Angri presentata la Giunta del sindaco Cosimo Ferraioli

0

ANGRI Il sindaco Cosimo Ferraioli ieri ha presentato il suo esecutivo. La giunta comunale risulta composta da sei assessori, di cui quattro uomini e due donne. Quasi tutti hanno avuto già esperienze politiche e amministrative. Il vicesindaco è Giuseppe D’Ambrosio, candidato sindaco al primo turno, a cui sono state affidate le deleghe alle politiche sociali e alla cultura. Invece le deleghe all’urbanistica, alla manutenzione e al Suap sono state affidate all’assessore Pasquale Russo. Le deleghe alla pubblica istruzione, al turismo e allo spettacolo sono state assegnate a Caterina Barba. Inoltre, le deleghe all’ambiente e all’agricoltura all’assessore Mariarosaria De Clemente. Poi, le deleghe al bilancio, alla programmazione economica e al patrimonio all’assessore Giovanni Padovano, già consigliere comunale nonché candidato sindaco. E ancora, le deleghe al personale, servizi cimiteriali e sport all’assessore Danilo Avagnano, già consigliere comunale. «Sono molto soddisfatto della mia squadra di governo -ha dichiarato Ferraioli- si tratta di una giunta politica con qualche elemento di competenza tecnica. E in particolare competenze specifiche nel settore della programmazione economica perché è un settore particolarmente delicato nel quale c’è bisogno di prendere decisioni non solo importanti ma anche drastiche. Deterrò la delega ai lavori pubblici. Non posso dire con certezza adesso se ci saranno nuovi ingressi o avvicendamenti nella mia giunta, perché questo elemento non dipende solo dalla volontà del sindaco ma dalle condizioni in cui si troveranno i vari assessori rispetto ai propri settori ed ambiti di competenze». Un’indiscrezione che non ha trovato conferma è quella relativa al settimo assessore espressione di Fratelli d’Italia, ovvero Maria D’Aniello. In molti hanno ipotizzato un divorzio addirittura prima del matrimonio. Sul punto però Ferraioli è chiaro: «L’unica cosa che mi risulta è che D’Ambrosio è rappresentativo della sua intera coalizione. Quindi si tratta di un falso problema» Intanto già per la fine della settimana prossima potrebbe essere fissata la cerimonia di proclamazione degli eletti al consiglio comunale. Domani, inoltre, potrebbe già essere convocata la nuova giunta. di Maria Paola Iovino  La Citta Salerno

ANGRI Il sindaco Cosimo Ferraioli ieri ha presentato il suo esecutivo. La giunta comunale risulta composta da sei assessori, di cui quattro uomini e due donne. Quasi tutti hanno avuto già esperienze politiche e amministrative. Il vicesindaco è Giuseppe D’Ambrosio, candidato sindaco al primo turno, a cui sono state affidate le deleghe alle politiche sociali e alla cultura. Invece le deleghe all’urbanistica, alla manutenzione e al Suap sono state affidate all’assessore Pasquale Russo. Le deleghe alla pubblica istruzione, al turismo e allo spettacolo sono state assegnate a Caterina Barba. Inoltre, le deleghe all’ambiente e all’agricoltura all’assessore Mariarosaria De Clemente. Poi, le deleghe al bilancio, alla programmazione economica e al patrimonio all’assessore Giovanni Padovano, già consigliere comunale nonché candidato sindaco. E ancora, le deleghe al personale, servizi cimiteriali e sport all’assessore Danilo Avagnano, già consigliere comunale. «Sono molto soddisfatto della mia squadra di governo -ha dichiarato Ferraioli- si tratta di una giunta politica con qualche elemento di competenza tecnica. E in particolare competenze specifiche nel settore della programmazione economica perché è un settore particolarmente delicato nel quale c’è bisogno di prendere decisioni non solo importanti ma anche drastiche. Deterrò la delega ai lavori pubblici. Non posso dire con certezza adesso se ci saranno nuovi ingressi o avvicendamenti nella mia giunta, perché questo elemento non dipende solo dalla volontà del sindaco ma dalle condizioni in cui si troveranno i vari assessori rispetto ai propri settori ed ambiti di competenze». Un’indiscrezione che non ha trovato conferma è quella relativa al settimo assessore espressione di Fratelli d’Italia, ovvero Maria D’Aniello. In molti hanno ipotizzato un divorzio addirittura prima del matrimonio. Sul punto però Ferraioli è chiaro: «L’unica cosa che mi risulta è che D’Ambrosio è rappresentativo della sua intera coalizione. Quindi si tratta di un falso problema» Intanto già per la fine della settimana prossima potrebbe essere fissata la cerimonia di proclamazione degli eletti al consiglio comunale. Domani, inoltre, potrebbe già essere convocata la nuova giunta. di Maria Paola Iovino  La Citta Salerno