Europa League:Il Napoli adesso puo’ sognare semifinale dopo 26 anni.Le pagelle -Benitez non rovini la festa azzurra

0

In Europa League  il Napoli pesca il Dnipro

Supersfida Barcellona-Bayern. Partenopei con gli ucraini della Dnipro. I viola con il Siviglia

Dopo la grande vittoria in Germania il Napoli elimina a Fuorigrotta il Wolsfburg.Glli azzurri approdano alle semifinali di Europa League, un risultato che fa ritornare nella mente di tutti i tifosi con un brivido che attraversa tutto il corpo i tempi di Maradona. che dopo 26 anni ritrova la semifinale di una coppa europea: nel 1989 Maradona e compagni, dopo aver eliminato la Juve nel quarti, fecero fuori il Bayern Monaco e lo Stoccarda in finale. Oggi tutti  attendono il sorteggio di Nyon.Il Siviglia è la squadra da evitare assolutamente ,ha vinto l’Europa League tre volte negli ultimi nove anni. 

Maradona felice «Spero che il Napoli vinca in Europa»

RANKING UEFA – Napoli 21esimo, agguantato il Milan

Ivan Perisic, attaccante del Wolfsburg e della Croazia, ha rilasciato un’intervista  a Radio Kiss Kiss Napoli:Un mio trasferimento al Napoli.Nella vita tutto è possibile

Miki De Lucia per Positanonews

In tribuna ad applaudire i suoi ex compagni  Pepe Reina. Non è la prima volta che il portiere spagnolo arriva al san Paolo per vedere gli azzurri. Così come De Guzman, Strinic e Colombo che hanno assistito alla partita dalla tribuna stampa. Amuleti che sicuramente il Napoli vorrà conservare anche per l’andata delle semifinali per aprire le porte ad un sogno

Napoli – Wolsfburg non è stata una grande partita,primo tempo da dimenticare,altro Napoli nella ripresa   con i gol diCallejon e Mertens a sancire di nuovo e definitivamente una superiorità già dimostrata in lungo e in largo a Wolfsburg: è così che il Napoli vola a prendersi la semifinale di Europa League, anche se una volta sul 2-0 gli azzurri si addormentano completamente lasciando spazio al ritorno tedesco e ai gol di Klose (solo omonimo dell’attaccante della Lazio) e Perisic per il pareggio finale che serve solo a rendere meno amara l’eliminazione agli uomini di Hecking. Ma nonostante la vittoria contro il Wolfsburg, tra De Laurentiis e Benitez non c’è piu’ feeling.   Perché De Laurentiis non accetta più l’integralismo dell’allenatore: sbottò due settimane fa dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia, magari avrebbe voluto già farlo dopo aver assistito alla umiliante sconfitta a Verona a metà marzo. Perché Benitez non ha sopportato l’ordine presidenziale di un maxi ritiro che è stato poi ridotto a pochi giorni, avendo il patron apprezzato il comportamento della squadra ed essendo il primo tifoso,quindi a volte propenso a ragionare più con ilcuore che con la testa. È molto probabile che il sodalizio si interrompa,si spera dopo la partecipazione alla finale di Europa League e alla conquista del trofeo. Ma Benitez cerchi di non alimentare tensioni, ad esempio con quel polemico giudizio sui ritiri («Roba degli anni’70»):un meccanismo deve essere pure scattato a Castelvolturno,dopo quel diktat di DeLaurentiis sono arrivati significativi risultati in campionato e in Europa.Non si deve rovinare una festa che hanno costruito anzitutto presidente e allenatore in questi mesi. Certo, ci sono stati alti e bassi,mac’è ancora tempo per divertirsi, magari regalando a Napoli un trofeo internazionale e conquistando un posto-Champions che darebbe forza alprogetto finanziarioe tecnico per la prossima stagione. Poi magari ognuno prenderà la propria strada: Benitez sceglierà un’altra panchina e un altro business plan, De Laurentiis un altro allenatore, magari quel rampante serbo, Mihajlovic,che domenica si presenta  con la Sampdoria al SanPaolo per stupire. 

IL TABELLINO

NAPOLI-WOLFSBURG 2-2

Napoli (4-2-3-1): Andujar 7; Mesto 5, Albiol 6, Britos 6, Ghoulam 5,5; David Lopez 6, Inler 5,5; Callejon 6,5, Hamsik 5 (15′ st Insigne 6), Mertens 6,5 (38′ st Henrique sv), Higuain 7,5 (23′ st Zapata 6). A disp.: Rafael, Jorginho, Gargano, Gabbiadini. All.: Benitez 6

Wolfsburg (4-2-3-1): Benaglio 6; Trasch 6 (34′ st Dost sv), Naldo 6, Klose 6, Rodriguez 5,5 (23′ st Schafer 6); Guilagovui 6 (30′ st Jung sv), Luiz Gustavo 5,5; Caligiuri 6,5, Arnold 5, Perisic 7, Bendtner 6. A disp.: Grun, Ochs, Knoche, Seguin. All.: Hecking 6

Arbitro: Cakir (Turchia)

Marcatori: 5′ st Callejon, 20′ st Mertens, 26′ st Klose (W), 28′ st Perisic (W)

 

                                                                 Le pagelle

                            Andujar, quel portiere diventato una vera “seguridad     

 6,5 Andujar Prodigiosa la parata su Perisic in avvio di partita, un balzo felino per togliere la palla dall’incrocio dei pali. Ottimo anche un intervento successivo su Bendtner. Peccato per i due gol presi nel finale,incolpevole in entrambe le circostanze. L’argentino dà sicurezza all+intero reparto

6 Mesto Schierato al posto di Maggio se la cava piuttosto bene sulla fascia non macchiandosi di errori particolari, dal suo lato c’è Perisic che sfiora un gol in avvio e realizza di forza il 2-2. L’ex genoano è uno di quegli elementi importanti in un gruppo perché si fanno sempre trovare pronti all’occorrenza

6 Albiol Uno dei più impiegati da Benitez. Per lo spagnolo non c’è praticamente quasi mai la possibilità di tirare il fiato perché è lui il regista difensivo. Suo subito un salvataggio in scivolata, contrasta con efficacia nel primo tempo e tampona le situazioni di pericolo fino al black out generale che costa due gol

6,5 Britos L’uruguaiano si conferma sempre più la vera scommessa vinta da Benitez. Determinato e attento su ogni pallone, sue le chiusure più complicate, soprattutto in aiuto a Ghoulam.Energico ed efficace, contributo essenziale anche nel gioco aereo, nel cuore della difesa è lui che dà maggiore affidabilità

5,5 Ghoulam Balla un po’ troppo dal suo lato l’algerino anche se poi riesce a rimettersi in carreggiata ricorrendo all’esperienzae al senso di posizione. Partita più di attesa che di spinta,il Napol ipartendo dal 4-1 dell’andata non ha bisogno infatti di forzare più di tanto e di lasciare spazi pericolosi per le iniziative dei tedeschi.

5,5 Inler Sbaglia qualche passaggio ditroppo e non riesce ad alimentare con continuità l’azione, primo tempo sotto tono, si riprende anche lui nella ripresa. Lo svizzero non gira su ritmi veloci però riesce sempre ad assicurare sostanza al reparto e non si tirai ndietro quando c’è da contrastare con energia.

 

6 David Lopez Lo spagnolo è quello più di tutti chiamato a far legna, si sacrifica molto nel primo tempo quando il pallino del gioco è tutto nella mani del Wolfsburg con un giro palla contini e rapido.Gioca in modo elementare ma funzionale a quello che è il 4-2-3-1 di Rafa, cioè da mediano di protezione alla difesa a quattro

7 Callejon Segna conl’involontaria complicità di Rodriguez, ormai è tornato al livello dei giorni migliori.Segna ancora dopo lereti allaFiorentina e alCagliari e si sblocca in Europa dove finora era all’asciutto. Sfiora altre reti e soprattutto gioca con grande continuità assicurando un contributo continuo alla fase difensiva.

 6 HamsikLo slovacco è meno brillante rispetto alla gara di andata dovefu devastante.Però conferma di aver ritrovato fiducia e condizione atletica migliore muovendosi con buona agilità trale linee. Si propone per ricevere il pallone dai compagni e si sacrifica molto in fase di non possesso rincorrendogli avversari

 7 Mertens Cerca e trovail gol con grande caparbietà. Dopo una prima frazione di sacrificio, impegnato anche lui con tutti i compagni in contenimento, parte con straordinaria esplosività nella ripresa e il suo impatto di grande energia al ritorno in campo dopo l’intervallo trascina tutti i compagni.

6,5 Higuain Non segna ma s’impegna fino in fondo uscendo tra gli applausi di tutto lo stadio. Un gol lo sfiora all’ultimominuto del primo tempo con una girata di sinistro vicinissima al palo, magistrale la sua giocata che manda in porta Callejon nell’azione del vantaggio azzurro in fantastica ripartenza

6,5 Insigne Entra in campo con grande entusiasmo, scatta, dribbla e si propone per gli uno-due con Mertens.Sta ritrovando i suoi colpi e una condizione atletica migliore.Ci sono tutti i presupposti per un finale di stagione su alti livelli,per poter dare un contributo decisivo sia inEuropa League che in campionato.

6 Zapata  Quando entra in campo il Napoli ha ormai abbassato i ritmi e arrivano anche i due gol de tedeschi. Si batte comunque con ardore e prova qualche progressione palla al piede, la sua specialità, la giocatachegliconsente di esibire al sua forza fisica. Non è semplice il ruolo di vice-Higuain,bravo a farsi trovare pronto.

6,5 Benitez  L’impresa l’aveva compiuta all’andata conil trionfo in Germania che resterà nella storia del Napoli. Completal’opera alSan Paolo con una partita di attesa nel primo tempo e una partenza a razzo in avvio di ripresa. Peccato per il calo di concentrazione dopo il doppio vantaggio. La squadra mostra una buona condizione atletica in un momento topico della stagione. L’eliminazione del Wolfsburg, squadra seconda in Bundesliga, rappresenta un grande colpo.

                                                        Cakir glissa sull’offside sul gol di Perisic

Prestazione positiva dell’arbitro turco Cakir.Avvio del match con le squadre aggressive sul portatore di palla. L’esperto Cakir con apprezzabi le mobilità segue le giocate limitando cosi le interruzioni di gioco grazie alla vicinanza (efficace deterrente).Approccio intelligente.All’11’ su giocata di Arnold,Albiolvicino sembra che intercetti con la mano. L’arbitro non interviene.Ok.Al 22 ‘contatto Ghoulam-Trasch,con quest’ultimo che resta dolorante a terra.Cakir opta per l’interruzione volontaria. In effettil’algerino cerca di colpire la palla anticipando l’avversario ma  l’intervento è scomposto:manca i lfallo.Al 24′ dubbio contatti Callejon-LuizGustavoe Higuain-Klosenon rilevati dall’arbitro.Al 34’e al 35′ sono corrette le chiamate per offside.Al 37′ Arnoldin scivolata anticipa Higuain ma non perl’arbitro.Nella ripresa, al 4′ su assist di Higuain,Callejon scatta in posizione regolare, controlla e segna.Benel’assistente Ongun.Al 28’in occasione della rete di testa di Perisic, Guilavoguiche crossa è di poco oltre i lpenultimo difensore.Dunque gol viziato da fuorigioco non rilevato dall’assistente Duran.Al 37’ sugiocata di Mertens, Luiz Gustavo in scivolata e con braccio piegato intercetta con il gomito il pallone. L’arbitro vicino fa cenno di proseguire. Poco discutibile

Fonte:ilmattino

In Europa League  il Napoli pesca il Dnipro

Supersfida Barcellona-Bayern. Partenopei con gli ucraini della Dnipro. I viola con il Siviglia

Dopo la grande vittoria in Germania il Napoli elimina a Fuorigrotta il Wolsfburg.Glli azzurri approdano alle semifinali di Europa League, un risultato che fa ritornare nella mente di tutti i tifosi con un brivido che attraversa tutto il corpo i tempi di Maradona. che dopo 26 anni ritrova la semifinale di una coppa europea: nel 1989 Maradona e compagni, dopo aver eliminato la Juve nel quarti, fecero fuori il Bayern Monaco e lo Stoccarda in finale. Oggi tutti  attendono il sorteggio di Nyon.Il Siviglia è la squadra da evitare assolutamente ,ha vinto l'Europa League tre volte negli ultimi nove anni. 

Maradona felice «Spero che il Napoli vinca in Europa»

RANKING UEFA – Napoli 21esimo, agguantato il Milan

Ivan Perisic, attaccante del Wolfsburg e della Croazia, ha rilasciato un'intervista  a Radio Kiss Kiss Napoli:Un mio trasferimento al Napoli.Nella vita tutto è possibile

Miki De Lucia per Positanonews

In tribuna ad applaudire i suoi ex compagni  Pepe Reina. Non è la prima volta che il portiere spagnolo arriva al san Paolo per vedere gli azzurri. Così come De Guzman, Strinic e Colombo che hanno assistito alla partita dalla tribuna stampa. Amuleti che sicuramente il Napoli vorrà conservare anche per l’andata delle semifinali per aprire le porte ad un sogno

Napoli – Wolsfburg non è stata una grande partita,primo tempo da dimenticare,altro Napoli nella ripresa   con i gol diCallejon e Mertens a sancire di nuovo e definitivamente una superiorità già dimostrata in lungo e in largo a Wolfsburg: è così che il Napoli vola a prendersi la semifinale di Europa League, anche se una volta sul 2-0 gli azzurri si addormentano completamente lasciando spazio al ritorno tedesco e ai gol di Klose (solo omonimo dell'attaccante della Lazio) e Perisic per il pareggio finale che serve solo a rendere meno amara l'eliminazione agli uomini di Hecking. Ma nonostante la vittoria contro il Wolfsburg, tra De Laurentiis e Benitez non c'è piu' feeling.   Perché De Laurentiis non accetta più l’integralismo dell’allenatore: sbottò due settimane fa dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia, magari avrebbe voluto già farlo dopo aver assistito alla umiliante sconfitta a Verona a metà marzo. Perché Benitez non ha sopportato l’ordine presidenziale di un maxi ritiro che è stato poi ridotto a pochi giorni, avendo il patron apprezzato il comportamento della squadra ed essendo il primo tifoso,quindi a volte propenso a ragionare più con ilcuore che con la testa. È molto probabile che il sodalizio si interrompa,si spera dopo la partecipazione alla finale di Europa League e alla conquista del trofeo. Ma Benitez cerchi di non alimentare tensioni, ad esempio con quel polemico giudizio sui ritiri («Roba degli anni’70»):un meccanismo deve essere pure scattato a Castelvolturno,dopo quel diktat di DeLaurentiis sono arrivati significativi risultati in campionato e in Europa.Non si deve rovinare una festa che hanno costruito anzitutto presidente e allenatore in questi mesi. Certo, ci sono stati alti e bassi,mac’è ancora tempo per divertirsi, magari regalando a Napoli un trofeo internazionale e conquistando un posto-Champions che darebbe forza alprogetto finanziarioe tecnico per la prossima stagione. Poi magari ognuno prenderà la propria strada: Benitez sceglierà un’altra panchina e un altro business plan, De Laurentiis un altro allenatore, magari quel rampante serbo, Mihajlovic,che domenica si presenta  con la Sampdoria al SanPaolo per stupire. 

IL TABELLINO

NAPOLI-WOLFSBURG 2-2

Napoli (4-2-3-1): Andujar 7; Mesto 5, Albiol 6, Britos 6, Ghoulam 5,5; David Lopez 6, Inler 5,5; Callejon 6,5, Hamsik 5 (15' st Insigne 6), Mertens 6,5 (38' st Henrique sv), Higuain 7,5 (23' st Zapata 6). A disp.: Rafael, Jorginho, Gargano, Gabbiadini. All.: Benitez 6
Wolfsburg (4-2-3-1): Benaglio 6; Trasch 6 (34' st Dost sv), Naldo 6, Klose 6, Rodriguez 5,5 (23' st Schafer 6); Guilagovui 6 (30' st Jung sv), Luiz Gustavo 5,5; Caligiuri 6,5, Arnold 5, Perisic 7, Bendtner 6. A disp.: Grun, Ochs, Knoche, Seguin. All.: Hecking 6
Arbitro: Cakir (Turchia)
Marcatori: 5' st Callejon, 20' st Mertens, 26' st Klose (W), 28' st Perisic (W)
 

                                                                 Le pagelle

                            Andujar, quel portiere diventato una vera “seguridad     

 6,5 Andujar Prodigiosa la parata su Perisic in avvio di partita, un balzo felino per togliere la palla dall'incrocio dei pali. Ottimo anche un intervento successivo su Bendtner. Peccato per i due gol presi nel finale,incolpevole in entrambe le circostanze. L'argentino dà sicurezza all+intero reparto

6 Mesto Schierato al posto di Maggio se la cava piuttosto bene sulla fascia non macchiandosi di errori particolari, dal suo lato c'è Perisic che sfiora un gol in avvio e realizza di forza il 2-2. L'ex genoano è uno di quegli elementi importanti in un gruppo perché si fanno sempre trovare pronti all'occorrenza

6 Albiol Uno dei più impiegati da Benitez. Per lo spagnolo non c'è praticamente quasi mai la possibilità di tirare il fiato perché è lui il regista difensivo. Suo subito un salvataggio in scivolata, contrasta con efficacia nel primo tempo e tampona le situazioni di pericolo fino al black out generale che costa due gol

6,5 Britos L'uruguaiano si conferma sempre più la vera scommessa vinta da Benitez. Determinato e attento su ogni pallone, sue le chiusure più complicate, soprattutto in aiuto a Ghoulam.Energico ed efficace, contributo essenziale anche nel gioco aereo, nel cuore della difesa è lui che dà maggiore affidabilità

5,5 Ghoulam Balla un po' troppo dal suo lato l'algerino anche se poi riesce a rimettersi in carreggiata ricorrendo all'esperienzae al senso di posizione. Partita più di attesa che di spinta,il Napol ipartendo dal 4-1 dell'andata non ha bisogno infatti di forzare più di tanto e di lasciare spazi pericolosi per le iniziative dei tedeschi.

5,5 Inler Sbaglia qualche passaggio ditroppo e non riesce ad alimentare con continuità l'azione, primo tempo sotto tono, si riprende anche lui nella ripresa. Lo svizzero non gira su ritmi veloci però riesce sempre ad assicurare sostanza al reparto e non si tirai ndietro quando c'è da contrastare con energia.

 

6 David Lopez Lo spagnolo è quello più di tutti chiamato a far legna, si sacrifica molto nel primo tempo quando il pallino del gioco è tutto nella mani del Wolfsburg con un giro palla contini e rapido.Gioca in modo elementare ma funzionale a quello che è il 4-2-3-1 di Rafa, cioè da mediano di protezione alla difesa a quattro

7 Callejon Segna conl'involontaria complicità di Rodriguez, ormai è tornato al livello dei giorni migliori.Segna ancora dopo lereti allaFiorentina e alCagliari e si sblocca in Europa dove finora era all'asciutto. Sfiora altre reti e soprattutto gioca con grande continuità assicurando un contributo continuo alla fase difensiva.

 6 HamsikLo slovacco è meno brillante rispetto alla gara di andata dovefu devastante.Però conferma di aver ritrovato fiducia e condizione atletica migliore muovendosi con buona agilità trale linee. Si propone per ricevere il pallone dai compagni e si sacrifica molto in fase di non possesso rincorrendogli avversari

 7 Mertens Cerca e trovail gol con grande caparbietà. Dopo una prima frazione di sacrificio, impegnato anche lui con tutti i compagni in contenimento, parte con straordinaria esplosività nella ripresa e il suo impatto di grande energia al ritorno in campo dopo l'intervallo trascina tutti i compagni.

6,5 Higuain Non segna ma s'impegna fino in fondo uscendo tra gli applausi di tutto lo stadio. Un gol lo sfiora all'ultimominuto del primo tempo con una girata di sinistro vicinissima al palo, magistrale la sua giocata che manda in porta Callejon nell'azione del vantaggio azzurro in fantastica ripartenza

6,5 Insigne Entra in campo con grande entusiasmo, scatta, dribbla e si propone per gli uno-due con Mertens.Sta ritrovando i suoi colpi e una condizione atletica migliore.Ci sono tutti i presupposti per un finale di stagione su alti livelli,per poter dare un contributo decisivo sia inEuropa League che in campionato.

6 Zapata  Quando entra in campo il Napoli ha ormai abbassato i ritmi e arrivano anche i due gol de tedeschi. Si batte comunque con ardore e prova qualche progressione palla al piede, la sua specialità, la giocatachegliconsente di esibire al sua forza fisica. Non è semplice il ruolo di vice-Higuain,bravo a farsi trovare pronto.

6,5 Benitez  L'impresa l'aveva compiuta all'andata conil trionfo in Germania che resterà nella storia del Napoli. Completal'opera alSan Paolo con una partita di attesa nel primo tempo e una partenza a razzo in avvio di ripresa. Peccato per il calo di concentrazione dopo il doppio vantaggio. La squadra mostra una buona condizione atletica in un momento topico della stagione. L'eliminazione del Wolfsburg, squadra seconda in Bundesliga, rappresenta un grande colpo.

                                                        Cakir glissa sull’offside sul gol di Perisic

Prestazione positiva dell'arbitro turco Cakir.Avvio del match con le squadre aggressive sul portatore di palla. L'esperto Cakir con apprezzabi le mobilità segue le giocate limitando cosi le interruzioni di gioco grazie alla vicinanza (efficace deterrente).Approccio intelligente.All'11’ su giocata di Arnold,Albiolvicino sembra che intercetti con la mano. L'arbitro non interviene.Ok.Al 22 'contatto Ghoulam-Trasch,con quest'ultimo che resta dolorante a terra.Cakir opta per l'interruzione volontaria. In effettil'algerino cerca di colpire la palla anticipando l'avversario ma  l'intervento è scomposto:manca i lfallo.Al 24' dubbio contatti Callejon-LuizGustavoe Higuain-Klosenon rilevati dall'arbitro.Al 34'e al 35' sono corrette le chiamate per offside.Al 37' Arnoldin scivolata anticipa Higuain ma non perl'arbitro.Nella ripresa, al 4' su assist di Higuain,Callejon scatta in posizione regolare, controlla e segna.Benel'assistente Ongun.Al 28'in occasione della rete di testa di Perisic, Guilavoguiche crossa è di poco oltre i lpenultimo difensore.Dunque gol viziato da fuorigioco non rilevato dall'assistente Duran.Al 37' sugiocata di Mertens, Luiz Gustavo in scivolata e con braccio piegato intercetta con il gomito il pallone. L'arbitro vicino fa cenno di proseguire. Poco discutibile

Fonte:ilmattino