percorso della cosiddetta “mutazione”, ovvero l’inarrestabile processo che terminerà con Scarpetta e che vede la definitiva affermazione del “Felice” a dispetto della storica maschera di Pulcinella, che per secoli aveva segnato le scene.

La sensazione, in questo testo, è che siamo ancora in una fase interlocutoria di questo processo, Felice è un giovane scanzonato studente e Pulcinella ancora un servitore scaltro, capace di risolvere, con le sue trovate, le disgrazie a cui la miseria e la costante mancanza di denaro condanna i due. Lo spirito è quello allegro e vivace che regna nelle case degli studenti squattrinati, per i quali l’amore, il gioco, il divertimento e il mangiare a sbafo costituiscono le uniche preoccupazioni della giornata.

Questo spirito allegro resta tale anche quando le faccende si complicano, anche quando la scoperta dell’inganno presuppone la punizione da parte degli adulti. Questi due mondi, quello bambino di Felice e Pulcinella e quello adulto dei proprietari di casa e dei parenti, non si incontrano mai, se non per artifici che servono ad arrivare ad un finale conciliante, ma le differenze restano e resteranno in barba alle promesse e alle buone intenzioni. Nei dettagli, dalla scena ai costumi questa distanza è palese, da un lato la miseria a cui fa da contrappunto la gioia spensierata, dall’altro lo sfarzo manifesto segno di solidità economica ma anche di arroganza e presunzione. La trasparenza dei comportamenti, l’inganno evidente, la manifesta volontà di trasgressione sono sottolineati e ancor più evidenziati dalla scenografia che progredisce verso trasparenze in cui l’interno e l’esterno si fondono fino a quando la città invade l’interno casa.

Il testo lascia spazio alla creatività e all’improvvisazione degli attori con reinvenzioni che ci derivano dall’enorme patrimonio che dal Maccus arriva fino ai giorni nostri e che non disdegna puntate anche nel quotidiano più recente.

Lello Serao

 

 

3 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                             TEATRO GIARDINO

 

Antonella Morea

…IO LA CANTO COSI'! – Omaggio a Gabriella Ferri

di Fabio Cocifoglia e Antonella Morea

chitarra Edo Puccini fisarmonica/violino  Vittorio Cataldi

costumi Canzanella CTN   

oggetti di scena Antonio Cece e Carla Merone 

foto di scena Gaetano Pappalardo

regia Fabio Cocifoglia

 

Nel suo romanzo “Opinioni di un clown” Heinrich Boll dice “…sono un clown e faccio collezione di attimi.”  Questa frase si accende tutte le volte che penso a Gabriella Ferri, artista inimitabile e quasi impossibile da raccontare.  Se chiedi agli amici di Gabriella Ferri, a chi l'ha conosciuta e a chi ha lavorato con lei un aggettivo per raccontarla ti rispondono: “Uno solo? S'incazzerebbe!”

Dicono di lei: Era un pagliaccio straordinario, un pagliaccio di razza…Veramente l'amica ideale, ti dava tutto… Dove cantava, ecco, lì era il centro del mondo… La disperazione degli autori… Un po' un pazzariello… Uno sguardo dolce e disperato che non si può sfuggire… Era la maschera con cui lei nascondeva tutto, tutto quel macello … Molto sensibile, molto ansiosa… Molto severa con se stessa… Impegnativa…  Ogni sua frase era un urlo lanciato al mondo… Donna bellissima che non aveva paura di imbruttirsi… Eccentrica… Feroce… Bizzosa… Terribile… Anticonformista… Libera… Rivoluzionaria…  Troppo in tutto… Una grande madre, una grande moglie, una grande amante…  Verace…  Testaccina… Romanesca…  Come un San Pietrino… Rauca…  Perturbante, conturbante, turbante…  Senza pelle… Straordinaria… Forse solo nelle sue canzoni riusciamo a cogliere quegli attimi vissuti e collezionati dal suo animo di grande artista.

Fabio Cocifoglia

 

“…ci metterò un fiore!”

Un giorno passeggiavo per le strade di Roma, entro in un negozio e vedo lei, Gabriella Ferri, il mio mito da ragazzina. Piena di bracciali, collane, anelli, tutta colorata…come sempre. Ma quasi non la riconoscevo. Sembrava non riuscisse nemmeno a parlare. Com'è possibile? Stavo quasi per andarle incontro, come ad una persona di famiglia, come ad una sorella più grande che non vedi da tanto tempo. E mentre sto per andare mi vedo riflessa in uno specchio del negozio. Ora siamo in tre. La mente è volata a quando mi vestivo tale e quale a lei, capelli rigorosamente biondi con la frangia, trucco da trincea, sacchi di trucco, il rimmel sugli occhi due linee di filo spinato, il fondotinta un campo minato. “E voglio vedere quando mi espugnano, sono come Gabriella Ferri, io!” Così dicevo. E così mi chiamavano per gioco gli amici “la Gabriella Ferri napoletana”. Erano per me quelli anni duri, di trasformazione,  di battaglia. E lì mi sono resa conto che per Gabriella Ferri la battaglia non era ancora finita. Manteneva la posizione eroicamente. Confusa, forse, ma sempre in piedi. Più tardi a casa mi sono interrogata sul perché di tanto malessere, di tanta confusione. Ho trovato solo una “non risposta” efficace nelle parole del figlio di Gabriella Ferri, Seva, che chiudeva un intervista con una frase della mamma presa dal suo diario intimo: “Ho nella testa confusione? … ci metterò un fiore!”     Un'altra “non risposta” efficace l'ho trovata solo nelle sue canzoni che voglio cantare perché siano  il mio fiore per Gabriella Ferri, una donna, un'artista a cui non finirò mai di dire grazie perché… mi ha dato tanto!

Antonella Morea

 

 

 

4 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                                          LIPARLATI

 

Eventi Mediterranei

Rosalia Porcaro

DONNE

uno spettacolo scritto e diretto da Rosalia Porcaro

 

Rosalia Porcaro ritorna a teatro con uno spettacolo frizzante, divertente, in cui troveremo molti personaggi ognuno con la sua comicità. Lo spettacolo è incentrato sui preparativi del matrimonio di Veronica, operaia che lavora in una fabbrica di borse nel napoletano e pagata in nero. Attraverso Veronica e il mondo della fabbrica entriamo in una galleria di personaggi, DONNE, dalle mille speranze e sogni infranti rappresentative di una Napoli pronta a trovare nella disperazione la forza di reagire e d’inventarsi la vita. Natasha, cantante neomelodica, la commessa Creolina, la signora Carmela delusa dai politici, la romana scapestrata, e persino la signora Assundham sfuggita ai missili americani, vivono con assoluto ottimismo la precarietà della loro vita da trasformare così la tragicità del loro mondo in un divertente paradosso. Uno spettacolo adatto a tutte le fasce d’età. Risate e divertimento assicurato.

 

 

5 Agosto 2015 – h 21,00                                                                                TEATRO GIARDINO

 

Associazione TIMOS

Paolo Graziosi

Elisabetta Arosio, Valeria Patera

MAL MEDITERRANEO – Oratorio Marino per voci e orchestra di mare

Scritto e diretto da Valeria Patera

Musica dal vivo di e con Mario Crispi

 

Questo spettacolo debuttò nel 2002 ispirato da un volumetto scritto da Ugo Ronfani, giornalista, critico teatrale, scrittore, uomo di cultura a tutto tondo e fondatore della rivista di teatro  Hystrio, che se ne è andato nel 2009. Ronfani ha sempre apprezzato e sostenuto la vocazione del teatro di Valeria Patera che lui stesso aveva definito come “teatro multicodice” e pertanto la nuova versione dello spettacolo che debutta al Positano Teatro Festival vuole essere anche un omaggio alla memoria di Ugo Ronfani, un ricordo alla sua umanità e professionalità.

 

Tre amici, due donne e un uomo, giocano a carte all'ombra di un cortile mediterraneo, su cui batte la canicola. La calura, il rumore della risacca del mare da lontano fanno emergere in loro emozioni e una sottile voglia di giocare. Così il gioco a carte diventa un altro, diventa il gioco che li trasforma nella personificazione del Mare, del Vento e del Tempo. Il Mare, il Vento e il Tempo diventano personaggi e parlano attraverso pensieri e poesie di grandi autori di oggi e di ieri che hanno scritto sul tema del mare, aprono uno sguardo sul Mediterraneo di oggi e lo interrogano.

Interrogando il Mare ritrovano il loro sguardo di bambini, il loro sguardo di giovani innamorati, di giovani battaglieri ma si accorgono poi che il loro sguardo oggi è cambiato e vede un altro mare, un mare dove ancora galleggiano quelle poesie, le macchie di sangue di ieri e le macchie della disperazione di oggi. Il mare lava sempre e sempre riporta però le macchie, i detriti galleggiano insieme alla sua bellezza.

Saper veder la bellezza senza dimenticare le tragedie, questo è lo sguardo incrociato che si posa sul Mediterraneo e in questo spettacolo un grande e straordinario attore come Paolo Graziosi, inanella pensieri e sensazioni e intreccia un dialogo possibile per la mente e per il cuore con Elisabetta Arosio e Valeria Patera, anche regista e autrice dello spettacolo.

Tesse la trama suggestiva e originalissima di questo recital marino, la musica del vivo di Mario Crispi, noto musicista per la sua attività con il gruppo Agricantus, e da una valigia magica estrae conchiglie, gusci, antichi strumenti della tradizione mediterranea e poi anche passaggi al sintetizzatore e di nuovo la musica del vento riprodotta da insospettabili oggetti. Crispi porta a teatro   il suono del mare o del vento, dirigendoli come fossero un’orchestra ibrida per suonarci, cantarci o recitare.  Il teatro è questo, è il luogo dove perpetuare la poesia senza dimenticare la verità. Dunque necessità poetica e necessario tema di riflessione, la necessità di ripensare il Mediterraneo come centro dell’Europa attraverso una fantasmagoria di suoni e parole e immagini che si intrecciano confermando una linea di lavoro che ricerca la fusione dei generi e dei linguaggi come i suoni delle lingue e degli strumenti, i colori, i miti e le leggende si sono fusi nell’alveo d i questo Mare Nostrum.  

 Valeria Patera

 

6 agosto 2015 – h 21,0                                                                                              TEATRO GIARDINO

 

Cerimonia di consegna

PREMIO ANNIBALE RUCCELLO

XII EDIZIONE

 

all’attrice

GIULIANA DE SIO

 

ALBO D’ORO

2002  Enzo Moscato

2003  Isa Danieli

2004  Fausto Paravidino

2005  Fausto Russo Alesi

2006  Compagnia Elicantropo

2010  Michele De Lucia, Sindaco di Positano, per aver ridato vita al Festival

2011  Spiro Scimone

2012  Peppino Mazzotta

2013  Leopoldo Mastelloni (alla carriera)

2014   Enzo Vetrano e Stefano Randisi

 

LA GIURIA del premio è composta dai seguenti giornalisti:

GIULIO BAFFI (La Repubblica) MORENO CERQUETELLI (TG3)  STEFANO DE STEFANO (Corriere del Mezzogiorno) TITTA FIORE (Il Mattino)  DIEGO PAURA (Roma) 

 

ANCHE QUEST’ANNO IL PREMIO ANNIBALE RUCCELLO CONSISTE IN UN’OPERA IDEATA E REALIZZATA DAL MAESTRO RICCARDO DALISI

                                                                                                                                                                                                                                                                               

“Teatrino” di Riccardo Dalisi

 

“Disegnare la maschera esplorando i suoi tantissimi modi, a partire da quelli che conosciamo e facendone scaturire altri da noi stessi, è un’occasione di ricerca. In tutto ciò si nasconde un arricchimento della sensazione di noi stessi, del sentimento dell’io per proiettarci e riproiettarci nella dinamica della vita. È più che un pensiero, è fonte di pensieri e di sensi uniti insieme che viaggiano velocissimi e s’irradiano dentro e intorno a noi”.

 

Biografia di RICCARDO DALISI

Nato a Potenza il primo maggio del 1931, ha ricoperto la cattedra di Progettazione presso la facoltà di Architettura di Napoli. Presso la stessa facoltà è stato direttore della Scuola di Specializzazione in Disegno Industriale.

Negli anni settanta, assieme a Ettore Sottsass, Alessandro Mendini, Andrea Branzi e altri, è stato tra i fondatori della Global Tools, contro-scuola di architettura e design che riuniva tutti i gruppi e le persone che in Italia coprivano l'area più avanzata della cosiddetta “architettura radicale”. Da sempre impegnato nel sociale (resta fondamentale l’esperienza del lavoro di quartiere con i bambini del Rione Traiano, con gli anziani della Casa del Popolo di Ponticelli e, negli ultimi anni, l’impegno con i giovani del Rione Sanità di Napoli e di Scampia), ha unito ricerca e didattica nel campo dell’architettura e del design accostandosi sempre più all’espressione artistica come via regia della sua vita.

Nel 1981 ha vinto il premio Compasso d’Oro per la ricerca sulla caffettiera napoletana. Negli ultimi trent’anni si è dedicato intensamente alla creazione di un rapporto sempre più  articolato e fecondo tra la ricerca universitaria, l’architettura e il design, la scultura e la pittura, l’arte e l’artigianato, mantenendo al centro la finalità di uno sviluppo umano attraverso il dialogo e il potenziale di creatività che ne sprigiona. Nel 2009, dopo una lunga ricerca preparativa, ha promosso la prima edizione del “Premio Compasso di latta”, iniziativa per una nuova ricerca nel campo del design nel segno del sostegno umano, della ecocompatibilità e della decrescita. Nel 2012 il suo libro Acqua dueO ha vinto il Winner of Green Dot Awards di Los Angeles per la sostenibilità ambientale.

Diverse mostre dedicate alla sua attività di architetto, di designer, di scultore e di pittore sono state allestite in Italia e all’estero. Tra queste citiamo: la Biennale di Venezia, la Triennale di Milano, il MoMA di New York, la Biennale di Chicago, il Museo del Design di Denver, il Museo di Copenaghen, il Museo di Arte Contemporanea di Salonicco, Palazzo Reale di Napoli, la Galleria Lucio Amelio di Napoli, la Fondazione Cartier di Parigi, il Museo delle Arti Decorative di Montreal, il Tabak Museum di Vienna, il Museo Zitadelle Spandau di Berlino, Castel dell’Ovo a Napoli, la Reggia di Caserta.

 

 

6 agosto 2015 – a seguire h 21,30                                                                           TEATRO GIARDINO

 

CRASC-teatrodiricerca in collaborazione con ArtgarageTeatro

FRANCISCHIELLO – Un Amleto re di Napoli

Uno studio shakespeariano di e con  CARMINE BORRINO 

con musiche di  LINO CANNAVACCIUOLO

Disegno audio Fiore Carpentieri

Assistente alla regia Laura Angulo Diaz

Direttore tecnico Stefano Scotto Di Luzio

Assistente produzione Fabrizio Vezzi

Organizzazione Veronica Grossi

Foto di scena Pina Testa

 

Uno studio che parte dall’ approfondita ricerca sulla figura di Francesco II di Borbone e approda alla sovrapposizione “spettrale” col giovane principe di Danimarca. I rapporti drammaturgici dell’Amleto di Shakespeare che si fanno pre-testo per raccontare, combaciando alla perfezione, con ciò che accadeva alla corte di Napoli nell’estate del 1860.  L’assoluta fede cristiana  di Francesco II,  che lo rende sicuramente gran conoscitore di S. Agostino, tra i primi cristiani a parlare di essere e non essere; il tradimento subìto da un “cousin” ( cugino); l’esitante azione – reazione al tradimento e alla vendetta; il rapporto giovane-re col padre defunto ricordato e riconosciuto come gradissimo sovrano; l’ambiguo rapporto d’amore e devozione tra  Francesco II e Maria Sofia, come Amleto e la giovane Ofelia; l’attesa del condottiero generale Garibaldi, come l’attesa del giovane Fortebraccio: il suo arrivo, la sua delusione, i morti, la morte  e la calunnia, la deposizione illegittima di un re, l’inganno; la finta follia del giovane principe di Danimarca come la probabile finta “scemità” dell’ultimo sovrano di Napoli;  l’incarico a un ennesimo Orazio di raccontare  la vera storia; Il 14 febbraio, giorno di S. Valentino, cantato dalla disperazione  di Ofelia  e ultimo giorno del regno delle due Sicilie;  atto I scena prima:  Piazzola davanti al Castello di Elsinore. Notte fonda. FRANCESCO è al suo posto di guardia…

Un’intuizione che si fa studio, una ricerca che sperimenta l’efficacia, l’efficacia che si con-forma, la forma che diventa performance.

 

7 agosto 2015 – h 21,30                                                                                            TEATRO GIARDINO

 

Rossosimona

Milvia Marigliano

OMBRETTA CALCO

di Sergio Pierattini

Scene Roberto Crea

Costumi Rita Zangari

Regia Peppino Mazzotta

 

Chi è Ombretta Calco? perché si è seduta su una panchina in una giornata torrida di luglio, a pochi passi dal portone di casa sua? Perché deve ripercorrere gli eventi sensibili della sua vita scavando ossessivamente nei suoi ricordi? E perché deve ingaggiare, sotto il sole cocente, un duello con se stessa come se fosse una resa dei conti? Ombretta sta facendo un viaggio. Il viaggio più importante della sua vita. Un viaggio fuori dai vivono i posti dal tempo e dallo spazio. Mentre procede senza soluzione di continuità, nel passare in rassegna i momenti più significativi della sua esistenza, ne comprende il senso. Riemergono dalla sua anima dettagli, accenti, colori, che riempiono i vuoti e danno nuova luce al quadro complessivo di una vita vissuta con sincera ingenuità, senza risparmi. Fallimenti, dolori, frustrazioni, debolezze, illusioni, tenerezze, slanci incoscienti verso un futuro che sarà sicuramente migliore, desideri legittimi di una vita normale, inclusa in affetti confortanti e routine rassicuranti.

Alla fine del viaggio come premio per questa ricostruzione meticolosa, buffa e straziante, c’è la risposta o la felicità. Una felicità non eclatante. Una felicità tragica, semplice, minima, discreta e necessaria.

Peppino Mazzotta

 

 

 

 

8 agosto 2015 – h 21,00                                                                                          TEATRO GIARDINO

 

Tappeto Volante

Gea Martire      Massimo Andrei

NON FARMI RIDERE SONO UNA DONNA TRAGICA

  • Studio sull’amore inutile

testo e regia Massimo Andrei

Musiche    Mater Sonora  

Costumi   Annalisa Ciaramella

Aiuto regia   Mario Vezza

 

Il filosofo Platone ha detto che l’amore è inutile, nun serve a niente.

L’amore è amore vero, si nun serve a niente. E così, come stato di grazia, rende liberi… 

L’amore platonico non è una soppressione dell’amore fisico, è guardare insieme verso lo stesso posto…

Silvana non è convinta. Silvana non capisce queste cose. Silvana nun vo’ capi’ niente! Vo’ n’ommo!

 

 

 

9  agosto 2015 – h 21,00                                                                               TEATRO GIARDINO

 

Ortensia T

LA VENERE DEI TERREMOTI

Di Manlio Santanelli

Il cimento amoroso di Luigino Impagliazzo e Fortuna Licenziati raccontato da Roberto Azzurro

Regia Roberto Azzurro

 

Dopo anni di frequentazioni con il teatro e la narrativa di Manlio Santanelli, Roberto Azzurro decide di portare in scena “La Venere dei terremoti”, sfida davvero audace, trattandosi di un lungo racconto nato per la pagina scritta, la cui storia, sottotitolata come Il cimento amoroso di Luigino Impagliazzo e Fortuna Licenziati, si svolge a Napoli, tra le impervie e suggestive strade di una città vivace e coinvolgente, così come suggestiva e allo stesso tempo coinvolgente è la scrittura che l’autore utilizza per questo racconto. Iperboli linguistiche da montagne russe, costruzioni sintattiche da fuochi d’artificio. Un racconto di parole spericolate, di acrobazie verbali, di atmosfere reali eppure oniriche. Di immagini di donne vagheggiate, di musiche e immagini familiari e sconosciute, accorate e pericolose. Un piccolo viaggio nella suggestione del racconto come forma di comunicazione, la più antica, la più contemporanea, la più rischiosa, la più seducente. Il racconto si snoderà attraverso la parola che si fa senso e suono e immagini verbali che a tratti ci lasceranno intravedere il protagonista della storia, il vivace eppur malinconico Luigino Impagliazzo,, proiettandoci quasi nella sua testa, nella sua immaginazione, a tu per tu con il turbolento circo colorato e un po’ folle che si scatena nella psiche di un piccolo uomo innamorato di una fin troppo bella “femmina”. Lo spettacolo si colloca nell’ambito della progettualità di Azzurro relativa alla parola scritta che diventa parlata, dunque alla letteratura che diventa teatro. L’incontro tra il Narratore e il protagonista della storia Luigi Impagliazzo avviene sotto gli occhi degli spettatori, mentre un caleidoscopio di immagini verbali, come fuoriuscite dalla psiche del protagonista, lo investono e lo rivestono di continuo.

 

10 agosto 2015 – h 21,00                                                                                          TEATRO GIARDINO

 

NEST – Napoli Est Teatro

LOVE BOMBING

testo e regia Giuseppe Miale Di Mauro

con Gennaro Di Colandrea, Giuseppe Gaudino, Stefano Jotti,

    Adriano Pantaleo, Giampiero Schiano, Andrea Vellotti

scenografia    Carmine Guarino  

light designer  Luigi Biondi

costumi   Giovanna Napolitano

 

In questi ultimi tempi leggo e sento parlare di Stato Islamico un po’ dappertutto, tant’è che ho approfondito l’argomento e ho partorito l’idea di scrivere per il teatro qualcosa che parlasse di tutto ciò. Mi sono domandato in che modo farlo e, come sempre, mi è venuto incontro il teatro. Ho immaginato che il mondo abbia fatto diventare il califfato molto più potente di quello che è ora, e che i Mujahideen stanno conquistando tutto sterminando chiunque non sia musulmano. Un nuovo genocidio, e come tale, non diverso da quelli passati. Tutto ormai appartiene ai militari jihadisti che conquistano, saccheggiano, uccidono. Un gruppo di cinque uomini, si ritrova a sfidare il destino nascondendosi in un bunker di fortuna e resiste provando a combattere quella che agli occhi dei protagonisti pare la fine del mondo. L’esercito è crollato, così come la Marina e l’Aeronautica. Il Papa pare sia stato decapitato in Piazza San Pietro. Le comunicazioni sono interrotte, le famiglie separate, il cibo scarseggia, così come i medicinali e i generi di prima necessità. Se non è la fine del mondo, poco ci manca. I cinque uomini resistono, si uniscono, si fanno forza, finché uno del gruppo riesce a catturare un Mujahideen e decide di portarlo nel bunker per torturalo e vendicarsi di tutto il male che stanno facendo. È questo l’episodio che scatenerà un acceso dibattito e porterà i cinque personaggi a scegliere tra quello che erano e quello che sono diventati. L’idea che ne viene fuori è che si sono formati due eserciti, uno dentro il bunker e uno fuori, non dissimili tra loro. D’altronde c’è chi sostiene che la guerra sia insita nell’essere umano, come la vita e la morte. La storia dei cinque superstiti al genocidio si chiude a sacco sulle vite individuali, ma ci sono sussulti in cui le singole esistenze spezzano la camicia di forza e inventano la propria libertà.

Giuseppe Miale di Mauro

 

 

11 agosto 2015 – h 21,00                                                                              TEATRO GIARDINO

 

 

IL TEATRO CHE VERRÀ

2 corti teatrali selezionati al Festival La Corte della Formica 2014

 

Blue Desk

MISE EN PLACE

di Daniele Amendola  e Pietro Pace

con  Pietro Pace                                         

aiuto regia Valentina Morini

foto di scena Giancarlo De Luca

regia  Daniele Amendola

 

Un uomo e la sua maschera, una delle tante.

Quella con la quale sopravvive. Quella che va sempre più stretta.

Un mestiere, ormai relegato alle esigenze di sopravvivenza, che conserva dei rituali forse ormai solo di forma, senza contenuto perché non interessa più a nessuno.

Si parla di cucina in tv e gli chef diventano star. I nomi dei ristoranti ricordano posti esotici

O rubano i nomi alla Storia, come piazza S. Marco per Guccini.

In mezzo a tutto questo c’è il cameriere, con il suo blocchetto a un tavolo e la sua mente chissà dove. Vende piatti che ormai si imparano su you tube.

Da bambino imitava Celentano,  da bambino viveva Palermo, e Roma era dall’altra parte dell’oceano.

 

Caravan Teatro

LAMINORE

di Giovanni Del Prete

con  Fracesca Iovine

scene e costumi Francesco Felaco

organizzazione Maria Teresa Monda

foto di scena Giancarlo De Luca

regia Giovanni Del Prete

 

La seconda. La figlia minore.

La sorella maggiore è bravissima in ogni cosa, supera la minore in qualsiasi attività, danza, sport, anche nell’amore dei genitori. Naturalmente questo provoca, irritazione, rancore, disperazione e scherno da parte della minore. Ma ad una lezione di piano, il maestro, per quanto brava sia, non può nascondere che il brano suonato dalla sorella maggiore è stato eseguito male. La sorella minore subito coglie l’occasione di primeggiare una volta nella vita in qualcosa, e decide che quel brano sarà la sua rivincita nei confronti della sorella. Il brano in questione è il valzer di Chopin n.19 Opera Postuma in La minore.

Nel volersi prendere una rivincita la sorella minore però mette in luce ben altre verità.

 

 

12 AGOSTO 2015 – H 21,00                                                                           TEATRO GIARDINO

 

Le Pecore Nere s.r.l.

Théâtre de Poche

 

LE DISAVVENTURE DI MR. ALONE

 di e con Sergio Di Paola

Scene Mauro Rea

Luci Arturo Scognamiglio

Regia Lucio Allocca

 

Mr Alone ha “cittadinanza di diritto” nel Teatro dell’Assurdo, teatro che racconta la realtà attraverso il paradosso. Troviamo il nostro protagonista come un sopravvissuto in un “Day After” … più dell’anima che del territorio. Alone si è salvato, perché ha conservato dentro di sé la semplicità, la fantasia, il desiderio di comunicare con gli altri, e lo fa attraverso il richiamo della musica, del gesto semplice, “fanciullesco”, con il linguaggio delle piccole cose, cercando contatto e comunicazione con altri eventuali “sopravvissuti”, nella speranza di formare la “Nuova Colonia” del domani, un domani dove l’amore, la solidarietà e la fantasia prevarranno sull’alienazione e sull’indifferenza. 

Questa performance è un modesto e sentito omaggio a Samuel Beckett.

Lucio Allocca

 

Al termine dello spettacolo

Cerimonia di consegna

PREMIO PISTRICE – CITTA’ DI POSITANO

III Edizione

all’attore e regista

LUCIO ALLOCCA

 

Albo d’oro

2013 Antonella Morea

2014 Mariano Rigillo