CAMPANIA TASSI ALTI DE LUCA … #LOSP

0

Cari ragazzi, chiaritevi con Alfano”. Così Vincenzo De Luca, a Napoli, con ironia ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano un commento in merito alle dichiarazioni fatte ieri alla Camera dal ministro dell’Interno Angelino Alfano sulla legge Severino. Aveva già scherzato, poco prima, durante il discorso per l’inaugurazione dell’evento Expandere, incontrarsi per crescere”, organizzata alla Camera di Commercio: “Qui ci sono due figure di professioni che mi interessano molto banchieri e avvocati: per questi ultimi sono uno dei migliori clienti in Italia”. Poi tornando serio: “L’iniziativa di oggi – ha sottolineato – del mondo bancario e del mondo dei confidi è un segno di speranza, di nuovo dinamismo e nuova fiducia nel futuro. La Campania è la prima regione d’Italia nel mondo dei mutui relativi all’acquisto di abitazioni. Mi pare anche questo un bel segnale di fiducia nel futuro”. Idee chiare dunque per il futuro della Campania, con obiettivo di ‘sburocratizzare le procedure per artigiani, commercianti e imprenditori: “Questa è la mia prima uscita ufficiale – ha affermato durante il suo discorso per il lancio di ‘Expandere’ – Oggi sono qui per dare un segnale alle piccole e medie imprese, a volte anche piccolissime, che rappresentano una ricchezza di questa regione. Noi in Campania – ha spiegato De Luca – abbiamo avuto un doppio problema, al quello generale della rarefazione del credito, si è aggiunta una situazione che rappresenta una palla di piombo, al piede degli investitori e cioè tassi di interesse che sono, in qualche caso, doppi rispetto a quelli rispetto a quelli praticati al Centronord dal sistema bancario. Noi immaginiamo intanto di dare respiro al sistema dei confidi, qui dove ci sono stati ritardi di anni e pensiamo di ricostituire un fondo di garanzia per i confidi anche molto rilevante in maniera tale da dare respiro ad una forma di credito a piccole e medie imprese, che rappresentano un polmone importante per l’occupazione”. Per De Luca dovrà essere necessario: “recuperare credo una credibilita’ del territorio e delle istituzioni, perche’ questo rende piu’ credibile ad appetibile un investimento nell’area campana. Le cose che scoraggiano gli imprenditori in Campania e’ il livello di burocratismo, i tempi eterni per una decisione e anche il differenziale dei tassi d’interesse che scontano quelli che investono da noi. Poi vi sono altri problemi collaterali a cominciare dal tema della sicurezza che andra’ garantita a chi viene ad investire ma sono problemi alla nostra portata”Cari ragazzi, chiaritevi con Alfano”. Così Vincenzo De Luca, a Napoli, con ironia ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano un commento in merito alle dichiarazioni fatte ieri alla Camera dal ministro dell’Interno Angelino Alfano sulla legge Severino. Aveva già scherzato, poco prima, durante il discorso per l’inaugurazione dell’evento Expandere, incontrarsi per crescere”, organizzata alla Camera di Commercio: “Qui ci sono due figure di professioni che mi interessano molto banchieri e avvocati: per questi ultimi sono uno dei migliori clienti in Italia”. Poi tornando serio: “L’iniziativa di oggi – ha sottolineato – del mondo bancario e del mondo dei confidi è un segno di speranza, di nuovo dinamismo e nuova fiducia nel futuro. La Campania è la prima regione d’Italia nel mondo dei mutui relativi all’acquisto di abitazioni. Mi pare anche questo un bel segnale di fiducia nel futuro”. Idee chiare dunque per il futuro della Campania, con obiettivo di ‘sburocratizzare le procedure per artigiani, commercianti e imprenditori: “Questa è la mia prima uscita ufficiale – ha affermato durante il suo discorso per il lancio di ‘Expandere’ – Oggi sono qui per dare un segnale alle piccole e medie imprese, a volte anche piccolissime, che rappresentano una ricchezza di questa regione. Noi in Campania – ha spiegato De Luca – abbiamo avuto un doppio problema, al quello generale della rarefazione del credito, si è aggiunta una situazione che rappresenta una palla di piombo, al piede degli investitori e cioè tassi di interesse che sono, in qualche caso, doppi rispetto a quelli rispetto a quelli praticati al Centronord dal sistema bancario. Noi immaginiamo intanto di dare respiro al sistema dei confidi, qui dove ci sono stati ritardi di anni e pensiamo di ricostituire un fondo di garanzia per i confidi anche molto rilevante in maniera tale da dare respiro ad una forma di credito a piccole e medie imprese, che rappresentano un polmone importante per l’occupazione”. Per De Luca dovrà essere necessario: “recuperare credo una credibilita’ del territorio e delle istituzioni, perche’ questo rende piu’ credibile ad appetibile un investimento nell’area campana. Le cose che scoraggiano gli imprenditori in Campania e’ il livello di burocratismo, i tempi eterni per una decisione e anche il differenziale dei tassi d’interesse che scontano quelli che investono da noi. Poi vi sono altri problemi collaterali a cominciare dal tema della sicurezza che andra’ garantita a chi viene ad investire ma sono problemi alla nostra portata”