Vico Equense / Meta. Domenica giornata ecologica sull’ex ecomostro di Alimuri, ora rinato a nuova vita FOTO

0

Vico Equense  (Penisola Sorrentina costa di Sorrento). Dove c’era il cemento ora c’è il verde, riparafrasando Celentano, e domenica si festeggia giustamente. I Comuni di Vico Equense e Meta, in collaborazione con la Sarim, hanno organizzato una giornata ecologica per pulire completamente l’area dove una volta c’era l’ecomostro di Alimuri, un abbattimento riuscito dopo che la giunta di Gennaro Cinque scelse di nominare assessore Antonio Elefante che è riuscito a fare quello che la burocrazia non è riuscita a fare in quaranta anni.. Questa mattina domenica alle 10 Gruppi di volontari si recheranno presso la baia di Alimuri per rimuovere tutti i rifiuti ancora presenti nella zona. Le attività di smaltimento dei materiali di risulta e pulizia, a seguito della demolizione, sono terminate. È finita, così, anche l’ultima fase del crono-programma concernente l’abbattimento del manufatto che per 50 anni ha deturpato il paesaggio della costiera. Poche settimane fa nell’area sono stati piantati otto esemplari di Pino d’Aleppo dai tecnici del Comune di Vico Equense in collaborazione con alcuni soci del Wwf. “Sull’area – spiega Antonio Elefante, assessore ai lavori pubblici – sono rimasti cumuli di rifiuti, abbandonati all’epoca della crisi delle discariche. Si tratta di pneumatici, materassi, vetro e plastica, che con l’aiuto dei volontari e degli operatori ecologici saranno definitivamente rimossi e l’area liberata da questo pesante fardello ecologico. Sarà una giornata di lavoro e di festa, perché rappresenta lo step conclusivo di un percorso che ha portato alla vittoria dell’ambiente sulla cementificazione selvaggia”, conclude l’Assessore Elefante. I Comuni di Vico Equense e Meta, in collaborazione con la Sarim, hanno organizzato una giornata ecologica per sensibilizzare i cittadini alla difesa dell’ambiente e per ripulire del tutto l’area dove una volta c’era l’ecomostro di Alimuri. I volontari, questa mattina, si sono recati presso la baia di Alimuri per rimuovere tutti i rifiuti ancora presenti nella zona. Abbandonati lì da anni, c’erano pneumatici, materassi, vetro e plastica, che con l’aiuto dei volontari e degli operatori ecologici sono stati per sempre rimossi e l’area liberata da questa pesante zavorra ecologica. All’appuntamento ha partecipato anche l’ex Sindaco di Vico Equense, oggi candidato alla Regione Campania con Forza Italia, Gennaro Cinque che ha dichiarato: “Dopo aver messo fine alla tormentata storia dell’ecomostro di Alimuri e restituito ai cittadini uno dei luoghi tra i più belli del Mezzogiorno e d’Italia, con questa manifestazione, oltre a ripulire l’area, abbiamo voluto promuovere e sensibilizzare ulteriormente sul problema dell’abbandono dei rifiuti, che rappresenta oggi un fenomeno allarmante. Al contempo, questa giornata ecologica, però è stata anche un’occasione importante d’incontro e di condivisione, in cui far crescere quel senso di appartenenza che ci dovrà vedere coesi e uniti per affrontare e vincere le sfide del presente e del futuro, in modo da costruire insieme un futuro migliore per noi e per i nostri figli.” Intanto le attività di smaltimento dei materiali di risulta e pulizia, a seguito della demolizione, sono terminate. Si è conclusa, così, anche l’ultima fase del crono-programma concernente, l’abbattimento del manufatto che per 50 anni ha deturpato il paesaggio della costiera. Poche settimane fa nell’area sono stati piantati otto esemplari di Pino d’Aleppo dai tecnici del Comune di Vico Equense in collaborazione con alcuni soci del Wwf. Oltre a Gennaro Cinque, sono intervenuti: l’Assessore ai lavori pubblici del Comune di Vico Equense Antonio Elefante, il consigliere comunale Giuseppe Aiello, il Sindaco di Meta Giuseppe Tito, il vice sindaco Angela Aiello, la polizia municipale di Vico Equense e Meta, i volontari del Faito e gli operatori della Sarim.

Vico Equense  (Penisola Sorrentina costa di Sorrento). Dove c'era il cemento ora c'è il verde, riparafrasando Celentano, e domenica si festeggia giustamente. I Comuni di Vico Equense e Meta, in collaborazione con la Sarim, hanno organizzato una giornata ecologica per pulire completamente l’area dove una volta c’era l’ecomostro di Alimuri, un abbattimento riuscito dopo che la giunta di Gennaro Cinque scelse di nominare assessore Antonio Elefante che è riuscito a fare quello che la burocrazia non è riuscita a fare in quaranta anni.. Questa mattina domenica alle 10 Gruppi di volontari si recheranno presso la baia di Alimuri per rimuovere tutti i rifiuti ancora presenti nella zona. Le attività di smaltimento dei materiali di risulta e pulizia, a seguito della demolizione, sono terminate. È finita, così, anche l'ultima fase del crono-programma concernente l’abbattimento del manufatto che per 50 anni ha deturpato il paesaggio della costiera. Poche settimane fa nell’area sono stati piantati otto esemplari di Pino d’Aleppo dai tecnici del Comune di Vico Equense in collaborazione con alcuni soci del Wwf. “Sull’area – spiega Antonio Elefante, assessore ai lavori pubblici – sono rimasti cumuli di rifiuti, abbandonati all’epoca della crisi delle discariche. Si tratta di pneumatici, materassi, vetro e plastica, che con l’aiuto dei volontari e degli operatori ecologici saranno definitivamente rimossi e l’area liberata da questo pesante fardello ecologico. Sarà una giornata di lavoro e di festa, perché rappresenta lo step conclusivo di un percorso che ha portato alla vittoria dell’ambiente sulla cementificazione selvaggia”, conclude l’Assessore Elefante. I Comuni di Vico Equense e Meta, in collaborazione con la Sarim, hanno organizzato una giornata ecologica per sensibilizzare i cittadini alla difesa dell'ambiente e per ripulire del tutto l’area dove una volta c’era l’ecomostro di Alimuri. I volontari, questa mattina, si sono recati presso la baia di Alimuri per rimuovere tutti i rifiuti ancora presenti nella zona. Abbandonati lì da anni, c’erano pneumatici, materassi, vetro e plastica, che con l’aiuto dei volontari e degli operatori ecologici sono stati per sempre rimossi e l’area liberata da questa pesante zavorra ecologica. All’appuntamento ha partecipato anche l’ex Sindaco di Vico Equense, oggi candidato alla Regione Campania con Forza Italia, Gennaro Cinque che ha dichiarato: “Dopo aver messo fine alla tormentata storia dell’ecomostro di Alimuri e restituito ai cittadini uno dei luoghi tra i più belli del Mezzogiorno e d’Italia, con questa manifestazione, oltre a ripulire l’area, abbiamo voluto promuovere e sensibilizzare ulteriormente sul problema dell’abbandono dei rifiuti, che rappresenta oggi un fenomeno allarmante. Al contempo, questa giornata ecologica, però è stata anche un’occasione importante d’incontro e di condivisione, in cui far crescere quel senso di appartenenza che ci dovrà vedere coesi e uniti per affrontare e vincere le sfide del presente e del futuro, in modo da costruire insieme un futuro migliore per noi e per i nostri figli.” Intanto le attività di smaltimento dei materiali di risulta e pulizia, a seguito della demolizione, sono terminate. Si è conclusa, così, anche l'ultima fase del crono-programma concernente, l’abbattimento del manufatto che per 50 anni ha deturpato il paesaggio della costiera. Poche settimane fa nell’area sono stati piantati otto esemplari di Pino d’Aleppo dai tecnici del Comune di Vico Equense in collaborazione con alcuni soci del Wwf. Oltre a Gennaro Cinque, sono intervenuti: l’Assessore ai lavori pubblici del Comune di Vico Equense Antonio Elefante, il consigliere comunale Giuseppe Aiello, il Sindaco di Meta Giuseppe Tito, il vice sindaco Angela Aiello, la polizia municipale di Vico Equense e Meta, i volontari del Faito e gli operatori della Sarim.