POSITANO NUOVA. COMUNICATO RESOCONTO COMIZIO CHIESA NUOVA LISTA N.1 – VIDEO

0

Comunicato Positano Nuova….

La pioggia di ieri, sabato 23 maggio, non ha impedito al comizio di “Positano Nuova” di tenersi regolarmente nella piazza della Chiesa Nuova, allestita, in previsione del tempo, con gazebo che hanno offerto riparo ai tanti presenti all’evento.

La prima a prendere parola è stata Manuela Coccorullo, rappresentante femminie della lista n’1 insieme ad Angela Cinque, presentata con orgoglio dal candidato sindaco Luca Vespoli. 
Nel suo intervento la Coccorullo si è schierata prevalentemente a favore delle donne: “Ritengo sia necessario favorire l’accesso delle donne nell’ambiente politico.” – “Io sono una donna, una mamma ed un libero professionista. Credo sia giunto il momento di coalizzarci per rendere questo paese più vivibile e, a quante mi stanno dimostrando il loro supporto, dico: non vi deluderò!”- e ancora: “noi donne positanesi siamo state completamente abbandonate dall’amministrazione comunale” – “la regola che vige a Positano è la privatizzazione dei servizi, ma noi dobbiamo garantire pari diritti e favorire le famiglie in difficoltà…Cambiare si può, basta crederci!”.

A seguire Giuseppe Milano che, esprimendo la propria emozione nel parlare al quartiere di appartenenza, esordisce dicendo: “Io vivo, lavoro e passo il mio tempo libero in questo quartiere e conservo dei magnifici ricordi. Conosco le realtà di questo territorio e so quali problematiche affronta”. Nel suo intervento, Milano ha affrontato temi quali: l’arredo urbano: “Ci hanno messo due luci in più eliminando dei bei lampioni e sostitendoli con delle scodelle. L’illuminazione pubblica dovrebbe essere omogenea, a cominciare dalla tonalità del colore” – “Nel paese ci sono pochi e piccoli cestini per la spazzatura. Garantire manutenzione e pulizia delle nostre strade è un aspetto semplice ma fondamentale”; la viabilità: “Dobbiamo acquisire il diritto sulla gestione per la strada di Montepertuso per migliorare la viabilità” – “È inconcepibile che un’ambulanza impieghi a volte ore, per raggiungere persone con gravi esigenze”, concludendo: “Serve un atteggiamento nuovo per amministrare il bene comune, in democrazia. Il nostro programma elettorale è nato dalle voci del popolo. Io sarò presente per tutti voi, per una vera, unita e nuova Positano!”.

Milano ha poi passato il testimone a Crescenzo Parlato che ha aperto il proprio discorso parlando dell’aspetto etico e morale che unisce e contraddistingue il gruppo: “I nostri valori morali sono forti,  non si spezzano davanti a niente. Credetemi, ci vuole piu coraggio per dire falsità che per dire la verità. Prima di tutto vengono le nostre coscienze che stiamo mettendo davanti a voi questa sera”. Parlato ha poi continuato ponendo l’accento su alcuni aspetti principali: “Loro si vantano di aver eliminato la TASI, ma non dicono di avercela fatta pagare cara al cimitero: ci hanno tolto la tassa sulla prima casa ma ce l’hanno messa sull’ultima!” – “Parlano di destagionalizzazione, ma la risposta del Comune a tante iniziative che potrebbero promuovere il paese, come lo Slow Food o l’arrampicata, è stata: “non siamo interessati”. Noi, invece, siamo interessati”. Altri punti toccati dal candidato nel proprio intervento, sono stati progetti come il Wi-Fi pubblico e tanti altri servizi per il cittadino “con risparmi in costi e con l’attenzione giusta alla salute del cittadino”.

A prendere la parola è stato poi Antonio Cuccaro: “Il paese va “amministrato”, non “comandato”. Amministrare vuol dire prendersi cura di un bene comune, nell’interesse di tutti. Questo è ciò che vogliamo e che intendiamo fare per la nostra Positano”. Affrontando poi il discorso della viabilità: “Voi della Chiesa Nuova, con il traffico opprimente, siete stretti in una morsa. Per non parlare del posto auto, divenuto un miraggio di cui noi tutti andiamo alla ricerca”. Cuccaro ha poi parlato della volontà e dell’esigenza di rinnovare il servizio pubblico con pulmini elettrici, più piccoli e con corse più frequenti: “Abbiamo individuato con voi, amici, possibili soluzioni e creato progetti da portare avanti insieme: “insieme”, perché il comune deve tornare ad essere la casa di tutti i positanesi. Perché Positano la facciamo insieme!”.

Ad intervenire, in seguito, Michele Cinque, che ha spiegato alcuni progetti, soprattutto per la Chiesa Nuova, nel dettaglio; fornendo dati tecnici e tabelle illustrative. “Questa piazza, circa trent’anni fa, mi ha visto esordire in politica, oggi sono di nuovo qui, di fronte a voi, in un gruppo nuovo che ha a capo un giovane volenteroso”, queste le parole con cui ha esordito Cinque, che ha poi illustrato la conformazione del quartiere e le condizioni precarie in cui verte a causa di scale e strade dissestate, erbacce, linee elettriche volanti con fili pendenti ed abbandonati: “Noi non investiremo i soldi in un unico quartiere, ma daremo certamente priorità alle zone con maggiori problematiche” e ancora: “Per il prossimo inverno il problema del gas dovrà essere risolto e noi ci impegneremo per farlo e porteremo il gas alla Chiesa Nuova”. Altri sono stati i temi affrontati dal candidato, come il problema delle fogne bianche e di quelle nere: “alla Chiesa Nuova, come a Liparlati, ci sono ancora vecchie condotte che causano infiltrazioni nelle abitazioni”. Avvalendosi di tabelle illustrative, Cinque ha poi illustrato soluzioni per agevolare i cittadini, come attraverso la creazione di un sottopassaggio pedonale con due ingressi (uno lato comune, l’altro presso l’hotel Royal): “Un ascensore alla Chiesa Nuova che potrebbe arrivare alla piazza è possibile, ovviamente senza deturpare quest’ultima e non toccando proprietà private” e ancora: “dedicheremo tempo e, personalmente, esperienza per realizzare parcheggi interrati, fornendo posti auto, con sistemi meccanizzati”. Ai cittadini presenti in piazza sono state mostrate più soluzioni per la creazione di un parcheggio per i positanesi: 
-Interrato in via Pasitea, dotato di un sistema di parcheggio automatizzato con la possibilità di circa 150 posti auto; 
-Sistema di parcheggio misto con due piani, accesso tramite rampa elicoidale / tre piani con sistema automatizzato.
-Parcheggio pubblico automatizzato in località Belvedere, via Pasitea (150 posti auto).
Il discorso di Cinque è volto poi al termine con la proposta e l’illustrazione di un intervento per la riqualificazione del bivio della Chiesa Nuova che prevede la realizzazione di una piazza con intervento pubblico/privato.

A prendere la parola è stato, infine, il candidato sindaco Luca Vespoli: “Noi lavoriamo sempre per il bene del nostro paese e queste sono le prove. Il nostro obiettivo è quello di costruire con i cittadini un programma di governo ed è per questo che le nostre idee e proposte sono modificabili, perché non andremo mai contro la volontà del popolo” – “Ci concentreremo principalmente sul problema del traffico, dovuto alla conformazione del territorio, ma anche alla mancanza di controllo. Un comandante dei vigili urbani a Positano non c’è, com’è possibile? Noi faremo un concorso, perché gli incarichi devono essere decisi per concorsi, democraticamente e non senza equità e giustizia sociale!”. Vespoli ha inoltre parlato delle concessioni cimiteriali: “a Positano paghiamo 500€, l’amministrazione non ha abbassato le tasse ma spostato le imposizioni fiscali”, sul tema della viabilità si è invece espresso così: “l’amministrazione uscente ha creato un progetto tra i 12 e 15milioni di euro per la realizzazione di un tunnel da Fiume della Noce all’Annunziata: mai visto tunnel, mai visti soldi, mai visto l’avvio dei lavori. Quell’opera era assurda ed impossibile da realizzare, non risolvendo, inoltre, alcun problema” – “i nostri avversari politici non si sono rassegnati, presentando il PUC: hanno presentato in due settimane quattro piantine, siamo in attesa della quinta”. Altro tema su cui ha posto l’accento Luca Vespoli è stato quello dei cantieri: “i cantieri vanno mantenuti in modo decoroso e non come viene mantenuta la Casa Comunale da anni. Quello è il nostro biglietto da visita! Entro quest’anno finiremo la Casa Comunale ed elimineremo quella gru, mantenendo il cantiere in modo decoroso”. Temi importanti a cui il candidato sindaco ha dato rilievo durante il suo intervento sono stati, inoltre: la riqualificazione delle Lucine, i bagni pubblici nei punti fondamentali del paese e le luminarie natalizie: “le luminarie natalizie che in questi cinque anni sono state utilizzate erano inguardabili! Luci che non hanno nulla a che vedere con il nostro territorio. Trasformeremo il paese in un presepe vivente durante il periodo natalizio, perché noi il gusto lo abbiamo”. Vespoli ha poi ringraziato tutti i sostenitori e concluso il proprio comizio: “il nostro paese e la nostra mentalità sta cambiando.” – “Se c’è il rispetto c’è tutto, e la nostra squadra punta su questo. Ci apprestiamo a cambiare il nostro paese una volta per tutte!”, ed infine: “Chi vuole fare il bene non deve avere nessuna paura. Non abbiate paura, perché una Positano Nuova esista già!”

Positano Nuova

Comunicato Positano Nuova….

La pioggia di ieri, sabato 23 maggio, non ha impedito al comizio di "Positano Nuova" di tenersi regolarmente nella piazza della Chiesa Nuova, allestita, in previsione del tempo, con gazebo che hanno offerto riparo ai tanti presenti all'evento.

La prima a prendere parola è stata Manuela Coccorullo, rappresentante femminie della lista n'1 insieme ad Angela Cinque, presentata con orgoglio dal candidato sindaco Luca Vespoli. 
Nel suo intervento la Coccorullo si è schierata prevalentemente a favore delle donne: "Ritengo sia necessario favorire l'accesso delle donne nell'ambiente politico." – "Io sono una donna, una mamma ed un libero professionista. Credo sia giunto il momento di coalizzarci per rendere questo paese più vivibile e, a quante mi stanno dimostrando il loro supporto, dico: non vi deluderò!"- e ancora: "noi donne positanesi siamo state completamente abbandonate dall'amministrazione comunale" – "la regola che vige a Positano è la privatizzazione dei servizi, ma noi dobbiamo garantire pari diritti e favorire le famiglie in difficoltà…Cambiare si può, basta crederci!".

A seguire Giuseppe Milano che, esprimendo la propria emozione nel parlare al quartiere di appartenenza, esordisce dicendo: "Io vivo, lavoro e passo il mio tempo libero in questo quartiere e conservo dei magnifici ricordi. Conosco le realtà di questo territorio e so quali problematiche affronta". Nel suo intervento, Milano ha affrontato temi quali: l'arredo urbano: "Ci hanno messo due luci in più eliminando dei bei lampioni e sostitendoli con delle scodelle. L'illuminazione pubblica dovrebbe essere omogenea, a cominciare dalla tonalità del colore" – "Nel paese ci sono pochi e piccoli cestini per la spazzatura. Garantire manutenzione e pulizia delle nostre strade è un aspetto semplice ma fondamentale"; la viabilità: "Dobbiamo acquisire il diritto sulla gestione per la strada di Montepertuso per migliorare la viabilità" – "È inconcepibile che un'ambulanza impieghi a volte ore, per raggiungere persone con gravi esigenze", concludendo: "Serve un atteggiamento nuovo per amministrare il bene comune, in democrazia. Il nostro programma elettorale è nato dalle voci del popolo. Io sarò presente per tutti voi, per una vera, unita e nuova Positano!".

Milano ha poi passato il testimone a Crescenzo Parlato che ha aperto il proprio discorso parlando dell'aspetto etico e morale che unisce e contraddistingue il gruppo: "I nostri valori morali sono forti,  non si spezzano davanti a niente. Credetemi, ci vuole piu coraggio per dire falsità che per dire la verità. Prima di tutto vengono le nostre coscienze che stiamo mettendo davanti a voi questa sera". Parlato ha poi continuato ponendo l'accento su alcuni aspetti principali: "Loro si vantano di aver eliminato la TASI, ma non dicono di avercela fatta pagare cara al cimitero: ci hanno tolto la tassa sulla prima casa ma ce l'hanno messa sull'ultima!" – "Parlano di destagionalizzazione, ma la risposta del Comune a tante iniziative che potrebbero promuovere il paese, come lo Slow Food o l'arrampicata, è stata: "non siamo interessati". Noi, invece, siamo interessati". Altri punti toccati dal candidato nel proprio intervento, sono stati progetti come il Wi-Fi pubblico e tanti altri servizi per il cittadino "con risparmi in costi e con l'attenzione giusta alla salute del cittadino".

A prendere la parola è stato poi Antonio Cuccaro: "Il paese va "amministrato", non "comandato". Amministrare vuol dire prendersi cura di un bene comune, nell'interesse di tutti. Questo è ciò che vogliamo e che intendiamo fare per la nostra Positano". Affrontando poi il discorso della viabilità: "Voi della Chiesa Nuova, con il traffico opprimente, siete stretti in una morsa. Per non parlare del posto auto, divenuto un miraggio di cui noi tutti andiamo alla ricerca". Cuccaro ha poi parlato della volontà e dell'esigenza di rinnovare il servizio pubblico con pulmini elettrici, più piccoli e con corse più frequenti: "Abbiamo individuato con voi, amici, possibili soluzioni e creato progetti da portare avanti insieme: "insieme", perché il comune deve tornare ad essere la casa di tutti i positanesi. Perché Positano la facciamo insieme!".

Ad intervenire, in seguito, Michele Cinque, che ha spiegato alcuni progetti, soprattutto per la Chiesa Nuova, nel dettaglio; fornendo dati tecnici e tabelle illustrative. "Questa piazza, circa trent'anni fa, mi ha visto esordire in politica, oggi sono di nuovo qui, di fronte a voi, in un gruppo nuovo che ha a capo un giovane volenteroso", queste le parole con cui ha esordito Cinque, che ha poi illustrato la conformazione del quartiere e le condizioni precarie in cui verte a causa di scale e strade dissestate, erbacce, linee elettriche volanti con fili pendenti ed abbandonati: "Noi non investiremo i soldi in un unico quartiere, ma daremo certamente priorità alle zone con maggiori problematiche" e ancora: "Per il prossimo inverno il problema del gas dovrà essere risolto e noi ci impegneremo per farlo e porteremo il gas alla Chiesa Nuova". Altri sono stati i temi affrontati dal candidato, come il problema delle fogne bianche e di quelle nere: "alla Chiesa Nuova, come a Liparlati, ci sono ancora vecchie condotte che causano infiltrazioni nelle abitazioni". Avvalendosi di tabelle illustrative, Cinque ha poi illustrato soluzioni per agevolare i cittadini, come attraverso la creazione di un sottopassaggio pedonale con due ingressi (uno lato comune, l'altro presso l'hotel Royal): "Un ascensore alla Chiesa Nuova che potrebbe arrivare alla piazza è possibile, ovviamente senza deturpare quest'ultima e non toccando proprietà private" e ancora: "dedicheremo tempo e, personalmente, esperienza per realizzare parcheggi interrati, fornendo posti auto, con sistemi meccanizzati". Ai cittadini presenti in piazza sono state mostrate più soluzioni per la creazione di un parcheggio per i positanesi: 
-Interrato in via Pasitea, dotato di un sistema di parcheggio automatizzato con la possibilità di circa 150 posti auto; 
-Sistema di parcheggio misto con due piani, accesso tramite rampa elicoidale / tre piani con sistema automatizzato.
-Parcheggio pubblico automatizzato in località Belvedere, via Pasitea (150 posti auto).
Il discorso di Cinque è volto poi al termine con la proposta e l'illustrazione di un intervento per la riqualificazione del bivio della Chiesa Nuova che prevede la realizzazione di una piazza con intervento pubblico/privato.

A prendere la parola è stato, infine, il candidato sindaco Luca Vespoli: "Noi lavoriamo sempre per il bene del nostro paese e queste sono le prove. Il nostro obiettivo è quello di costruire con i cittadini un programma di governo ed è per questo che le nostre idee e proposte sono modificabili, perché non andremo mai contro la volontà del popolo" – "Ci concentreremo principalmente sul problema del traffico, dovuto alla conformazione del territorio, ma anche alla mancanza di controllo. Un comandante dei vigili urbani a Positano non c'è, com'è possibile? Noi faremo un concorso, perché gli incarichi devono essere decisi per concorsi, democraticamente e non senza equità e giustizia sociale!". Vespoli ha inoltre parlato delle concessioni cimiteriali: "a Positano paghiamo 500€, l'amministrazione non ha abbassato le tasse ma spostato le imposizioni fiscali", sul tema della viabilità si è invece espresso così: "l'amministrazione uscente ha creato un progetto tra i 12 e 15milioni di euro per la realizzazione di un tunnel da Fiume della Noce all'Annunziata: mai visto tunnel, mai visti soldi, mai visto l'avvio dei lavori. Quell'opera era assurda ed impossibile da realizzare, non risolvendo, inoltre, alcun problema" – "i nostri avversari politici non si sono rassegnati, presentando il PUC: hanno presentato in due settimane quattro piantine, siamo in attesa della quinta". Altro tema su cui ha posto l'accento Luca Vespoli è stato quello dei cantieri: "i cantieri vanno mantenuti in modo decoroso e non come viene mantenuta la Casa Comunale da anni. Quello è il nostro biglietto da visita! Entro quest'anno finiremo la Casa Comunale ed elimineremo quella gru, mantenendo il cantiere in modo decoroso". Temi importanti a cui il candidato sindaco ha dato rilievo durante il suo intervento sono stati, inoltre: la riqualificazione delle Lucine, i bagni pubblici nei punti fondamentali del paese e le luminarie natalizie: "le luminarie natalizie che in questi cinque anni sono state utilizzate erano inguardabili! Luci che non hanno nulla a che vedere con il nostro territorio. Trasformeremo il paese in un presepe vivente durante il periodo natalizio, perché noi il gusto lo abbiamo". Vespoli ha poi ringraziato tutti i sostenitori e concluso il proprio comizio: "il nostro paese e la nostra mentalità sta cambiando." – "Se c'è il rispetto c'è tutto, e la nostra squadra punta su questo. Ci apprestiamo a cambiare il nostro paese una volta per tutte!", ed infine: "Chi vuole fare il bene non deve avere nessuna paura. Non abbiate paura, perché una Positano Nuova esista già!"

Positano Nuova