Intervista a Sergio Manna, organizzatore di eventi, a cura di Maurizio Vitiello.

0

Intervista di Maurizio Vitiello – Risponde alle domande l’organizzatore di eventi Sergio Manna.

 

MV – Napoli sembra essere presente nella logica  della promozione artistica?
SM – Ebbene sì, sicuramente presente con le bellezze invidiabili, ma non tanto rivalutate come debitamente avrebbero bisogno.

MV – Napoli l’hai scelta per i tuoi eventi?
SM – Soprattutto Napoli città nella quale io ho residenza, organizzo eventi nei luoghi che offrono location superlative con contorni estremamente suggestivi, anche se negli ultimi tempi rimane una piazza difficile da sostenere.

MV – Quali personaggi teatrali e  musicali ti hanno colpito di più, nel tempo? e perché?
SM – I personaggi teatrali? Tanti. Da Cyrano de Bergerac a Eduardo de Filippo a Giorgio Strehler a Pupella Maggio e etc. tutti per lo stesso identico motivo …. il fascino dell’ espressione, il trasudare un personaggio, e inoltre l’empatia che questi attivano.
Quelli musicali: Battisti, Celentano, Zero, Mina, Vanoni, Dalla, Lou Reed, Peter Frampton, James Brown, Deep Purple, Talk Heads e tanti altri … io amo la musica, essa è parte di me.

MV – Ci sarà risoluzione dei problemi teatrali e musicali napoletani in questo momento di crisi?
SM – Crisi? … spero proprio di si, ma noi ci diamo dentro fino che c’è …

MV – I nodi sono tanti, vero?
SM – La cura e l’ intento delle organizzazioni con dovuti interessi guariscono qualsiasi male.

MV – Andresti a vivere lontano da Napoli?
SM – Amo molto la mia città; non potrei farne a meno, anche con i suoi difetti … forse allontanarsi …, ma .. poi per ritornare sicuramente.

 

Intervista di Maurizio Vitiello – Risponde alle domande l'organizzatore di eventi Sergio Manna.

 

MV – Napoli sembra essere presente nella logica  della promozione artistica?
SM – Ebbene sì, sicuramente presente con le bellezze invidiabili, ma non tanto rivalutate come debitamente avrebbero bisogno.

MV – Napoli l'hai scelta per i tuoi eventi?
SM – Soprattutto Napoli città nella quale io ho residenza, organizzo eventi nei luoghi che offrono location superlative con contorni estremamente suggestivi, anche se negli ultimi tempi rimane una piazza difficile da sostenere.

MV – Quali personaggi teatrali e  musicali ti hanno colpito di più, nel tempo? e perché?
SM – I personaggi teatrali? Tanti. Da Cyrano de Bergerac a Eduardo de Filippo a Giorgio Strehler a Pupella Maggio e etc. tutti per lo stesso identico motivo …. il fascino dell' espressione, il trasudare un personaggio, e inoltre l'empatia che questi attivano.
Quelli musicali: Battisti, Celentano, Zero, Mina, Vanoni, Dalla, Lou Reed, Peter Frampton, James Brown, Deep Purple, Talk Heads e tanti altri … io amo la musica, essa è parte di me.

MV – Ci sarà risoluzione dei problemi teatrali e musicali napoletani in questo momento di crisi?
SM – Crisi? … spero proprio di si, ma noi ci diamo dentro fino che c'è …

MV – I nodi sono tanti, vero?
SM – La cura e l' intento delle organizzazioni con dovuti interessi guariscono qualsiasi male.

MV – Andresti a vivere lontano da Napoli?
SM – Amo molto la mia città; non potrei farne a meno, anche con i suoi difetti … forse allontanarsi …, ma .. poi per ritornare sicuramente.