Meta. Traffico, piano contro l’invasione di bagnanti. Percorsi pedonali, parcheggi e divieti di sosta

0

Meta. Un percorso pedonale dal piazzale della stazione della Circumvesuviana fino alle spiagge, divieto di sosta lungo le strade del centro e parcheggio a pagamento abolito: ecco le principali misure del piano-traffico appena varato dal Comune per far fronte all’«invasione» di bagnanti nei fine settimana estivi. D’intesa con il sindaco Giuseppe Tito, il comandante della polizia municipale Rocco Borrelli ha firmato l’ordinanza che sarà efficace nelle domeniche di giugno, luglio e agosto dalle 9 del mattino a mezzogiorno e in tutte le altre circostanze in cui dovesse rivelarsi necessario. Per prima cosa i bagnanti che raggiungono Meta a bordo dei treni della Circumvesuviana saranno incolonnati in un percorso pedonale delimitato da nastro e transenne: in questo modo, nelle intenzioni del Comune, i vacanzieri percorreranno ordinatamente il tratto di strada che dalla stazione conduce alla Marina di Meta, alla Conca e alla spiaggia di Alimuri. L’ordinanza rivoluziona anche il traffico e la sosta nel centro di Meta. Ogni domenica dalle 9 a mezzogiorno non si potrà parcheggiare lungo via del Salvatore a partire dall’incrocio con via Guglielmo Marconi e, proseguendo in direzione delle spiagge, lungo via Cristoforo Colombo e via Angelo Cosenza fino alla svolta per via Rivolo. Di conseguenza, strisce blu off-limits su questi tratti di strada: per gli automobilisti non ci sarà alcuna possibilità di parcheggio a pagamento. Ma non finisce qui. Il traffico proveniente da piazza del Lauro e diretto nella parte bassa di Meta sarà deviato verso il centro storico. In altre parole, all’altezza dell’incrocio tra via Guglielmo Marconi e via del Salvatore, gli automobilisti e i centauri diretti al mare saranno costretti a svoltare verso via Municipio e quindi ad attraversare la zona del Casale, del Trivio e di piazza Scarpati prima di giungere a destinazione. A ogni modo, transito veicolare e corridoio pedonale per i bagnanti potranno essere modificati dalla polizia municipale a seconda delle esigenze che di volta in volta si presenteranno. E saranno proprio i vigili urbani, supportati dalle altre forze dell’ordine, a garantire l’osservanza del nuovo piano-traffico per l’estate. Queste le misure varate dal Comune per far fronte all’imponente afflusso di bagnanti dell’hinterland napoletano, vesuviano e stabiese che quotidianamente affollano le spiagge di Meta: un’autentica invasione che soprattutto negli ultimi anni ha creato numerosi problemi a livello di ordine pubblico e di sicurezza della circolazione stradale. «L’obiettivo è proprio evitare che nel centro del paese scoppi il caos – fanno sapere dal Comune – Non possiamo permettere che i bagnanti molesti compromettano l’ordine e la vivibilità di Meta». Anche l’anno scorso il Comune aveva varato un piano-traffico simile. Il provvedimento aveva provocato i malumori di molti residenti del centro. Alcuni erano stati privati della possibilità di parcheggiare nelle strisce blu soprattutto lungo il primo tratto di via Angelo Cosenza. Altri, invece, erano stati costretti ad affrontare interminabili code in auto e in motorino per attraversare le stradine di Meta e raggiungere gli altri centri della penisola sorrentina. Ora la prospettiva di un’altra estate di “passione” manda su tutte le furie molti metesi. «In un modo o nell’altro i bagnanti provocano sempre confusione – attaccano alcuni residenti – Durante l’estate siamo destinati a rimanere ostaggio o del traffico o dei vacanzieri incivili: una situazione inaccettabile». (Ciriaco M. Viggiano – Il Mattino) 

Meta. Un percorso pedonale dal piazzale della stazione della Circumvesuviana fino alle spiagge, divieto di sosta lungo le strade del centro e parcheggio a pagamento abolito: ecco le principali misure del piano-traffico appena varato dal Comune per far fronte all’«invasione» di bagnanti nei fine settimana estivi. D’intesa con il sindaco Giuseppe Tito, il comandante della polizia municipale Rocco Borrelli ha firmato l’ordinanza che sarà efficace nelle domeniche di giugno, luglio e agosto dalle 9 del mattino a mezzogiorno e in tutte le altre circostanze in cui dovesse rivelarsi necessario. Per prima cosa i bagnanti che raggiungono Meta a bordo dei treni della Circumvesuviana saranno incolonnati in un percorso pedonale delimitato da nastro e transenne: in questo modo, nelle intenzioni del Comune, i vacanzieri percorreranno ordinatamente il tratto di strada che dalla stazione conduce alla Marina di Meta, alla Conca e alla spiaggia di Alimuri. L’ordinanza rivoluziona anche il traffico e la sosta nel centro di Meta. Ogni domenica dalle 9 a mezzogiorno non si potrà parcheggiare lungo via del Salvatore a partire dall’incrocio con via Guglielmo Marconi e, proseguendo in direzione delle spiagge, lungo via Cristoforo Colombo e via Angelo Cosenza fino alla svolta per via Rivolo. Di conseguenza, strisce blu off-limits su questi tratti di strada: per gli automobilisti non ci sarà alcuna possibilità di parcheggio a pagamento. Ma non finisce qui. Il traffico proveniente da piazza del Lauro e diretto nella parte bassa di Meta sarà deviato verso il centro storico. In altre parole, all’altezza dell’incrocio tra via Guglielmo Marconi e via del Salvatore, gli automobilisti e i centauri diretti al mare saranno costretti a svoltare verso via Municipio e quindi ad attraversare la zona del Casale, del Trivio e di piazza Scarpati prima di giungere a destinazione. A ogni modo, transito veicolare e corridoio pedonale per i bagnanti potranno essere modificati dalla polizia municipale a seconda delle esigenze che di volta in volta si presenteranno. E saranno proprio i vigili urbani, supportati dalle altre forze dell’ordine, a garantire l’osservanza del nuovo piano-traffico per l’estate. Queste le misure varate dal Comune per far fronte all’imponente afflusso di bagnanti dell’hinterland napoletano, vesuviano e stabiese che quotidianamente affollano le spiagge di Meta: un’autentica invasione che soprattutto negli ultimi anni ha creato numerosi problemi a livello di ordine pubblico e di sicurezza della circolazione stradale. «L’obiettivo è proprio evitare che nel centro del paese scoppi il caos – fanno sapere dal Comune – Non possiamo permettere che i bagnanti molesti compromettano l’ordine e la vivibilità di Meta». Anche l’anno scorso il Comune aveva varato un piano-traffico simile. Il provvedimento aveva provocato i malumori di molti residenti del centro. Alcuni erano stati privati della possibilità di parcheggiare nelle strisce blu soprattutto lungo il primo tratto di via Angelo Cosenza. Altri, invece, erano stati costretti ad affrontare interminabili code in auto e in motorino per attraversare le stradine di Meta e raggiungere gli altri centri della penisola sorrentina. Ora la prospettiva di un’altra estate di “passione” manda su tutte le furie molti metesi. «In un modo o nell’altro i bagnanti provocano sempre confusione – attaccano alcuni residenti – Durante l’estate siamo destinati a rimanere ostaggio o del traffico o dei vacanzieri incivili: una situazione inaccettabile». (Ciriaco M. Viggiano – Il Mattino) 

Lascia una risposta