MAMMA ILARIA STRONCATA DA UN MALE INCURABILE A 31 ANNI, AVEVA LOTTATO PER AMORE DEI SUOI FIGLI

0

06/07/2015 Ha lottato con coraggio, tanta dignità e sempre con il sorriso. Con tanta forza. Per quattro anni. Da quando aveva scoperto di essere malata. Non voleva mollare. Non voleva essere commiserata. Non voleva la pietà di nessuno. Oggi, domenica 5 luglio, se n’è andata, Ilaria Borean, una giovane mamma di Tarcento (Udine) che aveva solo 31 anni e per cui la famiglia era tutto. Se n’è andata all’ospedale di Udine, dove per lei è stato fatto il possibile. Se n’è andata stretta nell’abbraccio di sua madre, Paola, dei suoi bimbi, di 7 e 11 anni, di suo marito Luca, della suocera, del fratello più piccolo e di tutti gli amici che le sono stati accanto in questi anni in cui nulla è stato lasciato intentato, con cure non solo in Friuli ma anche fuori regione. In lutto tutta la comunità di Tarcento, dove, a suo favore, nella discrezione che aveva sempre chiesto, erano state organizzate tante iniziative benefiche, dai tornei di calcio alle serate musicali.
(fonte Il Mattino)06/07/2015 Ha lottato con coraggio, tanta dignità e sempre con il sorriso. Con tanta forza. Per quattro anni. Da quando aveva scoperto di essere malata. Non voleva mollare. Non voleva essere commiserata. Non voleva la pietà di nessuno. Oggi, domenica 5 luglio, se n’è andata, Ilaria Borean, una giovane mamma di Tarcento (Udine) che aveva solo 31 anni e per cui la famiglia era tutto. Se n’è andata all’ospedale di Udine, dove per lei è stato fatto il possibile. Se n’è andata stretta nell’abbraccio di sua madre, Paola, dei suoi bimbi, di 7 e 11 anni, di suo marito Luca, della suocera, del fratello più piccolo e di tutti gli amici che le sono stati accanto in questi anni in cui nulla è stato lasciato intentato, con cure non solo in Friuli ma anche fuori regione. In lutto tutta la comunità di Tarcento, dove, a suo favore, nella discrezione che aveva sempre chiesto, erano state organizzate tante iniziative benefiche, dai tornei di calcio alle serate musicali.
(fonte Il Mattino)