SALERNITANA: grandi festeggiamenti a Vietri. Lotito dice ai tifosi…

0

Che Salerno fosse una piazza calda, passionale e con tanta voglia di far bene era noto a tutti. Ma chi l’avrebbe mai detto che, due mesi dopo la matematica promozione, ci fosse ancora qualcuno con la voglia di festeggiare? A Vietri Sul Mare, ad esempio, ieri sera c’è stato un vero e proprio bagno di folla. Erano presenti il presidente della Salernitana Claudio Lotito con la moglie Cristina ed il figlio Enrico, il co-patron Marco Mezzaroma, il direttore sportivo Angelo Fabiani e il team manager Sasà Avallone. Assenza giustificata quella di mister Vincenzo Torrente, che in Costiera ci è nato e cresciuto, già visibilmente provato alla fine della conferenza stampa. Circa seicento anime hanno infiammato piazza Amendola, a ritmo di cori e di… richieste. “Claudì tecum nos Veronam duc”, ovvero “Claudio portaci a Verona”. Era scritto su uno striscione che ha fatto capolino alla festa, ribadendo un vero e proprio desiderio che la proprietà già conosce, poiché i tifosi sono soliti cantare questo coro allo stadio. In italiano, chiaramente. Nel corso dei festeggiamenti, alla famiglia Lotito, è stato donato uno stupendo cavalluccio granata in ceramica. Il presidente ha poi parlato ai tifosi, rassicurandoli sulla composizione della rosa, che farà togliere parecchie soddisfazioni a tutti, e promettendo di non far scivolare mai più la Salernitana in categorie che non le competono. La Costiera è da sempre un feudo della tifoseria granata, questa festa lo dimostra. Come dimostra che in piazze come Salerno, la voglia di festeggiare sembra non finire mai.
fonte tuttosalernitana.com
articolo inserito dal salernitana club costiera amalfitanaChe Salerno fosse una piazza calda, passionale e con tanta voglia di far bene era noto a tutti. Ma chi l’avrebbe mai detto che, due mesi dopo la matematica promozione, ci fosse ancora qualcuno con la voglia di festeggiare? A Vietri Sul Mare, ad esempio, ieri sera c’è stato un vero e proprio bagno di folla. Erano presenti il presidente della Salernitana Claudio Lotito con la moglie Cristina ed il figlio Enrico, il co-patron Marco Mezzaroma, il direttore sportivo Angelo Fabiani e il team manager Sasà Avallone. Assenza giustificata quella di mister Vincenzo Torrente, che in Costiera ci è nato e cresciuto, già visibilmente provato alla fine della conferenza stampa. Circa seicento anime hanno infiammato piazza Amendola, a ritmo di cori e di… richieste. “Claudì tecum nos Veronam duc”, ovvero “Claudio portaci a Verona”. Era scritto su uno striscione che ha fatto capolino alla festa, ribadendo un vero e proprio desiderio che la proprietà già conosce, poiché i tifosi sono soliti cantare questo coro allo stadio. In italiano, chiaramente. Nel corso dei festeggiamenti, alla famiglia Lotito, è stato donato uno stupendo cavalluccio granata in ceramica. Il presidente ha poi parlato ai tifosi, rassicurandoli sulla composizione della rosa, che farà togliere parecchie soddisfazioni a tutti, e promettendo di non far scivolare mai più la Salernitana in categorie che non le competono. La Costiera è da sempre un feudo della tifoseria granata, questa festa lo dimostra. Come dimostra che in piazze come Salerno, la voglia di festeggiare sembra non finire mai.
fonte tuttosalernitana.com
articolo inserito dal salernitana club costiera amalfitana