Appello dei laici di Azione Cattolica della Campania per le elezioni regionali 2015

0

CI INTERESSA IL BENE DELLA NOSTRA REGIONE

La delegazione regionale dell’Azione Cattolica (l’AC è presente in tutte le 23 Diocesi della Campania e in 530 parrocchie per un totale di 33mila persone aderenti tra ragazzi, giovani ed adulti), con la collaborazione delle Presidenze diocesane di Ac (tra cui quella di Sorrento-Castellammare di Stabia) e del Laboratorio regionale “Territorio ed educazione al bene comune”, intende contribuire al dibattito in vista delle imminenti elezioni regionali del 31 maggio con un documento-appello che esprime un po’ le attese e le preoccupazioni di tutti i propri soci e simpatizzanti.
L’AC regionale chiede alle parti politiche in campo di uscire dalla logica degli slogan vuoti e di assumere impegni concreti CONTRO la disoccupazione giovanile, la desertificazione industriale, i deficit dell’assistenza sanitaria, l’oltraggio all’ambiente e il gioco d’azzardo, e A FAVORE della famiglia, della scuola e dell’integrazione con gli immigrati.
L’impegno dell’AC continuerà anche dopo le elezioni attraverso un tavolo di discussione con gli amministratori e i consiglieri che offriranno la loro disponibilità al dialogo.
Le elezioni regionali sono un’occasione per ridestare l’attenzione su alcuni temi vitali per la nostra terra, ma anche per sensibilizzare i nostri soci e i cittadini ad una partecipazione attiva alla vita amministrativa e politica.

Il documento che abbiamo scritto, e che stiamo diffondendo, vuole focalizzare l’attenzione tanto sulle problematiche che pensiamo debbano essere affrontate con un maggiore impegno nel prossimo Consiglio regionale, quanto anche sul contributo che il mondo cattolico può offrire per il rinnovamento della politica.

Inoltre, con questo documento vogliamo testimoniare quanto sia importante per l’Azione Cattolica, e per un laicato cattolico operoso e attento, partecipare in maniera costruttiva all’edificazione sociale, morale, culturale e politica delle nostre città. Pensiamo, perciò, che sia estremamente importante dopo le elezioni promuovere un proficuo confronto sui temi presenti nell’appello nella speranza che l’amore per questa terra campana e la passione per il “bene comune” spingano tutti noi a pensare progetti che promuovano la vita di ogni persona.CI INTERESSA IL BENE DELLA NOSTRA REGIONE

La delegazione regionale dell’Azione Cattolica (l’AC è presente in tutte le 23 Diocesi della Campania e in 530 parrocchie per un totale di 33mila persone aderenti tra ragazzi, giovani ed adulti), con la collaborazione delle Presidenze diocesane di Ac (tra cui quella di Sorrento-Castellammare di Stabia) e del Laboratorio regionale “Territorio ed educazione al bene comune”, intende contribuire al dibattito in vista delle imminenti elezioni regionali del 31 maggio con un documento-appello che esprime un po’ le attese e le preoccupazioni di tutti i propri soci e simpatizzanti.
L’AC regionale chiede alle parti politiche in campo di uscire dalla logica degli slogan vuoti e di assumere impegni concreti CONTRO la disoccupazione giovanile, la desertificazione industriale, i deficit dell’assistenza sanitaria, l’oltraggio all’ambiente e il gioco d’azzardo, e A FAVORE della famiglia, della scuola e dell’integrazione con gli immigrati.
L’impegno dell’AC continuerà anche dopo le elezioni attraverso un tavolo di discussione con gli amministratori e i consiglieri che offriranno la loro disponibilità al dialogo.
Le elezioni regionali sono un’occasione per ridestare l’attenzione su alcuni temi vitali per la nostra terra, ma anche per sensibilizzare i nostri soci e i cittadini ad una partecipazione attiva alla vita amministrativa e politica.

Il documento che abbiamo scritto, e che stiamo diffondendo, vuole focalizzare l’attenzione tanto sulle problematiche che pensiamo debbano essere affrontate con un maggiore impegno nel prossimo Consiglio regionale, quanto anche sul contributo che il mondo cattolico può offrire per il rinnovamento della politica.

Inoltre, con questo documento vogliamo testimoniare quanto sia importante per l’Azione Cattolica, e per un laicato cattolico operoso e attento, partecipare in maniera costruttiva all’edificazione sociale, morale, culturale e politica delle nostre città. Pensiamo, perciò, che sia estremamente importante dopo le elezioni promuovere un proficuo confronto sui temi presenti nell’appello nella speranza che l’amore per questa terra campana e la passione per il “bene comune” spingano tutti noi a pensare progetti che promuovano la vita di ogni persona.