Positano, la campana e l’orticello di Giosuè Porpora

0

Positano, è uno dei ‘simboli’ del paese, della zona di ‘Punta Reginella’ in particolare, Giosuè Porpora, titolare del ristorante ‘Da Vincenzo’, locale storico a conduzione familiare fondato dal padre Vincenzo nel 1958, ed ora gestito da Giosuè con la moglie Marcella ed il figlio Vincenzo. In occasione di ogni festività religiosa a Positano, come è consuetudine la banda deve fare ‘ il giro di paese ‘ per annunciare la festa, una delle tappe obbligatorie è il ristorante ‘Da Vincenzo’ dove Giosuè accoglie i musicisti e gli accompagnatori con il rinfresco,  la sua verve e la sua campanella, con la quale accoglie gli avventori del suo locale con il suo richiamo caratteristico ‘viva le donne !’, ed ogni banda ‘deve’ ringraziare con almeno un paio di ‘pezzi’ di musica, naturalmente ‘diretti’ da Giosuè con annessa campanella. Nel tempo libero Giosuè si dedica a coltivare un piccolo orticello ricavato di fronte al suo ristorante, crescono pomodori e melanzane, ispirati si presume anche dalla campanella…allora ‘Viva le donne !’ e ‘Viva Giosuè !’.

Foto Giuseppe Di Martino

Positano, è uno dei 'simboli' del paese, della zona di 'Punta Reginella' in particolare, Giosuè Porpora, titolare del ristorante 'Da Vincenzo', locale storico a conduzione familiare fondato dal padre Vincenzo nel 1958, ed ora gestito da Giosuè con la moglie Marcella ed il figlio Vincenzo. In occasione di ogni festività religiosa a Positano, come è consuetudine la banda deve fare ' il giro di paese ' per annunciare la festa, una delle tappe obbligatorie è il ristorante 'Da Vincenzo' dove Giosuè accoglie i musicisti e gli accompagnatori con il rinfresco,  la sua verve e la sua campanella, con la quale accoglie gli avventori del suo locale con il suo richiamo caratteristico 'viva le donne !', ed ogni banda 'deve' ringraziare con almeno un paio di 'pezzi' di musica, naturalmente 'diretti' da Giosuè con annessa campanella. Nel tempo libero Giosuè si dedica a coltivare un piccolo orticello ricavato di fronte al suo ristorante, crescono pomodori e melanzane, ispirati si presume anche dalla campanella…allora 'Viva le donne !' e 'Viva Giosuè !'.

Foto Giuseppe Di Martino