GLI EVENTI DEL WEEK-END DELLA FESTA DELLA MAMMA.

0

E’ il fine settimana che incontreremo il premio Nobel Geim a Vico EQuense, nell’ambito del Premio Capo D’Orlando, la festa della mamma, ma anche quella del patrocinio di San Catello a Castellammare. Le passeggiate Vicane con Nino Aversa e il Coro Alamirè nella Chiesa d Sant’Agnello prima e Sorrento poi.Il concerto pianistico offerto da Paolo Scibilia e il coro di santa Monica nell’Annunziata a Sorrento per la mamma. O anche un viaggetto a Maddaloni per la tammorra accompagnato da una visita a Sant’Agata dei Goti per una bella mostra sull’acquedotto carolini e il vaso di Asteeas(articoli e video in positanonews)

 

 

 

MAG

08

 

 

Concerto del Vittorioso Coro Alamirè dell’Istituto “A.Gemelli” S.Agnello

 

 

 

 

COMUNE DI NOLA – ASSESSORATO AI BENI CULTURALI

PROGRAMMA 

VENERDÌ 8
ore 18,00 – Salone dei Medaglioni – Palazzo Vescovile di Nola 
“Xa Edizione Premio Internazionale Artistico-Letterario”
a cura dell’Associazione Napoli Cultural Classic

SABATO 9
ore 16,00/24,00 – piazza Giordano Bruno 
Mostra di artigianato artistico “Handmade a Nola” 
a cura di P. Batino – T. Piccolo
ore 17,30 – via Mario De Sena
Visita guidata, Anfiteatro Laterizio

DOMENICA 10
ore 10,00 – piazza Duomo 
“Tennis in piazza” a cura del Tennis Club De Mita
con il patrocinio dell’Assessorato allo Sport
ore 10,30 – via Mario De Sena
Visita guidata, Anfiteatro Laterizio a seguire Laboratorio creativo “Un fiore per la festa della mamma”,
a cura di “Handmade Nola” P. Batino – T. Piccolo
Associazione Meridies – 3274653901 – info@meridies-nola.org

 

 

Sabato

dalle ore 9.00 alle ore 21.00

 

 

 

 

 

 

 

 

Piazza Cota

Piazza Cota , Piano di Sorrento, 80063 Piano di Sorrento

In occasione della Festa della Mamma vi aspettiamo in Piazza Cota al nostro stand con tante nuove creazioni dedicate alla mamma e non solo, tutte inspirate al romantico stile Shabby Chic!

 

 

 

 

Ritorna a grande richiesta al ” Teatro Supercinema di Castellammare di Stabia Corso Vittorio Emanuele 97, Tel 081 871 7058 il nuovo lavoro di Gerardo Amarante e gli spaccapaese tra tradizione , musica popolare e classica Napoletana.
Per info e prenotazioni  Gerardo Amarante 3348412212 Vincenzo Ciccarelli 3498117770 Ciro Bianchi 3318757422
Massimo De Maria 3489117757

 

 

Wonderwall Art Gallery di Sorrento presenta, sabato 9 Maggio ore 19, la mostra di fotografia e scultura dal titolo “IDENTITÁ VS OMOLOGAZIONE” a cura di Manuela Esposito, Caterina Ianni e Antonino Stinga. La rassegna, concepita come un nuovo progetto espositivo, rivela come le differenze tra esseri umani siano legate strettamente a questi due aspetti fondamentali della vita: l’identità personale e il desiderio di essere parte di un macrocosmo umano. 
L’esposizione raccoglie la visione di tre artisti del panorama contemporaneo, Giovanni Presutti, Ludovica Bastianini e Laura Polli Fontana, che testimoni di differenti background culturali hanno dato voce singolarmente al concetto dell’identità contro l’omologazione mettendone in evidenza assonanze e contraddizioni. La loro ricerca raccontata attraverso differenti mezzi espressivi, si concentra sui temi quali il rapporto uomo-natura, le condizioni di dipendenza e la propria ricerca interiore. Temi che costituiscono la trama di questo percorso, che ci condurrà alla riflessione su contenuti etico-sociali legati all’attualità; una scelta curatoriale che ha lo scopo di realizzare un dialogo tra arte e pubblico ma soprattutto di creare un’atmosfera di immersione totale nella meraviglia dell’arte.
Per la sezione inerente all’ OMOLOGAZIONE ad accogliere il visitatore sono i lavori del fotografo Giovanni Presutti. Con Hipsta.nothing, Presutti realizza – come scrive Caterina Ianni nel testo critico della mostra – un’affascinante denuncia sull’atteggiamento foto-maniaco della società contemporanea: una scacchiera dinamica, scandita dalla variazione tonale, in cui il mondo della Pop Art diviene una citazione a cui l’artista ricorre, sia nella scelta di soggetti come la Marilyn di Warhol, fotografata mentre è immortalata da voyeur della bellezza, sia nell’uso di una meccanica ripetizione del soggetto. Con Dependency invece, un progetto che rientra ugualmente nel tema dell’omologazione, Presutti “crea un lavoro dedicato alle “dipendenze da”. Una tematica di cui parla senza mai ricorrere ad un linguaggio violento o volutamente iconoclasta ma lasciando spazio ad un’affilata ironia”(C.I.). 
La rassegna prosegue con una sezione dedicata al BINOMIO IDENTITÀ OMOLOGOZIONE dove troviamo “Eolo, reportage sugli impianti eolici italiani, un lavoro in cui Presutti documenta la coesistenza tra ambiente (identità) e tecnologia (omologazione), dando vita ad immagini poeticamente pittoresche: fotografie, quali quiete sospensioni del tempo e dello spazio, attraverso cui l’artista ha ricreato una dimensione parallela a quella della realtà fotografata, trasformando il binomio uomo-natura in una dimensione onirica suggestiva”.(C.I.) L’esposizione continua con l’ultima sezione riservata al tema dell’IDENTITÀ e lo spettatore si troverà dinanzi alle opere fotografiche di Ludovica Bastianini silenziosamente osservate dalle opere scultoree di Laura Polli Fontana. I lavori della Bastianini, Ronda de la Torrassa 97 e Senza pelle, rispecchiano di fatto l’ indagine sul sé: “una ricerca che l’autrice sperimenta prima in sé stessa, poi nell’altro: immortala sé stessa, oggetti ed interni, immagini congelate in una dimensione di ricordo e ri-scoperta del sé. E poi ancora, ci rivela il racconto del proprio sentire attraverso il corpo e lo sguardo di altre donne ritratte sotto una nuova pelle-veste: togliere figurativamente il primo strato di epidermide, per poter indossare il pigmento pittorico, quale simbolica espressione dell’autentica rivelazione di un’identità più profonda. Un fotografico racconto autobiografico che dialogherà con le fanciulle in bronzo di Laura Polli Fontana, a loro volta capaci di racchiudere emblematicamente l’intero emisfero femminile. Sculture raffinate di donne, definite da una sintesi formale, in cui quella linea ora curva ora spigolosa ora sinuosa riesca a contenere un tempo indefinito. L’artista anima le sue fanciulle, Lavinia, Eugenia, Anastasia, attraverso la scelta di significativi movimenti o pose, in cui queste donne dalla pelle vibrante si offrono allo sguardo dello spettatore”. (C.I.)

 

 

 

Mamma è una parola dolce e soave, musica armoniosa del cuore, sentimento che racchiude l’essenza d’ogni creatura umana. Nessuno al suo dolce suono rimane insensibile, poiché la identifica con la parola amore. Il suo dolce nome evoca i momenti più belli della nostra infanzia, quando lei ci cullava tra le sue braccia, e i suoi occhi, stracolmi d’affetto, ci hanno regalato intensi momenti di felicità. In ogni istante la mamma è la nostra certezza: vicina nei momenti felici per gioire e nelle difficoltà per incoraggiarci. Le sue carezze scendono come balsamo sul cuore per infonderci coraggio e ardore. In nessun momento ci ha tradito, e ci ha donato la sua vita; per questo mai nessuno potrà sostituirla nel nostro cuore.
Lassù nel cielo e nella gloria celeste abbiamo un’altra mamma che non vuole sostituirsi alla mamma terrena, ma brama per amarci ancor più di un figlio. È Maria, la mamma di Gesù che, alleata al figlio, desidera la redenzione d’ogni creatura umana. Come una mamma terrena è sempre accanto per aiutarci nelle difficoltà del cammino terreno, e desidera prenderci la mano per condurci a conoscere l’ardente amore di Dio. Di Maria Santissima possiamo fidarci. La sua voce ti sussurra… Sono contenta quando nella preghiera fai salire al cielo il tuo affetto per me. Ti esorto, abbandona tutto ciò che ti lega all’umano. Le cose del cielo rendono felice ogni creatura, perché attendi ancora?
Coraggio, abbatti ogni barriera nel tuo cuore per affidarti al mio. Volgi gli occhi al cielo ed io ti condurrò alla battaglia più bella: la via dell’amore.
Non aver paura di combattere, le bandiere del cielo sventolano davanti ai tuoi passi. Procedi con l’ardore di un prode, certo di ottenere l’aiuto necessario per vincere; quando sei stanco rifugiati nelle mie braccia e sentirai il mio ardente amore.
Ti aspettiamo come ormai da 35 anni nella Chiesa della SS. Annunziata in Sorrento per tributare l’omaggio alla Mamma Celeste e a tutte le Mamma, con il Concerto del Coro S. Monica, al termine della manifestazione una rosa a tutte le Mamme presenti

 

POST

 

 

Passi nel territorio” è un progetto di trekking urbano, promosso dall’Associazione Accosta in collaborazione con il Comune di Vico Equense, e consiste in un ciclo di passeggiate guidate gratuite rivolte alla riscoperta delle bellezze naturalistiche, culturali e gastronomiche della Città di Vico e dei suoi borghi.

Per info e prenotazioni: tel. +39 3279323724 
email. accosta.vico@gmail.com

 

 

FriendSheep for Culture presenta:

“Viaggi Su mARTE” – pARTE prima:

“STRINGHE SUL MARE”…di Massimo Rizzuto…

Cultura&Solidarietà Domenica 10 Maggio al Museo Correale di Terranova, Un evento reso possibile dal Sindaco di Sorrento Avv.”Giuseppe Cuomo” e Dall’assessore alle Politiche Giovanili Avv.”Massimo Coppola”, in collaborazione con l’Associazione “Amiche del Museo” e con l’associazione “Gioia di Vivere”.

info: 3428018886

L’evento:
Dalle 19.00 in poi di Domenica 10 Maggio sarà possibile visitare la mostra d’arte contemporanea “Stringhe sul Mare” di Massimo Rizzuto, presso i giardini del Museo Correale di Terranova a Sorrento; a seguire aperitivo con DjSet a cura di Artistica nella splendida terrazza sul mare, adiacente al Grand Hotel Ambasciatori.
Una giornata all’insegna della cultura e della solidarietà, infatti parte dell’incasso sarà devoluta in beneficenza all’associazione “Gioia di Vivere”.

Viaggi su mARTE:
Il progetto è volto a presentare una serie di eventi contemporanei sul territorio, con l’intento di mostrare un’arte concepita in maniera moderna ed attuale. Dei veri e propri viaggi su pianeti dalla creatività inesplorata.

L’artista:
Massimo Rizzuto, giovane artista romano inizia il suo percorso artistico a Tenerife dove lavora come incisore e pittore esponendo in Spagna, Germania, Lussemburgo. Torna in Italia nel ’96; in questi ultimi 20 anni il suo lavoro tocca il deisgn, l’architettura, la scenografia. Il Suo approccio ricorda quello dell’artista rinascimentale.

stringhe

La Mostra:
“Stringhe”, che espone a Sorrento è realizzata con fil di ferro, omini in miniatura e luce; completamente immersa nel buio, si affida a una o più fonti che proiettano sulle pareti bianche un gioco di riflessi in movimento, dove i personaggi che la compongono e la popolano, ingranditi e moltiplicati, vengono fatti roteare in un mondo di opportunità, fatte di vie lineari e cerchi concentrici, ramificazioni disordinate e brusche rotture.
Al centro del lavoro è l’uomo, in tutta la sua bellezza e poesia; all’interno dell’intricata matassa, si agitano piccoli momenti quotidiani, dal vecchio che torna piano verso casa col suo bastone alla giovane coppia al primo incontro, dalla madre col suo bambino al ragazzo diretto al lavoro. Attimi vissuti da tutti, l’immenso mistero che sottende la vita, la sua magia e meraviglia. Secondo una concezione rinascimentale, l’uomo è fulcro e misuratore di tutte le cose, non in preda ad uno shock esistenziale ma conscio e saldo nelle opportunità che gli vengono offerte. 
Quella di Massimo Rizzuto è una visone positiva, che ha piena fiducia nelle facoltà umane.

Official Parteners: Acqua ‘e Sale – La Dolce Sorrento 
Special Thanks: Hotel Gardenia – AGA Costruzioni – Vision Wood – Sacro&Profano – Grand Hotel Ambasciatori.

 

E' il fine settimana che incontreremo il premio Nobel Geim a Vico EQuense, nell'ambito del Premio Capo D'Orlando, la festa della mamma, ma anche quella del patrocinio di San Catello a Castellammare. Le passeggiate Vicane con Nino Aversa e il Coro Alamirè nella Chiesa d Sant'Agnello prima e Sorrento poi.Il concerto pianistico offerto da Paolo Scibilia e il coro di santa Monica nell'Annunziata a Sorrento per la mamma. O anche un viaggetto a Maddaloni per la tammorra accompagnato da una visita a Sant'Agata dei Goti per una bella mostra sull'acquedotto carolini e il vaso di Asteeas(articoli e video in positanonews)

Immagine di copertina

 

 

 

 

 

COMUNE DI NOLA – ASSESSORATO AI BENI CULTURALI

PROGRAMMA 

VENERDÌ 8
ore 18,00 – Salone dei Medaglioni – Palazzo Vescovile di Nola 
“Xa Edizione Premio Internazionale Artistico-Letterario”
a cura dell’Associazione Napoli Cultural Classic

SABATO 9
ore 16,00/24,00 – piazza Giordano Bruno 
Mostra di artigianato artistico “Handmade a Nola” 
a cura di P. Batino – T. Piccolo
ore 17,30 – via Mario De Sena
Visita guidata, Anfiteatro Laterizio

DOMENICA 10
ore 10,00 – piazza Duomo 
“Tennis in piazza” a cura del Tennis Club De Mita
con il patrocinio dell’Assessorato allo Sport
ore 10,30 – via Mario De Sena
Visita guidata, Anfiteatro Laterizio a seguire Laboratorio creativo “Un fiore per la festa della mamma”,
a cura di “Handmade Nola” P. Batino – T. Piccolo
Associazione Meridies – 3274653901 – info@meridies-nola.org

 

 

  • dalle ore 9.00 alle ore 21.00
     
     
     
     
  •  
     
     

     
    Piazza Cota

    Piazza Cota , Piano di Sorrento, 80063 Piano di Sorrento
In occasione della Festa della Mamma vi aspettiamo in Piazza Cota al nostro stand con tante nuove creazioni dedicate alla mamma e non solo, tutte inspirate al romantico stile Shabby Chic!
 
 
 
 
Ritorna a grande richiesta al " Teatro Supercinema di Castellammare di Stabia Corso Vittorio Emanuele 97, Tel 081 871 7058 il nuovo lavoro di Gerardo Amarante e gli spaccapaese tra tradizione , musica popolare e classica Napoletana.
Per info e prenotazioni  Gerardo Amarante 3348412212 Vincenzo Ciccarelli 3498117770 Ciro Bianchi 3318757422
Massimo De Maria 3489117757
 
 
Wonderwall Art Gallery di Sorrento presenta, sabato 9 Maggio ore 19, la mostra di fotografia e scultura dal titolo “IDENTITÁ VS OMOLOGAZIONE” a cura di Manuela Esposito, Caterina Ianni e Antonino Stinga. La rassegna, concepita come un nuovo progetto espositivo, rivela come le differenze tra esseri umani siano legate strettamente a questi due aspetti fondamentali della vita: l’identità personale e il desiderio di essere parte di un macrocosmo umano. 
L’esposizione raccoglie la visione di tre artisti del panorama contemporaneo, Giovanni Presutti, Ludovica Bastianini e Laura Polli Fontana, che testimoni di differenti background culturali hanno dato voce singolarmente al concetto dell’identità contro l’omologazione mettendone in evidenza assonanze e contraddizioni. La loro ricerca raccontata attraverso differenti mezzi espressivi, si concentra sui temi quali il rapporto uomo-natura, le condizioni di dipendenza e la propria ricerca interiore. Temi che costituiscono la trama di questo percorso, che ci condurrà alla riflessione su contenuti etico-sociali legati all’attualità; una scelta curatoriale che ha lo scopo di realizzare un dialogo tra arte e pubblico ma soprattutto di creare un’atmosfera di immersione totale nella meraviglia dell’arte.
Per la sezione inerente all’ OMOLOGAZIONE ad accogliere il visitatore sono i lavori del fotografo Giovanni Presutti. Con Hipsta.nothing, Presutti realizza – come scrive Caterina Ianni nel testo critico della mostra – un’affascinante denuncia sull’atteggiamento foto-maniaco della società contemporanea: una scacchiera dinamica, scandita dalla variazione tonale, in cui il mondo della Pop Art diviene una citazione a cui l’artista ricorre, sia nella scelta di soggetti come la Marilyn di Warhol, fotografata mentre è immortalata da voyeur della bellezza, sia nell’uso di una meccanica ripetizione del soggetto. Con Dependency invece, un progetto che rientra ugualmente nel tema dell’omologazione, Presutti “crea un lavoro dedicato alle “dipendenze da”. Una tematica di cui parla senza mai ricorrere ad un linguaggio violento o volutamente iconoclasta ma lasciando spazio ad un’affilata ironia”(C.I.). 
La rassegna prosegue con una sezione dedicata al BINOMIO IDENTITÀ OMOLOGOZIONE dove troviamo “Eolo, reportage sugli impianti eolici italiani, un lavoro in cui Presutti documenta la coesistenza tra ambiente (identità) e tecnologia (omologazione), dando vita ad immagini poeticamente pittoresche: fotografie, quali quiete sospensioni del tempo e dello spazio, attraverso cui l’artista ha ricreato una dimensione parallela a quella della realtà fotografata, trasformando il binomio uomo-natura in una dimensione onirica suggestiva”.(C.I.) L’esposizione continua con l’ultima sezione riservata al tema dell’IDENTITÀ e lo spettatore si troverà dinanzi alle opere fotografiche di Ludovica Bastianini silenziosamente osservate dalle opere scultoree di Laura Polli Fontana. I lavori della Bastianini, Ronda de la Torrassa 97 e Senza pelle, rispecchiano di fatto l’ indagine sul sé: “una ricerca che l’autrice sperimenta prima in sé stessa, poi nell’altro: immortala sé stessa, oggetti ed interni, immagini congelate in una dimensione di ricordo e ri-scoperta del sé. E poi ancora, ci rivela il racconto del proprio sentire attraverso il corpo e lo sguardo di altre donne ritratte sotto una nuova pelle-veste: togliere figurativamente il primo strato di epidermide, per poter indossare il pigmento pittorico, quale simbolica espressione dell’autentica rivelazione di un’identità più profonda. Un fotografico racconto autobiografico che dialogherà con le fanciulle in bronzo di Laura Polli Fontana, a loro volta capaci di racchiudere emblematicamente l’intero emisfero femminile. Sculture raffinate di donne, definite da una sintesi formale, in cui quella linea ora curva ora spigolosa ora sinuosa riesca a contenere un tempo indefinito. L’artista anima le sue fanciulle, Lavinia, Eugenia, Anastasia, attraverso la scelta di significativi movimenti o pose, in cui queste donne dalla pelle vibrante si offrono allo sguardo dello spettatore”. (C.I.)
 
 
 
Mamma è una parola dolce e soave, musica armoniosa del cuore, sentimento che racchiude l'essenza d'ogni creatura umana. Nessuno al suo dolce suono rimane insensibile, poiché la identifica con la parola amore. Il suo dolce nome evoca i momenti più belli della nostra infanzia, quando lei ci cullava tra le sue braccia, e i suoi occhi, stracolmi d'affetto, ci hanno regalato intensi momenti di felicità. In ogni istante la mamma è la nostra certezza: vicina nei momenti felici per gioire e nelle difficoltà per incoraggiarci. Le sue carezze scendono come balsamo sul cuore per infonderci coraggio e ardore. In nessun momento ci ha tradito, e ci ha donato la sua vita; per questo mai nessuno potrà sostituirla nel nostro cuore.
Lassù nel cielo e nella gloria celeste abbiamo un'altra mamma che non vuole sostituirsi alla mamma terrena, ma brama per amarci ancor più di un figlio. È Maria, la mamma di Gesù che, alleata al figlio, desidera la redenzione d'ogni creatura umana. Come una mamma terrena è sempre accanto per aiutarci nelle difficoltà del cammino terreno, e desidera prenderci la mano per condurci a conoscere l'ardente amore di Dio. Di Maria Santissima possiamo fidarci. La sua voce ti sussurra… Sono contenta quando nella preghiera fai salire al cielo il tuo affetto per me. Ti esorto, abbandona tutto ciò che ti lega all'umano. Le cose del cielo rendono felice ogni creatura, perché attendi ancora?
Coraggio, abbatti ogni barriera nel tuo cuore per affidarti al mio. Volgi gli occhi al cielo ed io ti condurrò alla battaglia più bella: la via dell'amore.
Non aver paura di combattere, le bandiere del cielo sventolano davanti ai tuoi passi. Procedi con l'ardore di un prode, certo di ottenere l'aiuto necessario per vincere; quando sei stanco rifugiati nelle mie braccia e sentirai il mio ardente amore.
Ti aspettiamo come ormai da 35 anni nella Chiesa della SS. Annunziata in Sorrento per tributare l'omaggio alla Mamma Celeste e a tutte le Mamma, con il Concerto del Coro S. Monica, al termine della manifestazione una rosa a tutte le Mamme presenti
 
POST
 
 
Passi nel territorio" è un progetto di trekking urbano, promosso dall'Associazione Accosta in collaborazione con il Comune di Vico Equense, e consiste in un ciclo di passeggiate guidate gratuite rivolte alla riscoperta delle bellezze naturalistiche, culturali e gastronomiche della Città di Vico e dei suoi borghi.

Per info e prenotazioni: tel. +39 3279323724 
email. accosta.vico@gmail.com

 
 
FriendSheep for Culture presenta:

"Viaggi Su mARTE" – pARTE prima:

"STRINGHE SUL MARE"…di Massimo Rizzuto…

Cultura&Solidarietà Domenica 10 Maggio al Museo Correale di Terranova, Un evento reso possibile dal Sindaco di Sorrento Avv."Giuseppe Cuomo" e Dall'assessore alle Politiche Giovanili Avv."Massimo Coppola", in collaborazione con l'Associazione "Amiche del Museo" e con l'associazione "Gioia di Vivere".

info: 3428018886

L'evento:
Dalle 19.00 in poi di Domenica 10 Maggio sarà possibile visitare la mostra d'arte contemporanea "Stringhe sul Mare" di Massimo Rizzuto, presso i giardini del Museo Correale di Terranova a Sorrento; a seguire aperitivo con DjSet a cura di Artistica nella splendida terrazza sul mare, adiacente al Grand Hotel Ambasciatori.
Una giornata all'insegna della cultura e della solidarietà, infatti parte dell'incasso sarà devoluta in beneficenza all'associazione "Gioia di Vivere".

Viaggi su mARTE:
Il progetto è volto a presentare una serie di eventi contemporanei sul territorio, con l'intento di mostrare un'arte concepita in maniera moderna ed attuale. Dei veri e propri viaggi su pianeti dalla creatività inesplorata.

L'artista:
Massimo Rizzuto, giovane artista romano inizia il suo percorso artistico a Tenerife dove lavora come incisore e pittore esponendo in Spagna, Germania, Lussemburgo. Torna in Italia nel '96; in questi ultimi 20 anni il suo lavoro tocca il deisgn, l'architettura, la scenografia. Il Suo approccio ricorda quello dell'artista rinascimentale.

http://massimorizzuto.com/

La Mostra:
"Stringhe", che espone a Sorrento è realizzata con fil di ferro, omini in miniatura e luce; completamente immersa nel buio, si affida a una o più fonti che proiettano sulle pareti bianche un gioco di riflessi in movimento, dove i personaggi che la compongono e la popolano, ingranditi e moltiplicati, vengono fatti roteare in un mondo di opportunità, fatte di vie lineari e cerchi concentrici, ramificazioni disordinate e brusche rotture.
Al centro del lavoro è l'uomo, in tutta la sua bellezza e poesia; all'interno dell'intricata matassa, si agitano piccoli momenti quotidiani, dal vecchio che torna piano verso casa col suo bastone alla giovane coppia al primo incontro, dalla madre col suo bambino al ragazzo diretto al lavoro. Attimi vissuti da tutti, l'immenso mistero che sottende la vita, la sua magia e meraviglia. Secondo una concezione rinascimentale, l'uomo è fulcro e misuratore di tutte le cose, non in preda ad uno shock esistenziale ma conscio e saldo nelle opportunità che gli vengono offerte. 
Quella di Massimo Rizzuto è una visone positiva, che ha piena fiducia nelle facoltà umane.

Official Parteners: Acqua 'e Sale – La Dolce Sorrento 
Special Thanks: Hotel Gardenia – AGA Costruzioni – Vision Wood – Sacro&Profano – Grand Hotel Ambasciatori.