Positano camion contro senso ai Mulini sotto lo sguardo stupito dei turisti. Le betoniere ci saranno fino a luglio. NOTA

0

Abbiamo integrato l’articolo con una nota di riflessione, Positano camion contro senso ai Mulini sotto lo sguardo stupito dei turisti . Si tratta sempre dei lavori al depuratore, ma questa volta il movimento è stato organizzato meglio. Vogliamo aggiungere una chiosa, molti hanno criticato quel nostro dire “Il movimento è stato organizzato meglio”, facevamo riferimento al disastro precedente con un’ambulanza bloccata, ma comunque la cosa non ci piace e crea disagi enormi per il paese.

Il traffico è stato bloccato per pemettere la discesa controsenso degli automezzi che si dovevano dirigere al cantiere sopra il depuratore. La scelta dell’orario è ampiamente criticabile per molti motivi : – impossibilità ai mezzi di soccorso di effettuare emergenze, – blocco totale del paese e circolazione di mezzi pesanti in orari di affollamento con consegnenze per tutte le attività, pericolosità di far transitare mezzi cosi grandi in una strada piccola e affollata nelle ore di punta

Non si capisce perchè non viene dato un avviso preventivo ai cittadini tramite la stampa, per esempio Positanonews lo diffonderebbe sul web e sui social, ne perchè non si possa fare questo tipo di intervento di notte. Secondo un’operaio che abbiamo sentito gli alberghi si lamenterebbero per gli interventi la notte,  il rischio che si crei un casino con conseguenze gravi, come l’ambulanza bloccata (di notte sarebbe più facile gestire una cosa del genere, ndr), viene messo in secondo piano.

Chi deve gestire la cosa fa quello che può, certo il disagio è enorme. Secondo noi per una volta alla settimana si può fare il lavoro di notte, si avvisano anche i turisti del disagio dovuto non per colpa dell’albergo, ci si organizza con la Croce Rossa che non avendo traffico si può muovere meglio, si limitano i disagi per tutti e si accellerano anche i lavori perchè le manovre di giorno sono lunghe e stressanti, di notte sarebbero brevi. 

Possiamo fare questa tarantella fino a luglio cosi? 

 Foto Giuseppe Di Martino

Abbiamo integrato l'articolo con una nota di riflessione, Positano camion contro senso ai Mulini sotto lo sguardo stupito dei turisti . Si tratta sempre dei lavori al depuratore, ma questa volta il movimento è stato organizzato meglio. Vogliamo aggiungere una chiosa, molti hanno criticato quel nostro dire "Il movimento è stato organizzato meglio", facevamo riferimento al disastro precedente con un'ambulanza bloccata, ma comunque la cosa non ci piace e crea disagi enormi per il paese.

Il traffico è stato bloccato per pemettere la discesa controsenso degli automezzi che si dovevano dirigere al cantiere sopra il depuratore. La scelta dell'orario è ampiamente criticabile per molti motivi : – impossibilità ai mezzi di soccorso di effettuare emergenze, – blocco totale del paese e circolazione di mezzi pesanti in orari di affollamento con consegnenze per tutte le attività, pericolosità di far transitare mezzi cosi grandi in una strada piccola e affollata nelle ore di punta

Non si capisce perchè non viene dato un avviso preventivo ai cittadini tramite la stampa, per esempio Positanonews lo diffonderebbe sul web e sui social, ne perchè non si possa fare questo tipo di intervento di notte. Secondo un'operaio che abbiamo sentito gli alberghi si lamenterebbero per gli interventi la notte,  il rischio che si crei un casino con conseguenze gravi, come l'ambulanza bloccata (di notte sarebbe più facile gestire una cosa del genere, ndr), viene messo in secondo piano.

Chi deve gestire la cosa fa quello che può, certo il disagio è enorme. Secondo noi per una volta alla settimana si può fare il lavoro di notte, si avvisano anche i turisti del disagio dovuto non per colpa dell'albergo, ci si organizza con la Croce Rossa che non avendo traffico si può muovere meglio, si limitano i disagi per tutti e si accellerano anche i lavori perchè le manovre di giorno sono lunghe e stressanti, di notte sarebbero brevi. 

Possiamo fare questa tarantella fino a luglio cosi? 

 Foto Giuseppe Di Martino