Positano Getto a Via Rampa Teglia. Villa Romana? Controversia, Manca poco.

0

Positano E’ un dato statisticamente dimostrato che quando il committente e’ un ente pubblico la tempistica del cantiere diventa inesorabile per non dire impietosa. Riportiamo qui di seguito le dichiarazioni di uno dei tecnici incaricati di progettare e supervisionare i lavori di scavo della Villa Romana nonche’ tutte le opere a quelli pertinenti. “Quanto al calcestruzzo semplicemente per il cordolo viene usato un calcestruzzo normale, calcestruzzo certificato per le travi e le solette, invece per il solaio ho preferito di usare un calcestruzzo confezionato predosato dove praticamente riesco a ridurre i carichi propri del calcestruzzo e a controllare meglio le caratteristiche finali.. si tratta del Leca 1008 un calcestruzzo con inerzia e resistenza abbastanza fine. Considerato che per mole e prestazione del solaio non ti puoi assolutamente permettere un abbassamento delle caratteristiche prestazionali richieste ci affidiamo a un predosato dove non dobbiamo fare altro che aggiungere l’ acqua richiesta e siamo sicuri di poterci permettere vaste luci con un minimo spessore in questo caso vale la pena sottolinearlo abbiamo una luce di ben 13 metri.” P.N. “Una domanda banale, perche’ tutto questo tempo non e’ ben da marzo che stiamo aspettando ?” “quanto alle tempistiche del calcestruzzo per il cordolo il tempo che si perde, beh la notte ci va a favore non ci sono temperature alte comunque dovremmo in linea di massima la prossima settimana fare il cordolo e poi a ruota libera quello del solaio ma sono tempistiche che dobbiamo verificare”. E aggiunge “il problema e’ che le travi sono travi saldate a seguito di continue verifiche di cantiere abbiamo verificato che c’ erano dei problemi soprattutto trattandosi di unione a completo ripristino e abbiamo richiamato l’ impresa. Le travi sono un prodotto certificato, questa poi e’ un’ azienda rinomata, effettivamente erano stati un po’ superficiali per cui da dei controlli effettuati si e’ resa necessaria un’ integrazione delle saldature.” Ma in generale “Ci sono anche adempimenti indispensabili, difficolta’ ce ne sono state molte, abbiamo avuto davvero brutti condizionamenti anche eccessivi che hanno rallentato fortemente l’ esecuzione del lavoro, ma lei provi a immaginare per ogni metro di scavo in piu’ e’ sempre necessario un ulteriore conosolidamento ed un’ ulteriore copertura” “Ho il dispiacere di dare fastidio a una popolazione serena come quella positanese se l’ avessi saputo non l’ avrei fatto” P.N. “Ma intanto cosa ne sara’ per il turismo di questa stagione 2015 ? Almeno la Cripta inferiore sara’ fruibile al pubblico per questa stagione 2015?” “Mi devo solo sedere con l’ impresa a tavolino questi interventi su Rampa Teglia hanno davvero coinvolto tutte le operazioni dell’ intero cantiere.” NicolAlbertoni

Positano E’ un dato statisticamente dimostrato che quando il committente e’ un ente pubblico la tempistica del cantiere diventa inesorabile per non dire impietosa. Riportiamo qui di seguito le dichiarazioni di uno dei tecnici incaricati di progettare e supervisionare i lavori di scavo della Villa Romana nonche’ tutte le opere a quelli pertinenti. “Quanto al calcestruzzo semplicemente per il cordolo viene usato un calcestruzzo normale, calcestruzzo certificato per le travi e le solette, invece per il solaio ho preferito di usare un calcestruzzo confezionato predosato dove praticamente riesco a ridurre i carichi propri del calcestruzzo e a controllare meglio le caratteristiche finali.. si tratta del Leca 1008 un calcestruzzo con inerzia e resistenza abbastanza fine. Considerato che per mole e prestazione del solaio non ti puoi assolutamente permettere un abbassamento delle caratteristiche prestazionali richieste ci affidiamo a un predosato dove non dobbiamo fare altro che aggiungere l’ acqua richiesta e siamo sicuri di poterci permettere vaste luci con un minimo spessore in questo caso vale la pena sottolinearlo abbiamo una luce di ben 13 metri.” P.N. “Una domanda banale, perche’ tutto questo tempo non e’ ben da marzo che stiamo aspettando ?” “quanto alle tempistiche del calcestruzzo per il cordolo il tempo che si perde, beh la notte ci va a favore non ci sono temperature alte comunque dovremmo in linea di massima la prossima settimana fare il cordolo e poi a ruota libera quello del solaio ma sono tempistiche che dobbiamo verificare”. E aggiunge “il problema e’ che le travi sono travi saldate a seguito di continue verifiche di cantiere abbiamo verificato che c’ erano dei problemi soprattutto trattandosi di unione a completo ripristino e abbiamo richiamato l’ impresa. Le travi sono un prodotto certificato, questa poi e’ un’ azienda rinomata, effettivamente erano stati un po’ superficiali per cui da dei controlli effettuati si e’ resa necessaria un’ integrazione delle saldature.” Ma in generale “Ci sono anche adempimenti indispensabili, difficolta’ ce ne sono state molte, abbiamo avuto davvero brutti condizionamenti anche eccessivi che hanno rallentato fortemente l’ esecuzione del lavoro, ma lei provi a immaginare per ogni metro di scavo in piu’ e’ sempre necessario un ulteriore conosolidamento ed un’ ulteriore copertura” “Ho il dispiacere di dare fastidio a una popolazione serena come quella positanese se l’ avessi saputo non l’ avrei fatto” P.N. “Ma intanto cosa ne sara’ per il turismo di questa stagione 2015 ? Almeno la Cripta inferiore sara’ fruibile al pubblico per questa stagione 2015?” “Mi devo solo sedere con l’ impresa a tavolino questi interventi su Rampa Teglia hanno davvero coinvolto tutte le operazioni dell’ intero cantiere.” NicolAlbertoni