Salerno addio a soli 45 anni alla giornalista Cristiana Matano

0

Aveva soltanto 45 anni la giornalista salernitana Cristiana Matano. Nove anni fa aveva già sconfitto un cancro al seno. Stavolta non è riuscita a resistere al nuovo assalto del male, questa volta al polmone. Se n’è andata combattendo con grande coraggio e dignità la malattia e accudendo finché ha potuto il marito, redattore de “Il Giornale di Sicilia”, Filippo Mulé, e la figlia ventenne Marta. Cristiana aveva cominciato la carriera a Salerno e si era trasferita successivamente a Palermo. “Esemplare e seria professionista, dotata di grande umanità e sensibilità, lascia un grande vuoto” il ricordo del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando che così l’ha voluta ricordare in quella città che aveva scelto ricordando sempre le sue origini salernitane. Laureata in lettere moderne si era trasferita diversi anni fa a Palermo lavorando prima per l’Agenzia di Stampa Italpress poi per il Giornale di Sicilia. Presidente dell’Unione Stampa Sportiva di Palermo, volto del Tgs, è entrata nelle case di tutti i siciliani non solo per la sua grande professionalità e competenza sportiva ma anche per l’impegno profuso nelle tante attività sociali. Prime fra tutte quelle per l’isola di Lampedusa che amava e difendeva quotidianamente fondando siti di informazione ed essendo sempre in prima fila nelle manifestazioni in sostegno. “La mia isola da aiutare, non da compatire” scriveva quando voleva raccontare questo splendido lembo di terra nel Mediterraneo. Cristiana era la sorella di Monica Matano, una delle firme più brillanti di Raisport e conduttrice di Sabato Sprint, la popolare trasmissione di Rai Due. Messaggio di cordoglio anche dal presidente del Palermo calcio, Maurizio Zamparini, e dalla società rosanero che “esprimono il proprio cordoglio per la scomparsa di Cristiana Matano, presidente dell’Ussi provinciale di Palermo”. “Il giornalismo siciliano – si legge in una nota – perde una professionista stimata da tutto l’ambiente per la correttezza, l’eleganza e l’impegno mostrati durante tutto l’arco della propria vita personale e lavorativa”. Cristiana Matano è stata ricordata durante la conferenza stampa di presentazione della 391/ma edizione del Festino di Santa Rosalia, nella sede della Curia a Palermo. A lei sarà dedicato il lavoro che gli operatori dell’informazione svolgeranno in questi giorni per raccontare la tradizionale festa della santa patrona di Palermo. I funerali saranno celebrati questa mattina alle ore 11 presso la chiesa di San Giuseppe dei Teatini, ai Quattro canti. Alla figlia Marta, alla sorella e nostra collega Monica, al professor Aldo e ad Antonia, i genitori di Cristiana, ai familiari, agli amici e ai colleghi in questo momento così difficile le condoglianze dei giornalisti del quotidiano “la Città”.(re. cro.). Tratto da La Città di Salerno La redazione di Positanonews si associa alle condoglianze per la grave perdita 

Aveva soltanto 45 anni la giornalista salernitana Cristiana Matano. Nove anni fa aveva già sconfitto un cancro al seno. Stavolta non è riuscita a resistere al nuovo assalto del male, questa volta al polmone. Se n'è andata combattendo con grande coraggio e dignità la malattia e accudendo finché ha potuto il marito, redattore de “Il Giornale di Sicilia”, Filippo Mulé, e la figlia ventenne Marta. Cristiana aveva cominciato la carriera a Salerno e si era trasferita successivamente a Palermo. "Esemplare e seria professionista, dotata di grande umanità e sensibilità, lascia un grande vuoto” il ricordo del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando che così l'ha voluta ricordare in quella città che aveva scelto ricordando sempre le sue origini salernitane. Laureata in lettere moderne si era trasferita diversi anni fa a Palermo lavorando prima per l’Agenzia di Stampa Italpress poi per il Giornale di Sicilia. Presidente dell'Unione Stampa Sportiva di Palermo, volto del Tgs, è entrata nelle case di tutti i siciliani non solo per la sua grande professionalità e competenza sportiva ma anche per l'impegno profuso nelle tante attività sociali. Prime fra tutte quelle per l'isola di Lampedusa che amava e difendeva quotidianamente fondando siti di informazione ed essendo sempre in prima fila nelle manifestazioni in sostegno. "La mia isola da aiutare, non da compatire" scriveva quando voleva raccontare questo splendido lembo di terra nel Mediterraneo. Cristiana era la sorella di Monica Matano, una delle firme più brillanti di Raisport e conduttrice di Sabato Sprint, la popolare trasmissione di Rai Due. Messaggio di cordoglio anche dal presidente del Palermo calcio, Maurizio Zamparini, e dalla società rosanero che "esprimono il proprio cordoglio per la scomparsa di Cristiana Matano, presidente dell'Ussi provinciale di Palermo". "Il giornalismo siciliano – si legge in una nota – perde una professionista stimata da tutto l'ambiente per la correttezza, l'eleganza e l'impegno mostrati durante tutto l'arco della propria vita personale e lavorativa". Cristiana Matano è stata ricordata durante la conferenza stampa di presentazione della 391/ma edizione del Festino di Santa Rosalia, nella sede della Curia a Palermo. A lei sarà dedicato il lavoro che gli operatori dell'informazione svolgeranno in questi giorni per raccontare la tradizionale festa della santa patrona di Palermo. I funerali saranno celebrati questa mattina alle ore 11 presso la chiesa di San Giuseppe dei Teatini, ai Quattro canti. Alla figlia Marta, alla sorella e nostra collega Monica, al professor Aldo e ad Antonia, i genitori di Cristiana, ai familiari, agli amici e ai colleghi in questo momento così difficile le condoglianze dei giornalisti del quotidiano “la Città”.(re. cro.). Tratto da La Città di Salerno La redazione di Positanonews si associa alle condoglianze per la grave perdita 

Lascia una risposta