Agerola Benedetto Chiariello il giovane morto sul belvedere dedicato a Coppi voleva evitare incendio

0

Benedetto Chiariello il giovane morto ad Agerola sul Belvedere che da sulla Costiera amalfitana , da dove è precipitato per liberare una lanterna cinese , che aveva lanciato per amore della fidanzata, dall’albero dove si era impigliata, voleva anche evitare che prendesse fuoco l’albero. Un giovane molto amato, padre operaio e volontario della Charitas, Benedetto  amava le moto, la natura, andare a caccia, viaggiare e vivere fino in fondo le emozioni di una vita piena di amici, e di promesse: dal 5 settembre del 2005 lavorava come perito industriale nel Centro ricerche Elasis della Fiat di Pomigliano d’Arco, dove era anche impegnato in un team per un progetto innovativo (Ngom: Next Generation Order Manager) che lo portava spesso all’estero, anche negli Stati Uniti. Stava spesso in costa d’ Amalfi posto che amava dove ha portato la fidanzata per dichiararle il suo amore.

Benedetto Chiariello il giovane morto ad Agerola sul Belvedere che da sulla Costiera amalfitana , da dove è precipitato per liberare una lanterna cinese , che aveva lanciato per amore della fidanzata, dall'albero dove si era impigliata, voleva anche evitare che prendesse fuoco l'albero. Un giovane molto amato, padre operaio e volontario della Charitas, Benedetto  amava le moto, la natura, andare a caccia, viaggiare e vivere fino in fondo le emozioni di una vita piena di amici, e di promesse: dal 5 settembre del 2005 lavorava come perito industriale nel Centro ricerche Elasis della Fiat di Pomigliano d’Arco, dove era anche impegnato in un team per un progetto innovativo (Ngom: Next Generation Order Manager) che lo portava spesso all’estero, anche negli Stati Uniti. Stava spesso in costa d' Amalfi posto che amava dove ha portato la fidanzata per dichiararle il suo amore.